Dalla Gazzetta del Sud del 3 luglio: risposta del Sindaco Sirimarco.

Cliccare sull’immagine per leggere.

Annunci

23 risposte a “Dalla Gazzetta del Sud del 3 luglio: risposta del Sindaco Sirimarco.

  1. Siamo certi che tutti i debti pregressi siano stati
    onorati

    Mi piace

  2. Art. 63
    Incompatibilità
    1. Non può ricoprire la carica di sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale o circoscrizionale:
    1) l’amministratore o il dipendente con poteri di rappresentanza o di coordinamento di ente, istituto o azienda soggetti a vigilanza rispettivamente da parte del comune o della provincia o che dagli stessi riceva in via continuativa una sovvenzione in tutto o in parte facoltativa, quando la parte facoltativa superi nell’anno il dieci per cento del totale delle entrate dell’ente;
    2) colui che, come titolare, amministratore, dipendente con poteri di rappresentanza o di coordinamento ha parte, direttamente o indirettamente, in servizi, esazioni di diritti, somministrazioni o appalti, nell’interesse del comune o della provincia ovvero in società ed imprese volte al profitto di privati, sovvenzionate da enti in modo continuativo, quando le sovvenzioni non siano dovute in forza di una legge dello Stato o della Regione;
    3) il consulente legale, amministrativo e tecnico che presta opera in modo continuativo in favore delle imprese di cui ai numeri 1) e 2) del presente comma;
    4) colui che ha lite pendente, in quanto parte di un procedimento civile od amministrativo, rispettivamente, con il comune o la provincia. La pendenza di una lite in materia tributaria ovvero di una lite promossa ai sensi dell’articolo 9 del presente decreto non determina incompatibilità. Qualora il contribuente venga eletto amministratore comunale, competente a decidere sul suo ricorso è la commissione del comune capoluogo di circondario sede di tribunale ovvero sezione staccata di tribunale. Qualora il ricorso sia proposto contro tale comune, competente a decidere è la commissione del comune capoluogo di provincia. Qualora il ricorso sia proposto contro quest’ultimo comune, competente a decidere è la commissione del capoluogo di provincia territorialmente più vicino. La lite promossa a seguito di o conseguente a sentenza di condanna determina incompatibilità soltanto in caso di affermazione di responsabilità con sentenza passata in giudicato. La costituzione di parte civile nel processo penale non costituisce causa di incompatibilità. La presente disposizione si applica anche ai procedimenti in corso;
    5) colui che, per fatti compiuti allorché era amministratore o impiegato, rispettivamente, del comune o della provincia ovvero di istituto o azienda da esso dipendente o vigilato, è stato, con sentenza passata in giudicato, dichiarato responsabile verso l’ente, istituto od azienda e non ha ancora estinto il debito;
    6) colui che, avendo un debito liquido ed esigibile, rispettivamente, verso il comune o la provincia ovvero verso istituto od azienda da essi dipendenti è stato legalmente messo in mora ovvero, avendo un debito liquido ed esigibile per imposte, tasse e tributi nei riguardi di detti enti, abbia ricevuto invano notificazione dell’avviso di cui all’articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602;
    7) colui che, nel corso del mandato viene a trovarsi in una condizione di ineleggibilità prevista nei precedenti articoli.
    2. L’ipotesi di cui al numero 2) del comma 1 non si applica a coloro che hanno parte in cooperative o consorzi di cooperative, iscritte regolarmente nei registri pubblici.
    3. L’ipotesi di cui al numero 4) del comma 1 non si applica agli amministratori per fatto connesso con l’esercizio del mandato.

    Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267

    Mi piace

  3. Un candidato a sindaco che ha davvero a cuore il bene del paese e si propone alla cittadinanza per il solo bene del paese, chiedendo di sostenerlo e proclamarlo primo cittadino (e quindi rapprensentante dei singoli e della comunità nonchè persona degna di essere ammirata e presa ad esempio) penso avrebbe dovuto onorare i debiti pregressi ben prima di essere stato eletto sindaco (o meglio se non li avesse accumulati affatto)… e mi chiedo se e quando le casse comunali avrebbero mai visto un solo euro, se le fortunate elezioni si fossero dimostrate sfortunate!

    Mi piace

  4. ecco che anche in questo caso l’arroganza di una sinistra che non accetta una sconfitta elettorale viene fuori denigrando il suo avversario politico sul piano personale,del resto è storia vecchia e tutte le vicende legate al presidente berlusconi fanno scuola.
    ma signor de marco lei che frequenta il “palazzo” da più di quindici anni ci vuol veramente far credere che non sapeva nulla?oppure non si aspettava di perdere?oppure ha paura che la nuova compagine tiri fuori tutto quello che avete o non avete fatto in questi anni?

