Orto sconsacrato!

Di Francesco Capalbo

Il Blog “Mille storie, mille memorie” si preoccupa, ormai da tempo, di tenere alta l’attenzione in tema di memoria collettiva.
Per sottolineare le connessioni, non sempre felici, che le vicende politiche ed amministrative hanno con la storia della nostra realtà e con la edulcorata rappresentazione di personaggi, avvenimenti e contesti, oggi viene pubblicata in maniera integrale la Delibera numero 72 della Giunta Municipale di San Sosti.
E’ un atto avente per oggetto l’intitolazione del già Largo Orto Sacramento alla D.ssa Caterina Tufarelli in Pisani, datato 3 settembre 2009.
Reca la firma di SIRIMARCO Michele, OLIVA Vincenzo, DE SIMONE Mario, SIRIMARCO Luigi e RANUIO Francesca che l’hanno approvata “con votazione unanime, resa nei modi e forme di continua a leggere su www.francescocapalbo.blogspot.com

Annunci

30 risposte a “Orto sconsacrato!

  1. Sono d’accordo con l’amministrazione. E’ giusto intitolare una piazza del paese ad un Pisani. Considerate che questa famiglia ha dato molto al nostro paese, molte famiglie sono sistemate, molti uffici come la banca sono stati messi da loro.
    Una piazza al primo sindaco donna è il minimo che si può fare! Il comune dovrebbe fare anche di più, fare molta pubblicità perchè in tutta italia si deve sapere che il primo sindaco donna è stata a San Sosti.

    Mi piace

  2. I tempi cambiano.....

    ….e pensare che un tempo, per andare in “Largo Orto Sacramento”, bisognava inneggiare contro
    un “NOME” paragonandolo alla più odiata famiglia di TIRANNI e signorotti del Luogo.
    Ah… come si cambia, “il lupo diventò agnello”.

    Mi piace

  3. Perchè proprio la piazza principale?
    Se si decide per la dedica in quanto primo sindaco donna (… ma è stato verificato?), perchè non optare per una piazza o una strada meno importante?

    Mi piace

  4. Alcune doverose precisazioni:
    1) la dott.ssa Caterina Pisani non è stata il primo sindaco donna d’Italia. A potersi fregiare di questo titolo è la dott.ssa Ada Natali, eletta sindaco di Massa Fermana nel 1945, partigiana, educatrice, sostenitrice delle lotte operaie e, per questo, perseguitata.
    2) la breve biografia della dott.ssa Pisani allegata alla deliberazione di G.M. n. 72 del 3.9.09 riporta, pedissequamente ,le motivazioni addotte dall’assessore allo sport del comune di Castrovillari nel richiedere, nel 2007, al Sindaco del suo comune di intitolare una via o una piazza alla medesima Pisani.
    A questo punto mi chiedo dov’è la ricerca storica e critica, quali sono le motivazioni che hanno indotto l’Amministrazione Comunale di San Sosti a fare questa scelta, quali sono i meriti che hanno condotto la dott.ssa Pisani a salire sugli altari dell’Orto Sacramento?

    Mi piace

  5. Delle volte mi chiedo se sono io un cretino oppure sono altri a prendere per i fondelli.
    Non molto tempo fa l’amministrazione comunale è uscita con un avviso che invitava i Cittadini di San Sosti a partecipare alla commissione popolare per la toponomastica, mi chiedo che senso ha fare una commissione quando è stato già deciso tutto?
    Si spiega perchè il vice sindaco ha dichiarato di non voler partecipare a tale commissione! Chiaro, non ha senso, hanno già deciso, allora perchè prendere in giro la gente con una finta apertura democratica – da convinto comunista come giustifichi questa operazione di lecchinaggio nei confronti dei pisani? –
    Perchè la delibera di giunta prima di andare in tribunale il sindaco?
    Avete paura di perdere la poltrona?
    Tengo a precisare che si puo dedicare una via secondaria alla Tuffarelli ma non Piazza Orto Sacramento, soprattutto non continuate a prenderci in giro, ricordate che l’Elettorato che vi ha votato è quello più critico a San Sosti e non vi perdonerà, a questo punto spero che tornate a casa presto.
    Vincenzo Raimondi

