“VOGLIAMO PARLARE DELLA CENTRALE ELETTRICA?” – Sì! (a beneficio di Caio… e anche di Tizio e Sempronio)

Di Vincenzo Oliva

La domanda del titolo è stata posta tempo fa, su questo sito, dal sindaco Bruno. Personalmente, non avevo alcuna voglia di rispondere, tanta era l’ovvietà della contraddizione tra “il predicare bene e il razzolare male” rilevabile da chiunque abbia seguito con un minimo di attenzione le vicende politico-amministrative dell’ultimo quinquennio.
Sono, però, troppi gli interventi sul giornale interattivo che (in maniera esplicita o velata) vorrebbero far passare l’idea che la minoranza consiliare non abbia fatto nulla per arginare il malgoverno da tutti stigmatizzato, o non abbia voluto mai porsi in termini positivi e propositivi. E’ accaduto, invece, l’esatto contrario, e la vicenda della centrale elettrica è perfettamente esemplare del comportamento tenuto, rispettivamente, dalla maggioranza e dall’opposizione.
Sarò sintetico nell’esporre i fatti, sperando che questi valgano più delle parole.
In data 22 febbraio 2005 il gruppo di minoranza presenta un’interrogazione al sindaco con la quale propone di costituire una società mista pubblico-privata, a prevalenza pubblica, per la riattivazione della vecchia centrale elettrica.
Invece della risposta all’interrogazione, dopo una decina di giorni ci giunge la convocazione per un Consiglio Comunale (richiesto, anch’esso, dalla minoranza per costituire una commissione consiliare sui regolamenti) che – guarda caso – include all’o.d.g. l’approvazione di un accordo con la società Energie Valsabbia per la riattivazione della centrale idroelettrica..
I consiglieri di minoranza, dopo aver preso visione della convenzione che si vuole approvare, la ritengono poco vantaggiosa per il Comune e il 2 marzo 2005 inviano una lettera aperta al sindaco, ai consiglieri di maggioranza e a tutti i rappresentanti dei partiti locali, chiedendo anticipatamente un rinvio dell’approvazione di quell’accordo per consentire la presentazione di proposte da parte di tutti i gruppi e cittadini a cui sta a cuore una questione tanto importante.
Nella seduta dell’8 marzo, dopo una lunga e animata discussione, la maggioranza accetta la proposta di rinvio e viene costituita una commissione consiliare che predisponga unitariamente l’ipotesi di accordo più vantaggiosa possibile. La commissione termina i lavori nel giro di qualche mese e il Consiglio Comunale approva uno schema di convenzione che prevede per il nostro ente un’entrata complessiva che è circa il triplo di quanto la maggioranza aveva presentato a marzo: e scusate se è poco! (Basta un solo punto esclamativo?). Ora, dopo l’approvazione il sindaco dovrebbe solo convocare la Valsabbia per sottoporle l’accordo e sottoscriverlo insieme, e poi attivare le pratiche per realizzare l’opera di recupero. Ma qui viene il bello!
Passano le settimane (sempre nel 2005), passano i mesi, ma non riusciamo ad avere notizie sulla firma dell’accordo da parte della suddetta società. Ogni tanto chiediamo agli assessori e al sindaco (anche nei successivi consigli comunali) se ci sono novità, ma le risposte sono evasive: “mi pare di no”, “dovrebbe essere imminente”, “c’è qualcosa da definire”… Dopo quasi un anno, nella seduta consiliare del 14 giugno 2006, pressato dalle domande non più ineludibili del sottoscritto, il sindaco deve ammettere che la convenzione era stata accettata e firmata dalla Valsabbia addirittura nel settembre 2005, ma poi lui (e solo lui) aveva bloccato tutto, in dispregio del lavoro della commissione e dell’intero Consiglio Comunale, nonchè delle più elementari norme della democrazia. Si è giustificato dicendo che doveva valutare (senza darne comunicazione a nessuno) altri progetti più appetitosi, come l’imbottigliamento dell’acqua delle nostre sorgenti: e di fronte a questa arrogante ammissione di responsabilità (più esattamente: di abuso) nessun consigliere della maggioranza ha osato fiatare!
Sta di fatto che dopo quattro anni dall’inizio di questa storia non è stato avviato niente di concreto né per l’acqua minerale né per il ripristino della centrale idroelettrica.
Ebbene: c’è qualcuno che in tale situazione sarebbe stato più positivo di questa minoranza? E dov’erano Caio, Tizio e Sempronio quando la minoranza discuteva di queste cose e le pubblicizzava ampiamente, come al solito? Dov’erano, Caio & Company, quando il gruppo di minoranza ha fatto convocare ben due Consigli Comunali per gestire la pulizia del paese e la maggioranza ha risposto NO perché era “più utile fare qualche fotocopia” e perciò il paese doveva rimanere sporco? E dov’erano tutti i grandi idealisti e moralisti quando i consiglieri di minoranza (e in particolare il sottoscritto) venivano intimiditi e minacciati perché non dovevano parlare del paese sporco?
Altro che chiacchiere solo sulla fiera del Pettoruto: abbiamo convocato una decina di consigli comunali, abbiamo fatto decine di proposte, abbiamo anche votato decine di argomenti all’unanimità con la maggioranza, abbiamo organizzato convegni e rivolto appelli alla cittadinanza, e, soprattutto, abbiamo fatto informazione, cosa che a San Sosti mancava da almeno un decennio.
Tra gli addetti ai lavori, anche nell’area più vasta dell’opposizione, questo lavoro non è stato molto gradito perché, evidentemente, la preoccupazione principale di costoro non era quella di riformare la politica su basi democratiche, ma soltanto trovare delle scorciatoie per arrivare alle postazioni di comando.
E allora – proprio per non consentire alibi a nessuno alla vigilia delle elezioni comunali – voglio provare a documentare tutto quello che mi sarà possibile circa l’operato della minoranza in questi cinque anni. Ognuno potrà sempre contestare e criticare il merito delle cose fatte, ma nessuno potrà ingannare la propria coscienza dicendo che quella cosa non è stata fatta per niente.