    Mi piace

  5. Ma quale piano personale!!!!!!

    Non conosco e forse neanche ci tengo a conoscere le motivazioni personali o meno che hanno spinto De Marco e la sua minoranza a porre la questione di ineleggibilità, incompatibilità, come dir si voglia. Una cosa è certa, che nessuno pare capace di scindere le questioni personali da quelle politiche!
    Non mi pare che sia mai stato detto che l’ing Sirimarco non possa fare il Sindaco per questioni caratteriali, morali, familiari o quant’altro, semplicemente mi pare che si stia seguendo la “LETTERA DELLA LEGGE” che per quanto possa essere interpretata a piacimento, nella sua essenza è chiara. E’ la legge che pone incompatibilità tra la carica ed i debiti verso l’amministrazione in cui si andrà a ricoprire un ruolo. E’ LA LEGGE non la minoranza di turno.
    Non facciamo gli ignoranti per forza, solo per difendere chi abbiamo votato.
    Bisogna guardare al presente ma soprattutto al futuro, se nel passato l’amministrazione ha sbagliato è comunque passato, nel presente non possiamo prendercela con loro se l’attuale sindaco è stato eletto con una montagna di debiti sulle spalle nei confronti del Comune che ora andrà ad amministrare!
    LA LEGGE NON AMMETTE IGNORANZA!!!! Nè l’ignoranza vera tantomeno quella presunta!!!!

    p.s. se i cittadini si sentiranno in dovere di non pagare tasse per 20 anni, beh, a questo punto fanno bene!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

  6. per filomena

    Cara Filomena vorrei ricordarti che nel nostro paese non esiste nè sinistra nè destra sono veramente poche le persone che credono ancora nelle proprie ideologie politiche.
    In ognuna delle 2 liste erano presenti candidati di sinistra e candidati di destra perciò in questo caso non è la sinistra che attacca ma solo un semplice cittadino.Poi vorrei ricordarti che il “nuovo” sindaco non è stato attaccato sul piano personale,ma su quello pubblico perchè è il primo cittadino di San Sosti,perchè è la rappresentanza del nostro caro paese e come tale dovrebbe anzi deve rispettarlo,non fare entrare soldi nelle casse del comune vi sembra rispetto???anche perchè questo giochetto il nostro caro sindaco ha iniziato a farlo nel suo primo mandato,cioè negli anni in cui esercitava la stessa carica di oggi……Mi spiace ma questo significa fregarsene poco del proprio paese….Dopo tutto questo però concedetemi di dire che ,nonostante tutto, Vincenzo Bruno i soldi li ha lasciati al comune rinunciando al suo stipendio diversi anni fa, il nuovo sindaco invece………vi lascio immaginare il seguito.
    Comunque voglio mandare un grande augurio a questa nuova amministrazione sperando che questa storia finisca al più presto ma soprattutto sperando che almeno in questa situazione il famoso detto “il lupo perde il pelo ma non il vizio” non valga.

    Mi piace

  7. per chi a risposto a filomena

    Vorrei rammentare che c’è chi il pelo non lo ha mai perso in 20 anni e nemmeno il vizio e mi immagino se non avessero perso le elezioni che cosa avrebbero continuato a fare i pseudo comunisti, tali, con la povera gente e pronti ad abiurare la propria ideologica quanto si tratta dei propri interessi. Corre voce, invece, che qualcuno altro abbiano pagato i tributi comunali all’ultimo momento presumo avendo lo stesso fomentato l’incompatibilità del sindaco. Mi chiedo se lo avesse fatto anche se avesse vinto le elezioni. Credo che l’ex sindaco abbia rinunciato all’indennità di carica perchè abbia ritenuto che l’indennità del parco fosse più che sufficiente per le sue finanze…… Prova, invece, a chiedere anche quanti debiti ha lasciato la ex maggioranza in eredità all’attule maggioranza o magari sono ancora i debiti che a lasciato il Sirimarco venti anni fà. Comunque credo che sia meglio andare al mare per temprarsi nello spirito e assorbire meglio la sconfitta.

    Mi piace

  8. LO SCONFITTO SCONVOLTO!!

    Non riesce a farsene una ragione,lo capisco dopo ve nti cin que lunghi anni di presenza nel palazzo comunale,la sua sconfitta dev’essere molto dura da digerire!!Allora pongo al grande e deluso sconfitto una domanda semplice semplice,come mai lei ed il suo ex comandante in capo questi debiti non glieli avete fatti pagare in tutti questi anni,cosa c’era da coprire!!poi siamo proprio sicuri che le tasse a San Sosti le hanno pagate tutti?una sola cosa in questo momento e’ certa,almeno anche se all’ultimo minuto utile Sirimarco i suoi debiti li ha pagati!!