    Mi piace

  6. A questo punto io mi chiedo quando c’è di personale in quelle persone che non sono d’accordo su questa faccenda, san sosti purtroppo vive di odi e di rancori magari vecchi di secoli e non riesce a guardare avanti e quel che è più grave che non ha interesse a guardarsi indietro, perchè ogni paese ha una storia e la storia dice che grazie alla famiglia Pisani san sosti era diventato il centro di molte attività, che molti padri di famiglia hanno potuto assicurare un avvenire ai propi figli e che san sosti propio grazie a tutti i servizi che offriva era un punto di riferimento per tutto il circondario. Adesso, se i nostri”padri”hanno distrutto tutto ciò per menefreghismo, egoismo, egocentrismo e interessi del tutto personali, per quale motivo non si deve dedicare una via al primo o (secondo) sindaco del dopoguerra?

    Mi piace

  7. vincenzo calonico 1970

    no comment 2 sull’articolo dell’amico Francesco. D’accordo con Francesca che non so chi sia, bocciato nettamente le crude frasi e terminologie del mio amico Vincenzo Raimondi.
    La storia non bisogna dimenticarla nel bene e nel male, e l’evoluzione dei tempi, non può essere cancellata all’improvviso dal benestare e peggio ancora, per allinearsi a linee di indirizzo di evntuali malpensanti e/o aggregazioni morali/ideologici che non appartengono a persone intelligenti quali in primis sei tu Vincenzo

    Mi piace

  8. Bisogna:

    1-Pulire le strade (e i luoghi di riposo);
    2-Incentivare le piccole attività;
    3-Impostare una seria raccolta differenziata CHE DEVE AVERE COME SCOPO IL LIMITARE I PREZZI DELLA TASSA “SPAZZATURA”;
    4-Valorizzare la nostra storia, QUELLA VERA E SENZA RISVOLTI (reperti naturali, storici e museo);
    5-Internet Wi-Fi gratuita per tutti;
    6-Valorizzare il Santuario;
    7-Creare convegni ed incontri culturali;
    8-Energie alternative (che si possono ottenere sfruttando un semplice bando della Regione, che permette un pagamento DIRETTO al richiedente, per l’energia che lo stesso produce in più, senza costi annessi).
    9-TRASPARENZA NELLA POLITICA, con contatto diretto ed omeostatico “amministratore-elettore”;
    10-Far rispettare la legalità sul nostro territorio;
    11-Garantire trasporti migliori per i nostri studenti che ogni giorno raggiungono le più disparate scuole del circondario.
    12-………..tanto parliamo coi sordi. E’ inutile.
    Finché poi non scattano le molle.


    Il problema delle “liste contenitore”.
    Il problema dell’incoerenza politica.
    Il problema dell’incoerenza morale.
    Il problema dell’apertura mentale.

    Tutto il resto, ‘su paglietti. Non ho rapporti con Pisani e non ne ho mai avuti. Sono d’accordo nell’intestare la piazza e non sono d’accordo. Completamente neutrale e disinteressato in questa iniziativa, ritengo che ci siano tematiche più forti e pregnanti e UTILI sulle quali discutere.

    La PAGLIA la lasciamo volentieri a voi….
    …tanto siamo a metà Febbraio, ci siamo quasi.

    Mi piace

  9. I tempi cambiano.....

    Senti Francesca o chi tu sia; guardati allo specchio e vedrai quello che tu definisci i nostri “padri” e, cioè quello che tu dici di non voler essere.
    Poi cerca di usare una bilancia di giudizio che sia ben tarata e che non si pieghi al volere del “PADRONE” bensì, al volere di tutti.
    Comunque un vecchio detto recita:”quannu sì ‘ncudini statti , quannu sì mazza vatti.”
    Buon Carnevale……..

    Mi piace

  10. vincenzo calonico 1970

    De Gaio chiede di intitolare una strada a Caterina Tufarelli
    di Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

    17/01/2007 – C O M U N I C A T O

    “CASTROVILLARI – L’ASSESSORE DE GAIO CHIEDE AL SINDACO DI INTITOLARE UNA STRADA O UNO SLARGO A CATERINA TUFARELLI IN PISANI”

    L’assessore del Comune di Castrovillari, allo sport, turismo, tempo libero, coordinamento e sviluppo delle associazioni, Anna De Gaio, ha inviato una lettera al sindaco, Franco Blaiotta, nella quale ha chiesto “di intitolare una strada o uno slargo della città alla dottoressa Caterina Tufarelli in Pisani (moglie dell’avvocato Baldo Pisani), primo sindaco donna d’Iltalia nel Comune della vicina San Sosti, dal 1946 al 1952, come riferiscono alcune fonti”.