Nel mio ultimo articolo (sul lupo e l’agnello) avevo preannunciato l’apertura di un sito proprio con questo scopo. Il sito (www.vincenzoliva.it) sarà attivo fra pochissimi giorni e sarà, sostanzialmente, una bacheca permanente in cui reperire i documenti prodotti dai consiglieri di minoranza.

Nonostante il nome, non sarà un sito promozionale della mia candidatura a sindaco, semplicemente perché non sarò candidato affatto nella prossima competizione elettorale. Sono troppo pesanti le accuse nei miei confronti, e quindi troppo gravi le colpe: mi si dice che parlo “troppo” esplicitamente, che sono “troppo poco” incline ai compromessi; mi si rinfaccia di essere “troppo” onesto e di non saper abbindolare per niente le persone. Ebbene, prendo atto di queste mie colpe e chiedo scusa a tutte quelle persone che non ho saputo prendere in giro: ci sarà sempre qualcun altro in grado farlo!

Vincenzo Oliva

Annunci

15 risposte a ““VOGLIAMO PARLARE DELLA CENTRALE ELETTRICA?” – Sì! (a beneficio di Caio… e anche di Tizio e Sempronio)

  1. un agnello dal monastero di San Sozonte

    et le acque pure et caste del ruscello Rosa non debbono essere macchiate dalla malignitate di uomini disposti a tutto per il vile denaro, che esso fiume non entri nei giochi sporchi della politica di questo contado! Anatema colpirà i fautori di progetti non rispettosi delle acque limpide et vetuste del nostro rivo. Invito tutti gli agnelli del contado a tenere gli occhi aperti contro questi lupi famelici et rabbiosi et simoniaci pronti a tutto. Nel Monastero abbiamo paura! Avvertiamo che nel contado prolificano gli agnelli e tutti insieme, O Frate Giovanni aiutaci in questo, studiamo et interpretiamo la massima homo lupus contra hominem…

    Mi piace

  2. Un Socialista

    Bene! Se lei ha deciso di tirarsi indietro, veramente, per questi ideali, le fa onore. Un gesto davvero ammirevole.. un segnale chiaro e forte che serve al popolo. Dovrebbero rendersene conto quelli che, ancora, lavorano e presiedono il territorio per coronare il, personale, sogno di una vita!! Essere sindaco di San Sosti.
    Mi rivolgo ai lettori. Che politica è quella praticata per scambio di “merce”? Voti in cambio di favore?

