Archivi del giorno: 1 giugno, 2008

Tengo a precisare…

“ Caro Raffaele,

il testo pubblicato su questo Giornale Interattivo

Considerazioni sul terzo punto dell’ordine del giorno dell’odierno consiglio comunale di Paolo Cundari

manca della data di presentazione del documento al Consiglio Comunale nella seduta del 20/12/2007, avente per oggetto:

Indirizzi alla Giunta Municipale per l’adesione a fonti di energia rinnovabile”.

Lo stesso testo è stato da me ripresentato ed ampliato con altre considerazioni nella seduta consiliare del 30 maggio 2008 con oggetto:

Realizzazione di un parco eolico e foto-voltaico nel comune di San Sosti. Dichiarazione di volontà e determinazioni” .

Mi riservo di inviare il testo della predetta deliberazione del 30 maggio 2008, non appena verrà pubblicata con gli interventi dei singoli Consiglieri Comunali.

Colgo l’ occasione per complimentarmi della tua iniziativa interattiva che può contribuire alla comprensione delle vicende politiche del nostro Comune.

Paolo Cundari

DALLE “STRANE” DIMISSIONI DELL’ASSESSORE CUNDARI – RIPARTIAMO TUTTI VERSO UN NUOVO DOMANI

Caro Raffaele, ti esprimo innanzitutto il mio apprezzamento per la creazione di questo sito su San Sosti e auguro che, oltre a far conoscere un po’ di più e meglio il nostro paese, possa contribuire a sviluppare un dibattito politico-sociale che “liberi” e spinga alla partecipazione tutti quei nostri concittadini – giovani e non – che non vogliono accontentarsi dell’esistente (mi riferisco anche al bell’articolo di Elio Ardifuoco).
Detto questo, ti invio il testo di un manifesto-volantino, pubblicato oggi dal gruppo consiliare di minoranza, che parla anche delle pseudo-dimissioni dell’assessore Cundari, il quale ha di fatto avallato e approvato l’ipotesi di installazione delle pale eoliche ma ha inviato al giornale interattivo solo una dichiarazione di sei mesi fa. Già Luigi Fiore ha illustrato alcuni aspetti “strani” della vicenda. In questo manifesto c’è qualche dettaglio in più e un breve rendiconto sul bilancio comunale 2008. Infine, come potrai constatare dalle nostre conclusioni, c’è anche la precisa e ferma intenzione di presentare alle prossime elezioni comunali una lista guidata dalla minoranza che – se non erro – tu non avevi preso in considerazione.

Vincenzo Oliva

DALLE “STRANE” DIMISSIONI DELL’ASSESSORE CUNDARI

RIPARTIAMO TUTTI VERSO UN NUOVO DOMANI

Una cosa è certa: la maggioranza è in crisi, anzi è a pezzi, e si regge solo per scommessa!

E purtroppo, in questa scommessa, non c’entrano minimamente gli interessi della cittadinanza, ma traspare solo l’obiettivo di mantenere, ciascuno, la propria postazione di comando fino alle elezioni dell’anno prossimo.

Il 20 dicembre 2007, in consiglio comunale, erano volate parole grosse tra gli assessori Cundari, Ricca e De Marco, e questo solo perché Cundari aveva espresso una posizione nettamente contraria all’installazione di un parco eolico sul nostro territorio. Ieri sera, invece, lo stesso Cundari, in qualità di responsabile del bilancio, si è esibito in uno spettacolo di contorsionismo politico che ha dell’incredibile. Infatti:

prima ha dichiarato di essere sempre contro le pale eoliche, ma si è astenuto nella votazione perché aveva timore di confondersi con la minoranza (la quale ha votato contro la delega della materia alla giunta, senza entrare nel merito dell’energia eolica, sostenendo che questa dovrebbe essere approfondita e studiata in modo serio assieme a tutte le altre fonti alternative, dotando il nostro Comune di un piano energetico, così come il Consiglio Comunale aveva deliberato il 20.12.2007 istituendo una apposita Commissione consiliare);

poi, ha letto e sottoscritto la relazione programmatica dichiarandosi favorevole all’inserimento dei 60.000 euro, derivanti dal parco eolico, nel bilancio 2008, e quindi ha approvato il tutto con il resto della maggioranza;

poi, ancora, ha annunciato le proprie dimissioni da assessore perché non condivide la scelta sull’eolico;

infine ha affermato che resterà a lavorare da semplice consigliere, fianco a fianco proprio con quella maggioranza da cui si sente diviso su una scelta fondamentale!