    Si tratta di “ persona – scrive De Gaio – di grande pregio e, soprattutto, di carattere, che è stata particolarmente impegnata nel civile quanto a servizio del sociale. Una donna d’altri tempi, anticipatrice, però, di valori, esigenze, modi e consuetudini delle donne del Sud e delle loro legittime rivendicazioni e diritti per quell’avanzamento civile e per quel riscatto di parità che si attendeva e che in quell’epoca rivestivano una particolare esaltazione.

    L’iniziativa – scrive ancora l’assessore – , oltre a riconoscere, dunque, un’ esperienza storica, profusa con onore ed alto senso del dovere, e una figura così importanti nel comprensorio, vuole ribadire ulteriormente il nostro impegno a favore delle politiche per le pari opportunità, di cui questa Amministrazione si è fatta portavoce, appena insediata, come l’attenzione per quei castrovillaresi o cittadini che hanno dato lustro, con il proprio senso di responsabilità, dedizione e passione, alla città, al territorio e, soprattutto, a quei valori su cui si fondano oggi le radici e la storia della nostra Calabria e del Meridione tutto, per i quali abbiamo dato vita anche all’importante iniziativa “Ali d’Argento”.

    E’ con queste motivazioni che l’amministratrice è sicura di vedere presto esaudita questa richiesta “che interpreta sicuramente – sostiene – l’intenzione di tanti”.

    Mi piace

  11. LA FURBIZIA manca ai sansostesi...

    che la piazza sia inditotala al primo sindaco donna. Possibile che nessuno è così scaltro da capire che su una cosa di queste si può fare una pubblicità positiva per san sosti? Ci sono paesi che per emergere e attirare l’attenzione si inventano l’inverosimile e i massmidia nazionali corrono a vedere per documentare.. e noi che abbiamo un dato certo su cui poter emergere, lo vogliamo mettere in discussione per sotterrarlo per sempre!
    No, io non sono d’accordo con voi.

    Per luna rossa.
    Ada Natali e Caterina Tuffarelli sono le due prime sindaco donna d’italia perchè distano pochi mesi le loro elezioni.. per cui si può ritenere che fanno parte della stessa tornata elettorale.

    Mi piace

  12. LA VOCE DI UN CITTADINO

    CARISSIMO SIG. Raimondi… mi meraviglio che un sostenitore accanito… (non si sa perchè poi così tanto!) della lista risultata vincente alle elezioni amministrative del giugno 2009… non ricordi che proprio durante la campagna elettorale il neo eletto sindaco abbia più volte manifestato il proposito di intestare la piazza comunale al primo sindaco donna d’Italia, e ricordando nel contempo altri sindaci che hanno ben amministrato il Paese, tra cui Calonico e Coscarelli. Ciò avveniva durante i comizi elettorali, pertanto, a meno che il nostro caro Sindaco non abbia poteri soprannaturali e non sia un veggente, lo stesso non avrebbe mai potuto immaginare che avrebbe vinto e che la minoranza avrebbe fatto ricorso per la dichiarazione della sua incompatibilità dalla carica. Caro Raimondi, la sua “spiccata” ma soprattutto “intelligente ” osservazione non regge poi così tanto…. non è che anche Lei è stato contagiato dall’Influenza C… ENZINO De Marco convinto ancora che si rifaranno le elezioni e che lui andrà ad occupare la tanto ambita sedia di SINDACO… il verdetto è stato rinviato di soli venti giorni… in cui la speranza in cuor suo continuerà ad ardere… ma più che sperare lo stesso deve pregare …per un miracolo!La poltrona è sempre più lontana… inutile appostarsi davanti al Comune o recarvisi ogni giorno!
    Ritornando a Lei signor Raimondi le cause non si vincono nelle piazze… o intestando le piazze… si vincono grazie alla competenza degli avvocati in questo caso delle avvocatesse… tanta gente invece di riempirsi la bocca di fantonie parlando e scrivendo senza cognizione di causa (mi dica se il mio linguaggio è troppo ricercato …. anzi mi scusi difficile!) andasse a documentarsi partendo però dalla grammatica italiana prima di cimentarsi nell’educazione civica e nelle questioni prettamente giuridiche.