    Mi piace

  9. Pensate che la gente è fessa? Noi sappiamo tutto. Prima delle elezioni e per le elezioni, Sirimarco poteva essere utile a qualcuno e non conveniva metterlo fuori gioco.. poi fatte le elezioni, visto che ha vinto, non vi sta più bene e volete cacciarlo.
    Sembra che il Comune è vostro, non ve lo potete leggittimare solo perchè avete amministrato per molti anni. Ecco perchè è importante cambiare le amministrazioni con continuità . Rispettate la volontà di 799 persone (che non sono poche) e sforzatevi di accettare il ruolo che vi è stato dato: minoranza.

    Mi piace

  10. E’ vero che non esistono più ideologie politiche peccato però che ne permangono i metodi.

    Mi piace

  11. Ohhhhh. Finalmente mi sento di avere ancora ragione. Avevo detto che avremmo iniziato a ballare? Ecco qui, si sono aperte le danze ed ora si balla…….

    Mi piace

  12. la legge parla chiaro, non può fare l’amministratore chi ha debiti con il proprio Comune, e allora cosa aspetta il Prefetto a Commisariare il Comune di San Sosti?

    Mi piace

  13. AGLI SCONFITTI........

    Semplicemente perche’ li ha pagati!!!!!!!pensa tu!!!
    Ripeto la sconfitta fa male e per digerirla non basta un mese…..
    Quanto a Fabio….prima di iniziare con le danze
    impari a rispettare chi ha votato per questa nuova amministrazione!!perche’ per attaccarla di tempo ne abbiamo tutti visto che amministreranno per i prossimi cinque anni!!pensi piuttosto ad organizzare un nuovo gruppo politico in grado di candidarsi alle prossime elezioni e possibilmente vincerle,cosi’ inizieremo a ballare anche noi!!
    Perdere e’ una brutta cosa..ma esiste la rassegnazione!!dopo tutto cinque anni volano via abbastanza velocemente.
    Invece di parlare solo dei debiti dell’attuale sindaco(ripeto pagati)perche’ non gli chiedete in che condizioni ha trovato il nostro amato comune? sarebbe molto interessante saperlo!!

    Mi piace

  14. chi non ha pagato le tasse prima, quale sicurezza può dare al cittadino?

    Mi piace

  15. Caro anonimo delle danze chi ha detto che non rispetto chi ha votato questa amministrazione? Ognuno del proprio voto ne fa quello che vuole. E poi non si può fare di tutta l’erba un fascio. Penso che sia facile leggere il mio messaggio ma vedo che per te non lo è stato. Ho solo detto che sono iniziate le danze nulla di più. Che hai code di paglia o altro?

    Mi piace

  16. AGLI SCONFITTI........

    Caro Fabio di danze stai parlando solo tu e da piu’ tempo,coda di paglia per i tuoi errori politici li hai solo tu,dopo di che’ ti inviterei a riflettere su un solo fatto:come mai gli sconfitti di oggi(pare molto sconvolti)essendo stati amministratori consecutivamente almeno per quindici anni e nel caso dello sconfitto sconvolto per venticinque,in tutti questi anni non hanno mai invitato il sindaco attuale a pagare,magari con atti ingiuntivi e quant’altro,quando era un semplice e libero cittadino?cosa c’era da coprire?cos’era l’arma del ricatto futuro?allora in questo caso ti dico che se l’ex cittadino ha sbagliato a non pagare le sue tasse,gli amministratori copritori non solo hanno sbagliato ma hanno violato la legge e reiteratamente!!voglio inoltre dire a chi non ha seguito attentamente questi fatti che se un libero cittadino non paga le tasse commette una cosa grave ma,sono comunque atti coperti dal segreto di ufficio non divulgabili a mezzo stampa, se al contrario i debiti non si pagano durante il mandato amministrativo, allora diventano e devono diventare di dominio pubblico e farebbe bene in questo caso l’opposizione a farne una battaglia politica.
    Dopo di che’ possiamo come dici tu iniziare a ballare!!vediamo chi si stanca prima!!!ciao!!