    Un Socialista

    Mi piace

  3. UN BELL'ESEMPIO!!

    SOLO I CODARDI NON MOLLANO MAI,CHE IL TUO ESEMPIO SIA DA STIMOLO A MOLTI ALTRI ABBANDONI!!!MA NON CI CREDO.DI SICURO LA FERMEZZA E L’ONESTA’ DELLE TUE IDEE IN QUESTO MISERO LUOGO DI PERENNI COMPROMESSI NON TI HANNO PORTATO MOLTI CONSENSI E SOSTENITORI,MA LA TUA IMMAGINE NE ESCE COMUNQUE PULITA PIU’ DI OGNI ALTRO VECCHIO DELLA POLITICA SANSOSTESE!!GRAZIE PER IL LAVORO SVOLTO IN QUESTI ANNI!!GRAZIE DI CUORE.

    Mi piace

  4. Per migliorare le cose servono confronti pacifici, non confronti spregevoli come quelli della minoranza…saper fare opposizione non è da tutti!!!!
    Il problema è che si scambia l’opposizione con rancori personali verso tizio o verso caio,,,questa è la verità!
    la politica non è di tutti….

    Mi piace

  5. Vincenzo Oliva

    Un confronto spregevole è quello di chi insulta le persone nascondendo “prudentemente” la propria faccia e la propria voce. La minoranza ha agito sempre a viso aperto, parlando sempre di argomenti inerenti ai fatti amministrativi e ai bisogni della comunità sansostese.
    Certo, la politica non è di tutti…! Ho già spiegato e dimostrato abbondantemente come coloro che non sanno accettare le critiche politiche e il dissenso democratico ordiscano campagne di criminalizzazione contro gli avversari, cercando di personalizzare lo scontro fino ai livelli più triviali, servendosi di tutti coloro che vivono aspettando le briciole che cadono dal tavolo dei loro padroni.

    Mi piace

  6. Caro Vicnenzo certo io e te non abbiamo bisogno del sito per parlare, lo facciamo ogni giorno di persona o al telefono, però fammi un favore, spiega bene quello che hai voluto dire; ci sono persone, come il mio amico anonimo forzato, che pensano davvero che magari domani, il futuro candidato a Sindaco della minoranza o di chi l’affianca, non sarà onesto e prenderà in giro tutti. Fagli capire bene cosa volevi dire altrimenti poi si confondono o no amico mio? Scrivi come sai fare tu….

    Mi piace

  7. Leggendo le parole di chi ha scritto di confronti spregevoli tra la minoranza, mi viene davvero voglila di dire a quest’altro anopnimo di acquistare un garnde ma grande specchio e guardarsi in faccia perchè sicuramente ne ha bisogno. La minoranza è sempre stata compatta ed unita, tre persone (e prima ancora quattro con l’amico Giuseppe), che hanno combattutto contro un muro di cemento armato, non riuscendo ad abbatterlo ma lesionando e come. E tu ti permetti di dire questo? San Sosti l’ha sempre sognata una minoranza così ed ora che c’è stata, c’è chi si permette di denigrarla. Ma esci allo scoperto, dì chi sei, così almeno potremo capire chi è l’eccelso….E ricorda comunque “Anonimo vuoto” perchè questo potrà essere il tuo nome, che la scelta dell’amico Vincenzo verrà commentata presto sia da me che da Enedino e poi capirai sconosciuto, o forse scusa, mi correggo, per capire c’è bisogno di un capo empio di cervello non di un’acquario sul collo…..Vedi Vincenzo ho ragione?….

    Mi piace

  8. MA QUALE POLITICA!!

    PER CINQUE LUNGHI ANNI NESSUNO HA PARLATO DI POLITICA,NESSUNO SI E’ LAMENTATO DI COME ANDAVANO LE COSE A SAN SOSTI,ORA ALL’IMPROVVISO TUTTI PARLANO E CRITICANO E PARLANO DI POLITICA,MA QUALE POLITITA?TUTTI COLPEVOLMENTE ABBIAMO CONSENTITO CHE IL PAESE PRECIPITASSE IN UN AUTENTICO MEDIOEVO,IN UN REGRESSO CULTURALE SPAVENTOSO,IN UN REGRESSO ECONOMICO E CIVILE IMPIETOSO,ADESSO A POCHE SETTIMANE DAL VOTO TUTTI PARLANO.PER CARITA’ PURCHE’ SE NE PARLI VA BENE IN QUALSIASI MODO E IN QUALSIASI MOMENTO,VENIRE PERO’ A CRITICARE QUELLE DUE O TRE PERSONE CHE LO HANNO FATTO PER TUTTI I CINQUE ANNI,MI SEMBRA IRRIGUARDOSO!!
    LA POLITICA E’ VERO NON E’ DI TUTTI ED E’ PER QUESTO CHE A SAN SOSTI GOVERNANO SEMPRE LE STESSE PERSONE!MA QUALE POLITICA NON E’ DI TUTTI ?QUELLA DEL VOLPONISMO CHE HA DISTRUTTO SAN SOSTI O QUELLA ONESTA,LIMPIDA E COSTRUTTIVA?SAPER ACCETTARE L’OPPOSIZIONE ALLE SCELTE DELLE MAGGIORANZE NON E’ DI TUTTI!!COMUNQUE SIA I GUASTI LI HA CAUSATI LA MAGGIARANZA NON L’OPPOSIZIONE.
    NON DAR RETTA VINCENZO TU SEI CON LA COSCENZA A POSTO!!!