    Mi piace

  13. Il gruppo dei veggenti

    Cara Voce del cittadino, i veggenti siamo noi e non il nostro amato sindaco … mi complimento per il tuo intervento. Il Raimondi spara solo…meglio mantenere l’eleganza che ci contraddistingue! Sempre per non entrare nel merito giuridico (lasciamo fare le avvocatesse a chi ha la competenza) prevediamo che contro l’influenza C…ENZINO DE MARCO saranno distribuiti dei vaccini nella Nuova Piazza Intitolata il giorno 12 marzo 2010… e da tale data ci sarà un nuovo inizio. Finalmente si potrà lavorare in modo sereno senza timore di abbandonare la poltrona. Poltrona così tanto amata dal VIRUS C…ENZINO che sta facendo il possibile per conquistarla… anzi l’impossibile!E purtroppo per lui neanche quello servirà!A parte la satira, non siamo veri veggenti, però non bisogna essere tali per capire che la causa instaurata dalla minoranza è stato solo un pretesto per illudere i loro votanti sulla possibilità che gli stessi e qualcuno in più, non nuovo data l’interruzione, sarebbero ritornati al Palazzo del Governo. La dignità nelle competizioni è dare la mano al concorrente vincitore, complimentarsi ed incassare la sconfitta… non cercare di screditare chi lì è stato voluto dal popolo, popolo che non vuole più tornare al passato remoto nè prossimo, da quindici anni a questa parte, ma guardare al futuro sperando che quanche cosa cambi in meglio. Inoltre ci piace concludere questo nostro breve pensiero con una canzone che ha accompaganto la mia infanzia il cui ritornello dice:<>.

    Mi piace

  14. Se questa è l’eleganza chissà la cafoneria qual’è.
    Comunque anche io ho sempre criticato la passata amministrazione aspramente, ma vedere come vanno le cose oggi,ti dico che se dovessi votare domani voterei De Marco ,e guarda che,non avrei mai creduto di dire una cosa del genere neanche nei miei incubi peggiori. Perciò questa la dice lunga sull’attuale amministrazione.
    Caro VINCENZO Raimondi, ti ripeto ancora una volta che sei sprecato per san sosti; la tua esperienza sia politica che di vita è meglio se la porti altrove dove la capiscono e l’apprezzano ,san sosti non è ancora pronta, ci vorranno altri 50 anni prima che arrivi ad un minimo di democrazia.

    Mi piace

  15. Si siamo morti e ancora continuate a scannarvi!!!!forse sara’ che vivendo sempre a San Sosti per qualcuno questo piccolo,povero e sperduto borgo di una sperduta provincia della piu’ sperduta regione,rappresenti l’ombelico del mondo!!cosa c’e’ che vi fa tanto male per sparlare e sparlare di qualsiasi cosa piccola o piccolissima si faccia!!!siamo rimasti quattro gatti,non avete forse ancora intuito che siamo finiti,morti!!tutti i sindaci che abbiamo avuto dal dopo guerra ad oggi non hanno avuto grandi fortune!!il paese e’ al collasso,disabitato,impoverito,senza servizi,senza infrastrutture,senza cultura e senza futuro!!e voi vi azzannate!!non sarebbe meglio lasciare al loro destino questi pseudo aspiranti sindaci privi di qualsiasi capacita’?certo lasciateli al loro destino e coalizzatevi,senza scannarvi perche’ coalizzandosi si puo’ quanto meno sperare in qualche improbabile segno di vita!!!!

