Rapporto tecnico sui Lavori in località Fra’ Giovanni.

 Di Antonio Castellucci & Antonio Leporace

A beneficio di quanti desiderano conoscere notizie esatte e veritiere sia sugli interventi di progetto realizzati per la fontana di Fra’ Giovanni e più in generale nelle località di “Fra’ Giovanni, Varco e Veniceddra”, che sullo stato dei luoghi prime dell’esecuzione delle opere, la Direzione dei Lavori del progetto sul “Recupero e riqualificazione dei siti degradati del Parco Gola del Rosa”, ritiene utile riportare in sintesi quanto segue:

1) Le finalità del progetto hanno mirato a riqualificare e recuperare zone che si presentavano degradate ed in cattivo stato, ed, infatti (vedi foto allegate prima dell’intervento), i nostri vecchi amati sentieri di Fra’ Giovanni e della Veniceddra, erano in uno stato malridotto e fatiscente, essendo tali piste piene di buche e pozzanghere, invasi da rovi ed immondizia, a tratti non percorribili, instabili ed a rischio idrogeologico. Su questi percorsi, a noi sansostesi tanto cari, si è intervenuti eseguendo un’accurata pulizia della vegetazione infestante e di tutto ciò che degradava l’Ambiente, consolidando poi il fondo dei sentieri e regimentando le acque superficiali, realizzando una pavimentazione in pietra locale e ciottoli di fiume (tipici del luogo), ponendo in opera staccionate in legno di protezione ed arredi anch’essi in legno, quali tettoie, tavoli e panchine. Il tutto quindi, utilizzando materiali ecocompatibili che ben s’integrano con l’ambiente ed anzi valorizzano e riqualificano questi percorsi che erano in stato d’abbandono e forte degrado.

2) In particolare, a proposito delle fontane della Veniceddra e di Fra’ Giovanni, mentre la prima era quasi ormai inesistente, ridotta ad un pezzo di vecchia canaletta di plastica, la fontana di Fra’ Giovanni si presentava in stato di degrado, oltre tutto deturpato ed alterato con diversi rattoppi di cemento mal eseguiti. Infatti, il manufatto (vedi foto) appariva con un paramento murario (parte alta) in vecchi mattoni, in parte ricoperti da muschio ed imbrattati con cemento, ed una parte bassa costituita dalla vasca ed il suo basamento, formata da vari strati di cattivo calcestruzzo, rattoppato ed eseguito a più riprese ed in più tempi (anche recenti), che si presentava spaccato in più parti ed in pessimo stato; infine nella parte centrale erano presenti cinque fori per l’uscita dell’acqua, deturpati e non fruibili, perché alcuni otturati con cemento, altri muniti di pezzi di tubi di ferro o di gomma, messi in opera in modo approssimativo.

3) L’intervento scelto per la fontana di Fra’ Giovanni ha mirato alla sua valorizzazione, innanzitutto preservando i suoi elementi caratteristici e di pregio storico, tanto che si è lasciata immutata tutta la parte vecchia in mattoni (vedi foto dopo l’intervento), operando su di essa solo con la pulizia degli stessi; in secondo luogo, visto che la vasca e la parte bassa era composta da calcestruzzo fatiscente, con i numerosi rattoppi e sovrapposizioni che avevano deturpato l’originaria tipologia della stessa fontana, si è optato di rivestire tale parte con mattoni d’argilla, proprio per richiamare gli antichi connotati del manufatto, evidenti sulla parte vecchia lasciata inalterata. Infine, per dare una corretta funzionalità ed uniformità alla fuoriuscita dell’acqua, si sono ripristinati tutti i fori, dotandoli di beverini in ottone color bronzo anticato.

TUTTE LE FOTO DELL’AREA DI FRA’ GIOVANNI E DELLA “VENICEDDRA” PRIMA E DOPO GLI INTERVENTI DI RECUPERO

Ing. Antonio Castellucci

Ing. Antonio Leporace


Annunci

6 risposte a “Rapporto tecnico sui Lavori in località Fra’ Giovanni.

  1. AnOnImO fOrZaTo

    W GLI INGEGNERI!

    Mi piace

  2. Purtroppo, per voi, le foto della fontana parlano chiaro: il lavoro fatto non ha nulla a che fare con i più elementari canoni di un restauro conservativo … i mattoncini non c’entrano assolutamente con la costruzione e con il contesto … un lavoro del genere avrebbe meritato uno studio più attento.

