Sul Primo Memorial “Biagio Aragona”: riflessioni di Fabio Novello.

Di Fabio Novello

Cao Raffaele,
lo sport è salute, amicizia e comunione di intenti di idee e di pensieri. Ma a San Sosti quale è il valore dello sport? Non so se i tuoi ricordi possano andare più lontani dei miei, però io ricordo che l’estate sansostese era più ricca di sport, che di qualsiasi altra cosa. Tornei di calcio tra i bar e tra i rioni, tornei di tennis, di pallavolo, giochi in piazza, dove sono finiti? Questo è un chiaro ed inequivocabile esempio di che fine abbia fatto il nostro caro paese. Lo sport ci univa, ci radunava, ci faceva litigare, ma nello stesso tempo confrontare, oggi dov’è? Da anni è finito il tennis, il torneo di pallavolo è stato organizzato a San Sosti, dopo anni, da persone di altro paese, il calcio? Distrutto. Non ci sarà probabilmente categoria, la nostra squadra del Gola del Rosa è comunque una fusione con gli amici di Mottafollone, e solo pochi giorni fà, grazie all’interessamento dell’assessore Sirimarco Luigi, tra l’altro accompagnato solo dall’amico Pietro PRESTA, si è riusciti a vedere uno scampolo di calcio giocato, con il torneo dedicato all’amico defunto Biagio ARAGONA. Bellissima inziativa, con la presenza di autorità dell’Arma e delle altre Forze di Polizia, nonchè della vedova Aragona e del fratello Berto. Torneo che ha visto partecipare noi Carabinieri, la Polizia di Stato e la Polizia Penitenziaria. E la popolazione? Assente. E l’amministrazione? Il solo Luigi, ed il Sindaco con toccata e fuga. Un grazie anche al caro amico FERRARI Elio, il quale ha prestato la sua strumentazione per la premiazione. E’ vero, è stato poco pubblicizzato, organizzato dalla mattina alla sera, ma comunque da apprezzare il gesto dell’amico Luigi. Una cosa così importante, ha visto partecipare solo i calciatori e qualche mio amico da me invitato informalmente? Questo è lo sport per il nostro paese? Ed allora davvero è finito tutto. Comunque per la cronaca, abbiamo vinto noi Carabinieri battendo la Polizia di Stato 3-0 e poi la Polizia penitenziaria 4 a 1 ai rigori. Spero davvero che lo sport ritorni nel nostro paese, e possa essere trampolino di lancio per cancellare le schifezze e gli obrobri che in questi giorni soprattutto, (vedasi problema fieristico e atteggiamento della minoranza), stanno diventando esempio lampante della vergogna nella quale il nostro paese è caduto.
A presto caro Raffaele.

Fabio Novello

Annunci

5 risposte a “Sul Primo Memorial “Biagio Aragona”: riflessioni di Fabio Novello.

  1. ANONIMOAILAVORIFORZATI

    CHE NON SI FACCIA PIù SPORT A SAN SOSTI è IL MINORE DEI MALI PER QUANTO IL MIO RICORDO VA AI FASTI DI UNA SAN SOSTI PULLULANTE DI VITA E DI MANIFESTAZIONI SPORTIVE CHE DIFFICILMENTE POTREMO RIVEDERE. IL MALE PIù GRANDE, SECONDO ME, è CHE SAN SOSTI STA MORENDO DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO: MANCA IL LAVORO E MANCANO PROVVEDIMENTI IN TALE DIREZIONE; IL COMMERCIO è IMPRATICABILE PERCHè CI SONO I CENTRI COMMERCIALI CHE LA FANNO DA LEONE, RICORDO CHE LA VIA NAZIONALE, ARTERIA CHE ATTRAVERSA IL PAESE, ERA TUTTA VETRINE DELLE PIù SVARIATE ATTIVITà. ORA IN QUELLA VIA REGNA IL DESERTO ECONOMICO, UN DESERTO RESO ANCORA PIù TETRO DALLA SOPPRESSIONE DELL’ISTITUTO BANCARIO. GLI ANZIANI RICORDANO LA BANCA NEI LOCALI DELLA GIOIELLERIA BIONDI, RACCONTANO DELLA PRESENZA A SAN SOSTI DI UNA CLINICA, DICONO CHE IL CENTRO STORICO ERA PIENO DI ATTIVITà COMMERCIALI E DELLA FARMACIA. MI CHIEDO UN DOMANI COSA POTREMO DIRE NOI AI NOSTRI FIGLI: NON MI RIFERISCO SOLO A ME CHE NON HO RIVESTITO CARICHE PUBBLICHE MA SOPRATTUTTO A COLORO CHE IN QUESTI ANNI SI SONO AVVICENDATI NELL’AMMINISTRAZIONE DEL GOVERNO DELLA CITTà DI SAN SOSTI, COSTORO DIRANNO AI LORO FIGLI: HO ASSISTITO IMPOTENTE ALLA CHIUSURA DELLA BANCA, ALLA CHIUSURA DEL TAL NEGOZIO, AL RIUSO DELLA SCUOLA MATERNA COME CONSULTORIO ECC. MAGARI CARO FABIO I GIOVANI NON PRATICANO SPORT MA IN COMPENSO SI DEDICANO ALLA CULTURA, DA QUELLO CHE SI VEDE IN GIRO, MIO MALGRADO, NEMMENO QUESTO CAMPO è SVILUPPATO. I GIOVANI, MI SEMBRANO AMORFI, NON HANNO UNA LORO FISIONOMIA BEN DEFINITA MA PREFERISCONO, DI COMODO, ACCETTARNE UNA GIà PREESISTENTE, I GIOVANI SI EDUCANO AL CLIENTELISMO, AVVERTONO GIà IL DISAGIO DI DOVER CAMMINARE DA SOLI E NELL’INCERTEZZA VOGLIONO GIà L’AIUTO DI QUALCUNO. LA VITA, CARI GIOVANI, è STUDIO INTENSO E SERIO, CHI HA ACQUISITO CAPACITà E COMPETENZE NON AVRà BISOGNO DI NESSUNO! LA CRESCITA DEL NOSTRO PAESE PRIMA ANCORA CHE DALLO SPORT, PASSA DA UNA SOLIDA PREPARAZIONE CULTURALE, TESA AD AFFRONTARE UNA REALTà COMPLESSA CHE NON è QUELLA DELLA NOSTRA GIOVINEZZA MA è FATTA DI COMPETIZIONE E DI INNOVAZIONE.