    Mi piace

  16. I tempi cambiano.....

    Io per il momento mi tocco……
    Sono compiaciuto della intitolazione della Piazza Orto Sacramento alla Sig.ra Pisani; poi spero sia il turno del Sig. Coscarelli che tanto ha fatto per San Sosti ed i Sansostesi, poi alla Med. d’Oro Raimondi e via di seguito così, da non dimenticare nessuno.
    Se il VACCINO deve essere Sirimarco & C., allora credo veramente all’articolo di “Siamo morti” o, perlomeno non ci sarà speranza.
    Solo i furbi, gli imboscati, i pokeristi, altri ingegneri, alcuni LPU senza nè arte nè parte, le avvocatesse and familly, ecc. saranno immuni da questo terribile virus , poichè avranno il vaccino adatto.
    Solo un semplice consiglio: attenti agli effetti secondari, altre lacrime di coccodrillo.
    Buon Carnevale!

    Mi piace

  17. Risposta a SIAMO MORTI, poche parole concise che delineano passato e futuro, complimenti.
    Ti chiedo solo esci dall’anonimato e renditi protagonista della vita della nostra cittadina, mi ritrovo sulla tua idea.
    Vincenzo Raimondi

    Mi piace

  18. Cara Francesca anche se non sò di preciso chi sei ho l’obbligo morale di dire che sei una delle pochissime persone che capisce il mio pensiero e l’unica che pubblicamente lo espone, di questo ti sono molto grato, oltre a gratificarmi mi dai coraggio ad’esprimermi dal basso delle mia terza media inferiore che in tanti criticano senza sapere le vicessitudine della mia vita e della mia famiglia.
    Non mi pongo il probblema di essere considerato lo sgrammaticato di turno perchè so che tra tanti ignoranti laureati ci sono anche persone per bene che guardano ai contenuti.
    In passato ho realizzato grande cose nei posti dove sono stato ed’ancora oggi sono amato, anche per San Sosti ho fatto tanto ( vedi biblioteca ).
    Comunque sono sempre sul piede di guerra per andare via e in quel giorno San Sosti oltre alla mia famiglia nel giro di poco tempo perderà altri dieci cittadini circa. questa è la mia e-mail italianuova1964@libero.it che lascio per te e chiunque voglia comunicare con me.
    Vincenzo Raimondi

    Mi piace

  19. Il gruppo dei veggenti

    Risposta ai tempi cambiano… Il vaccino a cui ci riferiamo non è certamente l’attuale amministrazione, ma non lo potrà essere neppure la precedente con qualche new entry se si riproporrà in futuro. Le mele mature e quelle ormai marce devono andare in pensione e lasciare il posto a nuovi volti e a nuove idee per migliorare questo nostro paese che ormai come dice “siamo morti” sta andando alla deriva! Intanto di un virus ci si è quasi liberati… degli altri speriamo pure… ma ormai hanno quasi tutti contro elettori e non!Non penso che coloro, anzi alcuni, considerati immuni dal Virus C… enzino abbiano bisogno di vaccini vari per andare avanti, e non certo il Comune di San Sosti e la tanto ambita poltrona, a cui molti si aggrappano disperatamente rappresenti un traguardo. Hanno fatto a meno del vaccino per tutta la vita e comunque hanno campato ottenendo le loro soddisfazioni. Speriamo che anche gli LPU, relegati a fare le pulizie del paese e del Palazzo senza contributi da 10 anni, cerchino altre strade o facciano valere le loro ragioni ai governi alti… da dieci anni lavorano ma da dieci anni sono anche disoccupati.. alla fine prenderanno la pensione sociale… cosa c’è da invidiare loro? Eppure sono sempre presi di mira come se il problema di San Sosti fossero loro!Noi avevamo tentato di proporre un’alternativa rispetto alle altre due liste ma purtroppo eravamo pochi e senza seguito.

    Mi piace

  20. Il gruppo dei veggenti

    Caro amico Vincenzo Raimondi, ti siamo vicini e volevamo dirti di non abbatterti… sei una persona intelligente e in tanti lo sanno… infatti ti avevamo proposto a suo tempo di essere dei nostri fornendoci il tuo supporto politico, morale e sociale… ma… vedremo in futuro!La voce di un cittadino non si riferiva sicuramente a te … non poteva rifersi certamente ad una persona valida come te!Forza!