    Mi piace

  9. Boh! Boh! Boh!

    In ansia attendiamo da Fabio un articolato e logico giudizio sulla vicenda di Oliva .
    Con trepido interesse aspettiamo una traduzione comprensibile delle sue stesse parole.
    Con ansia suprema siamo in attesa che ci dica a chi si riferisce con la seguente espressione:”E ricorda comunque “Anonimo vuoto” [..].
    Per puro diletto auspichiamo comprendere il senso delle seguenti parole:” Per capire c’è bisogno di un capo empio di cervello non di un’acquario sul collo…..Vedi Vincenzo ho ragione?”
    Con rammarico infine ci chiediamo come mai i corsi veloci di alfabetizzazione prima che per gli extracomunitari non vengano istituiti per i consiglieri comunali.

    Mi piace

  10. AnOnImO fOrZaTo

    Ho provato a tradurre lo scritto di molte persone su Google Translate, magari dall’italiano all’inglese (informatevi su che cos’è,se non lo sapete)..

    Mi è apparso:
    “Language not found”.

    AnOnImO fOrZaTo

    Mi piace

  11. Un critico del giornale

    Difendo Fabio e la sua voglia di fare e condanno gli stolti. Caro Boh! Boh! Boh!, cosa dici di interessante? La risposta sta nel tuo pseudonimo!?!?!
    Fabio, quando scrive parla con noi, si rivolge ai lettori.. tu con chi parli? Cosa hai voluto dire? Cosa si cela nel tuo commento?
    Fabio ha dato l’impressione di essere un ragazzo pieno di entusiasmo.
    In Fabio, ha preso forma la genuina trasparenza (elemento che manca ai politici sansostesi) e in lui trovo tanta onestà e sincerità.
    Fabio è un “vero” Politico..

    F.G.

    Mi piace

  12. vincenzo calonico 1970

    anche se mi dispiace caro vincenzo per la tua scelta perchè credevo nel tuo modo di fare politica all’insegna della trasparenza e dell’onestà più totale, questa forzata scelta ti fa onore e dovrebbe essere d’insegnamento a tutti gli altri che da 30 anno fanno politica a San Sosti.
    Penso pure che, senza la tua esperienza ed quant’altro di positivo, i toi colleghi non riusciranno a fare una lista con visi ed idee nuove anche se io me lo auguro di cuore.
    Da cittadino di San Sosti devo complimentarmi per la costante informazione data a tutti tramite i tuoi manifesti e/o con dialogo sociale sempre con critiche comunque costruttive. Da semplice cittadino, dico che mi dispiace di questa improvvisa ” voluta ” disgregazione dopo una buona opposizione fatta per cinque anni!

    Mi piace

  13. Per Fabio…..
    carissimo,
    su questo sito vedo che 2 parole le sai buttare giù, nei consigli invece no!!!! come mai?ma con quale coraggio dici che questa è stata la minoranza che mai a san sosti ci fosse stata? magari questa non è stata la maggioranza che ci aspettavamo, allora si….ma la minoranza, per favore!!! ti sei chiesto come mai Il vostro candidato a Sindaco ora non lo vuole più nessuno, certamente non per la migliore minoranza che ci sia stata!!!….non è perchè paralva e diceva le cose come stavano, ma semplicemente perchè la sua opposizione è stata deleteria per la sua immagine.
    In quanto a te scrittore fabio, “mmiscati chi megli i tia e facci i spisi” hai molto da imparare ancora!

