Bozza del PROGRAMMA POLITICO del Comitato Popolare di Alternativa Democratica

Bozza del PROGRAMMA  POLITICO del Comitato Popolare di Alternativa Democratica

(Saranno graditi commenti e suggerimenti costruttivi dal popolo della rete)

 

Parte seconda

CANALIZZAZIONE  DELLE  RISORSE

Tutte le risorse umane e materiali del nostro paese vanno convogliate su un unico settore trainante dello sviluppo che è senz’altro il “settore turistico”, cui il nostro territorio è vocato per le sue caratteristiche ambientali, peculiari e per la presenza del Santuario del Pettoruto.
Ciò vuol dire che il successo dell’iniziativa “sviluppo turistico” è affidato alla collaborazione tra tutti i soggetti che concorrono alla crescita e tutte le risorse che il territorio possiede, ivi comprese le tradizioni e la storia.
Innanzitutto, la diffusione sul mercato della nostra ospitalità dovrà coinvolgere l’azione coordinata di una moltitudine di elementi che vanno dalla storia delle tradizioni religiose e laiche, all’archeologia, alla letteratura, alla pittura, alla scultura, all’architettura, all’urbanistica, all’attività musicale e teatrale, al folclore, al vernacolo scritto e recitato, all’artigianato, all’attività gastronomica, all’agricoltura, al commercio, ecc.
Solamente se questi fattori, in armonica sinergia, opereranno insieme con la medesima motivazione, si potrà catalizzare l’attenzione sulla bontà della nostra offerta turistica e divenire competitivi.
Tutte le iniziative dovranno essere coordinate da un “centro” propulsore che  studia, sponsorizza e promuove le azioni, composto da un consiglio d’amministrazione che coinvolga tutte le intelligenze cittadine, ivi comprese le associazioni già presenti, la pubblica amministrazione ed esperti, anche esterni, dei vari settori.
Ogni evento organizzato dovrà essere finalizzato e non fine a se stesso, principalmente recettore di reddito per il Comune, strumento per il sollievo della disoccupazione e propulsore delle attività economiche. 
Tutte le manifestazioni e i pacchetti di offerta turistica andranno programmati con ampio anticipo e con calendari annuali e pluriennali, perfettamente organizzati, sponsorizzati e largamente pubblicizzati con ogni mezzo d’informazione.
La commercializzazione dei prodotti, sia alimentari che artigianali che di offerta-soggiorno dovrà sempre avere un posto preminente in ogni attività.
In questo processo di sviluppo turistico il Santuario del Pettoruto occupa un posto di significativa importanza e ad esso è affidato un importante ruolo strategico.
Certamente la direzione del Santuario non dovrà rivestire, come sta facendo, un ruolo di semplice alleato-ospite che gode solo dei privilegi (finanziamenti, donazioni, servizi)   senza contribuire adeguatamente ai costi;   se collaborazione ci deve essere occorre che equamente ci si divida oneri ed onori.
Il costo dei servizi di smaltimento rifiuti, di pulizia, trasporto, di manutenzione stradale e quant’altro, per la località Pettoruto, non potranno essere un onere solo a carico del Comune.
Il Santuario è parte integrante dello sviluppo territoriale, deve pretendere servizi efficienti ma dovrà contribuire in maniera determinante perché questo sviluppo si consegua nell’interesse di tutti.
La parrocchia e le organizzazioni religiose collaterali hanno un compito centrale per la crescita e l’aggregazione sociale del paese, pertanto dovranno partecipare con maggiore incisività alle attività di rilancio culturale e alle manifestazioni promosse dal “centro” organizzativo cittadino.
Si vuole una parrocchia aperta e dinamica che avvicini e non divida, che trasmetta nozioni di solidarietà reale e non di facciata, che predicando l’amore lo trasmetta, che si elevi al dibattito del terzo millennio con partecipazione attiva e propulsiva, che sia presente nel tessuto sociale senza disparità e lo sostenga.

 

 

LA SCELTA ENERGETICA

Tra le risorse materiali preminenti del nostro paese vi sono: il Sole e l’Acqua e questi vanno posti in concorso per sostenere l’economia e fornire benessere.

Come si portano il Sole e l’Acqua a concorrere allo sviluppo del nostro paese?

Queste risorse, se intelligentemente adoperate, possono fornire energia pulita e rinnovabile, ma occorre puntarci senza tentennamenti, canalizzando ogni progetto all’attuazione del medesimo obiettivo.

