Gli auguri di buon anno a tutti gli ospiti del sito.

Di Raffaele Rosignuolo

Vorrei inviare i miei più sentiti auguri a tutti gli ospiti affezionati che, ogni giorno, spero possano sempre più arricchirsi navigando fra le pagine del sito. Quello che sento di trasmettere, più di ogni altra cosa, è l’augurio di trovare nuovi stimoli e che, nella nostra comunità, ce ne siano tanti e buoni. La frase chiave del futuro deve essere: “dare e recepire stimoli”. Sentirsi stimolati ed operare mantenendosi sempre in vivo contatto con il mondo circostante, nel nostro caso con la piccola San Sosti, significa evitare quell’abbrutimento che vincola la crescita umana della persona. Gli stimoli dovranno provenire dal confronto positivo che arricchisce le relazioni e rende più preparati ad interpretare la quotidianità che si vive. I tempi sono duri, non è facile stare dietro ai cambiamenti ma bisogna farcela per essere sempre performanti su tanti fronti: la famiglia, i figli, il lavoro, la società. Il primo passo, per andare alla ricerca degli stimoli giusti, è uscire dall’isolamento e cominciare a guardare, più spesso, oltre il nostro “bivio”. Lì si trovano più  stimoli che alimentano la fantasia  di  migliorare e la voglia di farlo per superare l’arretratezza culturale che, lì dove esiste, risulta tanto pregiudizievole per la crescita della società. Il sostantivo “arretratezza culturale” che accompagna quasi sempre i commenti di chi ci osserva dall’esterno, deve essere cancellato e, perché ciò si realizzi, è necessario una crescita delle persone. Le persone devono acculturarsi per comprendere meglio la società, i meccanismi che portano allo sviluppo e la capacità di fare scelte giuste. Devono camminare con le proprie gambe e non affidarsi in tutto per tutto ai pochi che ci governano. A questo proposito, vorrei riportare un clamoroso avvenimento storico che riassume, secondo me, il carattere negativo dei meridionali. Penso si possa trovare in questa storia il perchè dei molti mali che affliggono il meridione d’Italia: le mafie, la povertà, l’arretratezza ecc. Nel Vallone di Rovito, più di un secolo fa, furono uccisi due grandi patrioti, i fratelli Bandiera che, mossi da sentimento di unità nazionale vennero in Calabria per fomentare sommosse insurrezionali contro la straniera dominazione Borbonica; ma proprio nella nostra Regione trovarono la morte per essere stati traditi dalla gente. Furono giustiziati dalle guardie reali dei Borboni, i sovrani del regno di Napoli. Le guardie furono gli esecutori di un atroce delitto, ma i veri assassini furono le popolazioni calabresi che ignorando i fermenti insurrezionali che si andavano profilando ed asservite ciecamente ai sovrani stranieri, tradirono i fratelli eroi del nostro Risorgimento e li consegnarono alle guardie  convinte che fossero dei comuni briganti. Fecero così il gioco del nemico oppressore e dimostrarono quanto fossero lontano dai nuovi grandi eventi che stavano pervadendo il nostro Paese. Da questo episodio emergono degli aspetti che possono essere considerati la chiave per spiegare i molti perché della “questione meridionale”.  L’augurio, pertanto, è che ci si cominci ad aprire sempre più al nuovo ed al meglio per uscire dal buio culturale che genera ignavia. E’ l’ignavia la madre di quegli atteggiamenti gattopardeschi, caratteristici di noi gente meridionale, che nella storia ci hanno reso immobili e reattivi di fronte ad ogni ventata di novità. Diamo, pertanto, una svolta al nostro cammino cominciando dalle cose più semplici quali il relazionarci tra noi con lo scambio di idee, di vedute, di conoscenze; partecipando con senso critico e con atteggiamenti propositivi alla gestione della cosa pubblica; esprimendo pareri e renderli pubblici senza paura. Il giornale interattivo che ho creato vuole assecondare, nella nostra piccola realtà, questo nuovo corso con la speranza che questa piccola goccia, sollecitando la sensibilità di tutti, diventi un grande fiume.

Svegliamoci, pertanto, ad un nuovo giorno, camminiamo con gli occhi aperti per diventare artefici del nostro destino che sarà certamente un destino migliore.

Raffaele Rosignuolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...