    Mi piace

  17. X agli sconfitti

    Ma si…ormai è tutto finito(o almeno sembra)…festeggiate…perché dovete recuperare quello che non avete POTUTO fare in 15 luoghi anni (di incontestata gloria)…Ma spiegatemi come mai tutta questa acidità avete vinto basta…O meglio a noi dà molto fastidio perché dopo 15 anni al comune è assolutamente normale…vai siete stati a casa per un mese 5 anni fa o vi siete rinchiusi al mare…noi almeno perdiamo e usciamo a testa alta…che gioia…GODETE finché POTETE :-)

    Mi piace

  18. normalmente l’acidità viene al perdente,come mai tu l’addossi al vincitore?del resto le parole che scrivi fanno ben capire a quale gruppo appartieni.

    Mi piace

  19. AGLI SCONFITTI........

    A me e a tanti cittadini sansostesi pare che la testa l’abbiate abbassata e di brutto,vedi caro sconfitto nella vita si perde e si vince basta solo accettare la sconfitta e fare gli auguri ai vincitori e nello stesso tempo non deridere gli avversari quando si vince ma rispettarli.Al tuo capo lista sconfitto-sconvolto,dopo aver passato un quarto di secolo tra quelle mua,pareva che il comune fosse diventata la sua casa,non gli e’ andata giu’ la sconfitta e adesso che fa’,usa l’arma del ricatto delle tasse invece di formulare i migliori auguri al neo sindaco.Ricordati infine una cosa a San Sosti c’e’ veramente poco da festeggiare visto come e’ stato conciato dai tuoi amici sconfitti in questi lunghi anni di mal governo.

    Mi piace

  20. Questa pagina o piccolo articolo è rivolta a tutti, senza distinzione ne di partiti ne di parentela. Smettiamola, ormai siamo stanchi di leggere articoli con riferimenti a “balli”, “tasse non pagate”, “mi ricordo l’anno 1…” , “ipotetici numeri”. La cosa che mi fà rabbia e che in tutti questi articoli da un pò di mesi a questa parte anche dopo l’esito elettorale, tutti si siano scagliati ognuno contro l’altro e non ci sia stato nessuno che si sia espresso, o almeno, abbia provato a far uso di questo sito come mezzo di lavoro, per progetti e idee da esporre alla nuova amministrazione. Dobbiamo e abbiamo l’obbligo di pensare al futuro, lavorare e cercare il confronto con i giovani. Vorrei che da domani si parlasse solo di san sosti per tutto quello che ne riguardi, lo sviluppo, i progetti, deve cambiare il modo di dialogare ma soprattutto il modo di pensare. Guardate, io sono un’amante della politica fatta per gli altri e non per se stessi, della politica che valorizzi tutto quello che ci stà intorno, perchè valorizzare non significa arricchirsi, non significa spadroneggiare ma almeno pensare agli altri prima di se stessi. Con ciò voglio che ogni ragazzo che legga questo articolo scriva idee nuove da esporre, si senta partecipe di un progetto che porti san sosti a diventare il punto di riferimento della valle dell’esaro.

    Mi piace

  21. complimenti sante verità..ma non tutti la pensano come te…mai nessuno pensa a cosa vorrebbe un giovane alle sue idee,hai progetti che uno sogna di realizzare..come dice una canzone “devi solo credere che un giorno te ne andrai di qui”, e sarà cosi perchè non c’è vita per un giovane…in tutti questi anni se ne sono fregati..e ancora adesso da perdenti non riescono a stare zitti…

    Mi piace

  22. non c’è nessuno che possa fargli capire quello che hai scritto in questo articolo?la gente, i perdenti non arrivano a capire le esigenze del paese ma solo le loro di esigenze..ma poi si sta cosi bene seduti sulla sedia del sindaco?

    Mi piace

  23. AGLI SCONFITTI........

    Sono con te anonimo del 10 luglio delle 18,46,sono con te perche’ adesso devono finirla coloro che dopo aver distrutto San Sosti per quindici anni consecutivi,adesso da sconfitti vorrebbero bloccare con mezzucci poco ortodossi e sopratutto poco chiari le attivita’ della nuova amministrazione.Vedi questa sara’ l’amministrazione del fare al contrario dei patetici sconfitti e lo dimostreranno con i fatti non appena riusciranno a mettere a posto tutti i casini trovati ad iniziare dal bilancio comunale disastrato,altro che chiacchiere!!!se San Sosti e’ allo sfascio e’ certamente colpa di chi ci ha amministrato fino ad un mese fa’!!per cui caro anonimo vedrai tra non molto sentirai parlare solo di progetti per i giovani e per il loro futuro.Futuro completamente ignorato dai vecchi e obsoleti amministratori!!!solo progetti vedrai amico!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...