IL SOLE
Il sole è una fonte inesauribile di energia pulita.
Mediante i moderni pannelli fotovoltaici è possibile trasformare l’energia solare in energia elettrica per il fabbisogno energetico di un edificio (riscaldamento, acqua calda, cottura, ecc.).
Per l’istallazione e l’acquisto dei pannelli sono previste molte forme di agevolazioni e finanziamenti statali e comunitari ed è possibile che principalmente gli edifici pubblici possano godere di tali sostegni che costituiscono il modo migliore per l’abbattimento dei costi di gestione, considerando altresì che il sovrappiù di energia prodotta da queste istallazioni può essere immessa nella rete elettrica e venduta all’Enel.
Si comprende così come, con la dotazione di un congruo numero di detti pannelli, installati su ogni stabile comunale, potremo risolvere l’annoso problema della spesa di gestione riguardante i costi energetici degli edifici pubblici (illuminazione, climatizzazione inverno-estate, apparecchiature elettriche, ecc.).
Se poi tutto questo è seguito, con sinergia, da una sana politica di risparmio dei consumi energetici, prevedendo interventi di isolamento termico degli edifici pubblici e privati si può comprendere come il nostro paese potrebbe divenire modello sostenibile di una  sana politica energetica, oltre che di risparmio, al passo con le migliori realtà dei paesi del nord Italia e d’Europa.

L’ACQUA
Per la presenza del fiume Rosa l’acqua risulta una caratteristica fondamentale dell’ambiente sansostese e pertanto va salvaguardata, protetta, valorizzata.
Essa costituisce un patrimonio di enorme pregio e come tale può costituire una fonte di reddito senza, per questo, essere depauperato o sconvolto.
Per esempio la centrale idroelettrica, che sfrutta solo l’energia potenziale dell’acqua senza impoverire l’ambiente di questo importante elemento, è un intervento compatibile e va realizzata in tempi brevissimi, anzi ci meraviglia come ancora non sia riuscita a concretizzarsi.
Quest’opera potrà ridurre, se non proprio eliminare (con una adeguata politica di risparmio energetico) , il carico economico del costo dell’energia elettrica per la pubblica illuminazione. 
Attuando, poi, un’azione di recupero, ripristino e ammodernamento dei canali d’irrigazione, molti dei quali già presenti sul nostro territorio, la risorsa acqua può essere utile a bonificare e a migliorare l’agricoltura – settore che, seppure non trainante, può risultare un efficace supporto al settore turistico -.

Ma altri interventi sono collegati al patrimonio acqua, interventi delicati di valorizzazione quali:

  • Il recupero e il restauro conservativo dei “mulini ad acqua” disseminati lungo il corso del fiume, molti dei quali ridotti a semplici ruderi, che raccontano la storia, il costume e il modo di vivere dei nostri recenti antenati oltre che possono costituire un percorso naturalistico e didattico attrezzato per turisti e scolaresche.
  • Il recupero, la bonifica e il ripristino di tutte le “sorgenti” presenti sul territorio anche con delicati interventi di arredo ambientale.
  • L’incentivazione e la facilitazione di interventi privati rivolti all’allevamento della trota a carattere biologico e di qualità.
  • L’attuazione – anche mediante l’affido in gestione – di oasi di pesca sportiva, selettiva e acquacoltura per l’agonismo, lo svago, il relax.
  • La creazione di un “parco fluviale” lungo e circostante il corso del Rosa, con interventi di difesa dell’alveo, la creazione di oasi ambientalistiche finalizzate, la pulizia dalla vegetazione infestante e la protezione e recupero della flora di pregio.

Tutto ciò andrebbe ad incrementare il pacchetto di offerta turistica che insieme al Santuario, al Parco del Pollino e al Centro Storico organizzato porterebbe ad elevare il trend dell’accoglienza cittadina.

Annunci

5 risposte a “Bozza del PROGRAMMA POLITICO del Comitato Popolare di Alternativa Democratica

  1. Roba da matti!

    E che diavolo.
    Da anni e anni non si vedeva una cosa così bella.

    E voi pretendete che dovremmo votare altri?
    Per ogni anonimoforzato che si “affievolisce” , 10 ne nasceranno! (comprendiamo la tua scelta, è giusto quel che scrivi. ma torna! Sei un grande. e forse il primo impatto con il Muro è stato duro, ma suvvia, diciamocela tutta. li facevi tremare)

    Poi, visti i nuovi risvolti annunciati da ” ‘a vidu nivura, ma daveru!”, come pretendono che il nostro voto vada ad altri schieramenti, che vogliono solo e soltanto la poltrona, e non a questo?
    ROBA DA MATTI! torniamo a 15 anni fa o più?
    Ricordate le addizioni dei due anonimi forzati, andate a rivederle!..

    Qui c’è rinnovamento.
    Qui vediamo bandiere, sedi e programmi.
    Qui vediamo zero compromessi!
    BRAVO COMITATO! SIAMO CON TE!

    Un rinnovatore.

    Mi piace

  2. Da anni e anni si vedono pero’ le facce del comitato…feste!!non c’e’ niente di nuovo sotto il sole,conosciamo benissimno i componenti di questo…comitato!!il loro passato politico e civile!!quindi non facciamo gli ipocriti!!di questi programmi possiamo scriverne uno ogni mezz’ora!!
    cambiamento,innovazione,rivoluzione culturale!!alla prossima scontata, bozza programmatica.
    alleluia!!ciao.