    Mi piace

  3. libero cittadino

    Oh, finalmente avete risposto!!
    Questo dovrebbe farlo anche il signor Sindaco, e dare una delucidazione alla popolazione, ma inspiegabilmente rimane ancora dietro le quinte, non potendo questa volta, tributare a suo modo, e in suo favore, lodi piene di “straordinarie”parole.
    Comunque, resta il fatto carissimi tecnici, che la fontana l’avete snaturata.
    Ben vengano, i miglioramenti, quali la strada, le panchine e le staccionate, che sicuramente hanno abbellito il posto rendendolo più fruibile a tutti,ma la fontana l’avete irrimediabilmente distrutta. Non c’è altro termine da usare, è proprio un OBBROBRIO.
    Se c’era una cosa da fare alla fontana, era solo quella di PULIRLA, basta! Era un monumento, storico e antichissimo e voi non siete stati in grado di capirlo.
    Per quanto riguarda l’intero sito, smettiamola di usare paroloni, quali:” recupero, degrado, rapporto tecnico” ecc, le foto che avete pubblicato, rappresentavano il reale stato, dovuto alla sola mancanza di ordinaria manutenzione e pulizia, che in tutti paesi quotidianamente viene eseguita, ma che a San Sosti, grazie a questa “straordinaria” Amministrazione da anni non si usa più fare.
    Il paese, è come un giardino o una casa, se non viene pulito di tanto in tanto, si riduce in quelle condizioni.
    Si vedono spazzini, pardon operatori ecologici in giro? Un tempo se ne vedevano tanti , con quelle tute rosse, ora dove sono?
    Avete visto in che stato sono ridotte le nostre strade e le nostre Piazze? Puzza e sporcizia ovunque.
    Questo è il vero degrado, Questo è il malcontento della gente, Questa è la realtà di San Sosti.

    Un libero cittadino sansostese.

    F

    Mi piace

  4. evviva!!!! libero cittadino sono pienamente daccordo con te.

    Mi piace

  5. Santino Marasco

    Cari Ingegneri, il fatto che Voi avete cambiato in meglio il sito di Fra Giovanni, quello è ovvio, ma con il Vostro intervento, mediante la Vostra pubblicazione dell’articolo, non avete risposto alla domanda che effettivamente hanno posto tutti i cittadini a Voi ed agli Amministratori: perchè avete rovinato la fontana di “Fra Giovanni”?
    Tutte le cose attorno alla fontana sono encomiabili, ma la fontana?……….Siete sicuri che è stato fatto un lavoretto all’altezza della sua storia ? Una pulizia soltanto nohòooo!!!!!?…….. Ci avete provato almeno!!!!? Avete interpellato gli archeologi de nostro paese per qualche consiglio magari?!!!! A me sinceramente, buttata via per buttata via, avreste fatto meglio a ricoprirla tutta di mattoni . Così non sarebbe stato un pugno negli occhi……………… E come se vi commissionassero di ristrutturare il Castello della Rocca. Voi fate tutta la strada per arrivarci con mattoni d’oro dell’epoca, a partire da Padre Pio. Una volta arrivati al castello, maghari, chiamare dei madonnari e far dipingere sulle mura una bella Madonna che guarda il nostro paese…………..Ma per favore.
    Cercate di dare una risposta su come Vi è venuta l’idea di restaurare in quel modo la fontana. Questo chiede la maggior parte di noi compaesani….
    Ringrazio Raffaele che con il suo sito, persone come me, possano dire la loro riguardo alle tante cose che, secondo il loro modesto parere, non vanno bene in questo paese.
    E non avete paura a farvi riconoscere, perchè, in fondo con le nostre critiche non facciamo altro che invogliare a fare meglio la prossima volta, chi magari secondo noi, sta sbagliando adesso.
    Santino Marasco

    Mi piace

  6. …mi diverte molto la pretenziosità dei frequentatori di chiedere numi e scusanti ai Tecnici i quali vengono commentati come “finalmente avete risposto” oppure “Ci avete provato almeno” etc…
    Certo il piccolo ambiente del nostro paesino fa perdere di vista -purtroppo- ruoli e responsabilità che, in altre realtà piu’ vaste, sono ben chiare.
    Io non chiedo numi ai Tecnici; non pretendo che i Tecnici vengano a scusarsi del loro lavoro; non attendo impaziente una motivazione sulle scelte progettuali….
    Il Tecnico fa il lavoro del tecnico ed i “requisiti” del committente sono oneri del committente, come anche la responsabilità del controllo sulla corretta esecuzione dei lavori nell’ottica della coerenza con il progetto approvato.
    Semplificando….. se il committente -nell’ambito dei suoi poteri- avesse commissionato una fontana verdebiancorossa, l’unico dovere professionale dei tecnici era quello di presentare una buona realizzazione verdebiancorossa.
    Io stimo i tecnici -in generale ed in tutti i contesti- e confido nella buona fede dei committenti, il resto spero sia agli atti, per chi volesse approfondire…..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...