    Mi piace

  14. Inizio il mio commento con il rispondere al boh bho bho con poche parole, perchè è facile affrontare nell’anonimato le persone; perchè non ti fai vedere in faccia e mi contesti quello che hai scritto. Gente come te sono la rovina del nostro paese, peggio ancora di chi l’ha portato allo sfacelo politico nel quale ci troviamo. Il commento per la scelta del mio amico Oliva lo farò con il prossimo intervento e soddisferò la vostra curiosità. E per quanto riguarda il mio modo di scrivere non penso proprio di avere lacune, ma certo, probabilmente detto da te, può essere anche un complimento attesa la tua sicura mancanza di intelligenza ed abbondanza di ignoranza mentale e morale. Non ho mai offeso nessuno nella mia vita, e certo non lo farò ora scendendo ai tuoi livelli. Capisci ora che significa essere “vuoti”? Non penso proprio che tu possa capire. Poi il paragone lingiustico con gli extracomunitari, manifesta ancor di più la tua volgarità ed il tuo senso di disprezzo per gli altri. Sento odio nelle tue parole, proprio verso di me, e ciò mi dispiace perchè so di non aver nemici, tranne qualche delinquente, ed il tuo anonimato non me lo farà certo scoprire. Ma non è questo un problema per me.
    Ringrazio il critico del giornale, che spero di conoscere di persona, che come altri mi stima, e lo rende anche pubblico. Vedi anonimo bho….Comunque non mi ritengo un vero e proprio politico bensì un uomo per la gente, con la gente e soprattutto un giovane che vuole dare il proprio contributo a risollevare le sorti del paese e dare la possibilità a tutti i sansostesi, di vivere insieme le nostre bellezze, le nostre risorse in armonia, e con felicità. Lascio l’ultimo commento per l’ennesimo anonimo, che addirittura è innominato; a lui preciso innanzitutto che i miei consigli sono stati spesso muti, perchè ogni parola, ogni documento scritto dalla minoranza, sono sempre e solo nati dalle pre riunioni consiliari che noi tre (prima quattro) abbiamo sempre fatto. Vincenzo ed Enedino mi hanno spesso chiesto di parlare, di commentare le nostre decisioni ed i documenti da noi scritti in questi cinque anni, ma io ho sempre preferito ascoltare, e non parlare. E poi, come dice bho, NON SO FARLO (ma pensa tu). Addirittura la minoranza ha fatto qualcosa solo perchè la maggioranza ha fallito? Ma non dire assurdità….Il paese, ha solo elogiato la minoranza, e gli stessi amministratori uscenti ci hanno confessato di aver sudato, perchè sapevano sempre e comunque di non poter sbagliare perchè avevamo occhi dappertutto. E poi quanti manifesti, comunicati, un convegno politico, tutto per portare informazione alla gente e per far sapere a tutti cosa accadeva negli uffici comunali. E questa non è la vera minoranza…lasciamo stare che è meglio. E poi, chi sei tu da voler insegnare a me con chi mischiarmi? Tu saresti uno di quelli con cui dovrei farlo? Sapresti insegnarmi qualcosa? Certo, l’essere anonimo… Tu saresti quindi meglio di me? E fatti vedere, dimmi chi sei, che se davvero sei meglio di me o di quelli che io frequento, allora avrò modo di capirlo. E poi, io non guardo migliori o peggiori, tutti uguali siamo, e soprattutto tutti con lati positivi e lati negativi, l’importante e non avere due facce, e dire sempre la verità, soprattutto in politica, e soprattutto avere una moralità sempre costante e sempre coerente. Pensa a te, che faccia non ne hai neanche una…. Sul commento della mancata candidatura di Vincenzo OLIVA ti riservo la risposta all’intervento che farò più tardi. Certo una cosa voglio però aggiungerla, dopo questo commento agli anonimi, penso davvero che non siano degni di averne più, atteso che li vedo davvero come istigatori di guerre, tra chi vuole davvero esprimere i propri pensieri, e creatori di problematiche che certo non portano utilità al futuro di San Sosti. Saluto

    Mi piace

  15. Vincenzo Oliva

    Ho visto solo adesso il commento di Vincenzo Calonico (1970). Grazie per le parole di apprezzamento per il mio lavoro, grazie per averlo fatto in modo così “manifesto”: un gesto che, provenendo da una persona che ricopre un ruolo come il tuo, caro Vincenzo, acquista un valore ancora più grande ed è sicuramente un segno di speranza per il nostro paese.
    Una speranza che, mi auguro, possiamo trasmettere ai nostri figli, in sintonia con il messaggio augurale di Raffaele per tutti i papà.
    Vincenzo Oliva

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...