Noi lasciamo a cervelli più sopraffini il compito di decifrare tale comportamento, preoccupandoci invece di informare la popolazione che, purtroppo, questa maggioranza non è in grado di delineare nessun futuro al nostro Comune.

Tra i cinque bilanci approvati dalla maggioranza dal 2004 a oggi, quello del 2008 è sicuramente il peggiore. La stessa giunta lo ha definito “asfittico”, cioè senza vita (“rigido”, ha aggiunto l’ancora assessore Cundari!).

Non si prevede, come al solito, nessun tipo di investimento (anche minimo) per migliorare la qualità della vita del nostro paese e/o che possa avere un ritorno economico per le casse comunali.

Una parte dei conti, poi, è campata completamente in aria (per non parlare dei residui per più di 4 milioni di euro)!

Alcuni debiti continuano ad essere ignorati, alcune voci di entrata sono gonfiate qua e là, altre ancora (ben più sostanziose) non hanno nessun fondamento serio per essere realizzate. Lo stesso revisore dei conti ha annotato nella sua relazione che ci sono 108.000 euro di entrate fortemente a rischio: 20.000 dall’antenna Wind, 28.000 dagli immobili del Pettoruto, 60.000 dal parco eolico già citato. E si capisce facilmente perché sono a rischio.

1) L’antenna Wind è sotto sequestro giudiziario per l’illegittima autorizzazione provvisoria rilasciata dal sindaco Bruno. 2) L’entrata derivante dalla struttura del Pettoruto era fallita anch’essa già l’anno scorso e da un anno non si è capaci di trovare una soluzione utile e ragionevole. 3) Le autorizzazioni per i parchi eolici sono state bloccate dalla Regione Calabria per almeno 90 giorni e prevedono, comunque, iter molto lunghi (addirittura 25 livelli di autorizzazioni diverse!).

Ebbene, di fronte a queste evidenze la maggioranza continua a chiudere gli occhi, perché non gliene importa nulla di risanare seriamente il bilancio e programmare con impegno e accortezza lo sviluppo di San Sosti. Presi da tutt’altri pensieri, i nostri amministratori si accorgono degli enormi buchi del bilancio solo quando arriva la scadenza per l’approvazione. E allora via con quello che per prima capita a tiro, purchè si faccia (o si speri di fare) cassa!

Con questo metodo è stata prima distrutta la secolare fiera del Pettoruto; si sta distruggendo ora il patrimonio immobiliare del Pettoruto e, per ultimo, sta andando in frantumi l’assetto finanziario del nostro Comune che cerca semplicemente di stringere un pugno di mosche.

Altro che le dimissioni incomprensibili (solo da assessore) del vice-sindaco-assessore Cundari !

Questi amministratori incapaci se ne dovrebbero andare, subito, tutti a casa !!

Per amministrare una popolazione con tantissimi bisogni non si può seguire la strategia dell’ultimo momento: i cittadini non sono turisti in cerca di offerte last minute!

Occorre ripartire ridando speranza, progetti e slancio a questo Paese.

La minoranza c’è stata, c’è e ci sarà anche alla prossime elezioni: per un futuro diverso dalle asfittiche previsioni dell’assessore Cundari e di tutta la maggioranza che ci governa oggi.

Per un futuro da costruire insieme a tutti quelli che vorranno impegnarsi nella nuova sfida del domani.

Per essere tutti protagonisti, al di fuori di logiche individualistiche e di parte.

San Sosti, 1.6.2008

Il Gruppo di minoranza consiliare “Per San Sosti”

Vincenzo Oliva, Fabio Novello, Enedino Zicarelli