    Mi piace

  3. maria teresa

    Questo è un programma!!
    Queste sono le persone giuste per intraprendere un vero progetto di rinnovamento.
    Un programma ben articolato,chiaro,onesto,e soprattutto realistico e realizzabile.
    Le promesse marziane lasciatele fare ad altri.
    D’altronde, il comitato aveva dato prova di grandi competenze e conoscenze nel primo congresso tenutosi all’Hotel Santa Croce. Dove l’ingegnere Tommaso Malfona preparò una relazione che stupì tutti (anche quelli che ideologicamente non erano vicino al comitato). Stupì sopratutto per le sue idee moderne che con grande semplicità li adattava al territorio; modernità e semplicità con la quale li proponeva e li spiegava.
    Modernità e semplicità sono le doti per essere, oggi, un buon condottiero e per poter portare San Sosti fuori da questo baratro in cui è caduto.
    Bravi tutti.. San Sosti con voi può farcela veramente.
    un abraccio a tutti

    Mi piace

  4. Raffaele Rosignuolo

    Vorrei proporre all’attenzione del Comitato Popolare di Alternativa Democratica quanto segue:

    -> Provare ad adottare politiche ambientali puntando sull’innovazione che queste riescono ad offrire ed avendo la lungimiranza di riuscire ad emergere, in progettualità, sugli altri enti che ricadono nella comunità europea perseguendo, ad esempio, le seguenti finalità:

    o aderire all’agenda 21;
    o realizzare progetti di efficienza energetica nelle strutture comunali;
    o fare progetti nel campo dell’edilizia verde;
    o portare la P.A ad una certificazione Iso 14001 o Emas;
    o organizzare corsi formativi;
    (tutti progetti che sono finanziabili dalla CE e che potremmo spendere sul nostro territorio, svolgendo, in tal modo, un ruolo pionieristico.

    -> Puntare sulle tecnologie informatiche di comunicazione per creare posti di lavoro per disoccupati e giovani neolaureati/laureandi; evitandone l’emigrazione. Ricordo che il 90% dei ragazzi sansostesi che conseguono un diploma, puntano alla laurea.
    Un esempio di aziende tecnologiche/informatiche innovative (aziende non vincolate dalla sfavorevole geografia)
    o Web tv
    o Radioweb
    o Portali internet e-commerce

    I miei sono solo due punti, dei tanti, che si possono proporre per ridurre l’emigrazione ed incrementare l’occupazione. Il primo punto, soprattutto, ha tanti elementi che, se saputi pianificare e adattare bene alla nostra valle, potrebbero risultare molto gratificanti.
    Un consiglio importante che voglio dare è: “Iniziare a pensare diversamente dal contesto della nostra regione. Dobbiamo credere che, il nostro piccolissimo centro, può allinearsi a target e standard tipici di paesini del centro Europa.
    Nell’invitare anche le atre liste civiche, ancora in fase di costituzione, a prendere parte a questo innovativo metodo democratico di dibattito sulle sorti del nostro borgo, faccio gli auguri di una buona campagna elettorale a tutti i candidati alla amministrazione comunale.

    Raffaele Rosignuolo

    Mi piace

  5. vincenzo calonico 1970

    attendo con particolare curiosità, chi delle liste liste in competizione, si occuperà di parlare a tutti i cittadini di San Sosti, cosa intende fare per meglio regolamentare la funzionalità dell’Ente a favore dell’utenza. In particolare:
    1) Aggiornamento professionale per i dipendenti;
    2)Restituire alla struttura le giuste regole che occorrono nella pubblica amministrazione a favore dei cittadini;
    3)Posizione LSU-LPU
    4)Incremento personale Ufficio di Polizia Municipale;
    5) garantire trasparenza e meno clientelismo;
    6) Garantire al cittadino che una scdenza di tasse comunali per varie incompetenze e incongruenze vengano recapitate più volte al destinatario ( l’utente non ha tempo materiale per recarsi in Comune e mostrare di aver già pagato – magari dpo un anno arriva nuovamente la mora )
    7)Abbellire la strada prinicpale del paese specialmente in estate per cercare di accogliere altri cittadini e i nostri emigranti;
    8) Garantire una certa programmazione per accogliere i nostri emigranti che sempre di più stendano a ritornare durante le ferie nel nostro paese ( vds. San’Agata di Esaro ) -non basta solo la festa in agosto tanto per dire ” anche quest’anno è stata fatta );
    9) Realizzare inventario dei beni mobili ed immobili dell’Ente ” ciò manca? possibile? purtroppo questa è la realta ”
    10) ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. …

    Sfido chiunque dei candidati trattare pubblicamente questi punti evidenziati … se ciò dovesse avvenire, cari elettori sansostesi, vuol dire che veramente qualche sassolino inizia a muoversi per UNA NUOVA DEMOCRAZIA SIMBOLO INEQUIVOCABILE DELLE REFOLE E DELLA LIBERTA’

    Buona Pasqua a tutti ovviamente esteso anche all famiglie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...