    Mi piace

  2. Non è vero che lo sport è l’ultimo dei problemi di San Sosti!
    C’è un detto latino che dice:” Mens sana in corpore sano” che tradotto (mente sana in un corpo sano).
    Il paese non possiede infrastrutture sportive e quindi non può avere una “cultura sportiva”. Ci stanno persone che non hanno la fortuna di potersi muovere e frequentare le grandi strutture delle città; e queste avrebbero il diritto di praticarne uno qualunque nel proprio paese. Una società sviluppata non può vivere senza sport. Come dice Fabio, lo sport è un modo per socializzare, far crescere bene i giovani.. anche abbellirsi esteticamente!
    Chi vive 24 su 24 a San Sosti non può farlo. Nel 2000 mi sembra assurdo e non giusto!
    Abbiamo speso un patrimonio per aggiustare il campo sportivo.. per cosa?
    Tutti i paesi del comprensorio, come San Sosti, hanno complessi sportivi fatiscenti e abbandonati: Malvito, Sant’Agata, Mottafollone, San Donato ecc… tutti per lo stesso motivo: i pochi abitanti.
    Allora la domanda nasce spontanea: perchè non farne uno grande per tutti i comuni del comprensorio e creare una sola società? Per esempio: AS. Valle dell’Esaro! I comuni si potrebbero dividere le specialità: San Sosti la pallavolo, Mottafollone il tennis, Malvito il Calcio, Sant’Agata l’atletica, e cosi via.. poi realizzare in ogni comune il complesso sportivo adatto per quella specialità con la relativa società sportiva composta da persone di tutti i paesi del consorzio sportivo.
    Da anni che si parla di crare un consorzio fra comuni; ecco il ruolo che potrebbe avere oggi lo sport, essere il volano per questo tanto sperato e voluto consorzio di paesi!

    Mi piace

  3. Bravo il mio caro Pavel, continua così perchè tu ed i tuoicoetanei avete in mano le redini del nostro paese, sappiatele usare e frustate i cavalli che vi condurranno al futuro. A presto e sempreForza Juve

    Mi piace

  4. Caro Raffaele ti do notizia sul nostro campionato. Sabato scorso abbiamo vinto uno a zero a Malvito, goal di ROTONDARO Minotto. Oggi abbiamo vinto in casa contro lo Spezzano 7 a 0; tre goal di LIFRIERI Raffaele, due goal miei, uno di TERMINE Emilio ed un autogoal. Grande prestazione anche se lo Spezzano era poco in forma. Alla prossima, sabato a Cassano… Forza Gola del Rose…

    Mi piace

  5. Fabio Novello

    Ieri pomeriggio terza giornata di campionato. Purtroppo non c’ero per motivi personali ma i miei compagni sono stati di nuovo eccellenti. Hanno vinto quattro ad uno contro il Cassano e siamo sempre più a punteggio pieno con il Corigliano. Sono davvero contento per questo risultato, e mi auguro di cuore che i nostri compaesani sansostesi, così come fanno gli amici di Mottafollone, vengano a vedere le nostre partite. Si prenda ad esempio l’amico Mario Grosso, sempre presente. Comunque domenica prossima giochiamo in casa a Mottafollone alle ore 10.00. Vi aspetto numerosi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...