    Mi piace

  21. sinibaldo diurno

    Non sono in grado di esprimermi sulla necessità d’intitolare una via o una piazza al vecchio sindaco di San Sosti, sono però rispettoso delle tradizioni e delle volonta dei nostri predecessori. Non era forse meglio lasciare le cose come stanno, mantenerci la nostra bella ” largo orto sacramento” e aspettare la creazione di una nuova via o piazza e intitolarla ?
    Un saluto affettuoso a tutti.
    Sinibaldo

    Mi piace

  22. continuate…continuate pure! Quanto accanimento, quanto interesse e quante parole sprecate per una cosa (scusatemi il termine) cosi FUTILE; Ma del resto, il più grande problema del nostro “amato” Paese è intitolare o meno una Piazza o una Via a questa o quell’altra persona!!!! ma fatemi il piacere! sveglia! Ci sono cose molto più impellenti ed estramente urgenti per risanare, risollevare e “ripopolare” San sosti. Mi permetto di commentare anche io tutto questo, perchè, anche se ormai per me San Sosti sarà solo il luogo delle ferie e di altri brevi momenti utili esclusivamente a riabbraccaire i miei familiari, gli amici e tutti i conoscenti, lo porto e lo porterò sempre nel cuore, visto che li ho vissuto ben 30 anni della mia vita. Non vi rendete conto del calo di popolazione che ha subito San Sosti???? Magari non a livello di residenti “ufficiali”, perchè molti che sono andati via continuano a mantenere la residenza per svariati motivi…(e su questo non voglio aprire parentesi….), ma parlo di presenza fisica…dov’è tutta quella gente? quest’anno nel periodo natalizio ho visto una desolazione assurda….! GRAVE GRAVE GRAVE! La prima cosa utile a risolevvare un Paese è il numero delle persone che lo frequentano…..(ma penso che questo lo sappiate) Più persone “girano” più “gira” l’economia. Tutti guadagnano, tutti possono spendere, più persone possono investire! ma del resto cosa è stato fatto per evitare tutto questo? o forse è più facile rispondere a cosa non è stato fatto per far si che il volume di persone (sia residenti che turisti) aumentasse? il problema è la VOGLIA DI FARE per il bene di SAN SOSTI, tutti bravi a parlare ma ben pochi con la “VOGLIA DI FARE; anche perchè chi “FA” è soggetto a critiche inverosimili….;
    Potrei andare oltre, ma consapevole del fatto che tutti conosciamo bene quanto altro non è stato fatto, mi fermo qui. Voglio concludere questo mio intervento Con la speranza che il ns Amato paesello possa un giorno essere vanto per la Calabria intera..perchè ne ha tutte le possibilità e le capacità!!!

    Mi piace

  23. SIAMO MORTI!!!

    E SI!!SI CHE SIAMO MORTI!!mi riferisco all’intera Calabria,una regione devastata dalla politica para-mafiosa,che ha divorato il sistema economicoe sociale,si appresta ad andare al voto regionale avendo come alternativa due mali!!il terzo che sicuramente e’ una persona per bene fara’ da spettatore perche’ il popolo morto dei Calabresi non lo prendera’ nemmeno in considerazione!!e’ esattamente cio’ che ogni cinque anni accade al paesello dei poveri chiamato San Sosti,sempre le stesse persone ad aspirare alla poltrona da sindaco,la cosa si ripete da trent’anni,e il paesello nel frattempo sprofonda e sprofonda sempre di piu’!!l’alternativa e’:NON VOTIAMO PIU’ I SOLITI NOTI,largo a nuovi volti,a nuove idee,di qualunque eta’,ma,VIA LE SOLITE FACCE!!

    Mi piace

  24. Per Osvaldo

    Complimenti per il tuo commento, in poche righe hai saputo centrare l’obiettivo.
    Gli amministratori attuali pensano solo a cavolate o a farsi la partitella a carte.
    Nessuno punta sui giovani ma anche i fiovani non scommettono su loro stessi nel territorio di san sosti perchè ci sono sempre i furbi.
    Invece che succede, si fa la guerra a intitolare una piazza a chi o a cosa senza pensare alle cose serie. Le cose serie sono i bandi di concorso che i nostri amministrtatori non guardano e che fanno scadere senza prenderne conto.Aspettano sempre il fesso di turno che da una strigliata a loro per far notare che c’è un bando, metre loro fanno comunella davanti al bar.
    Ancora non hanno capito niente di come si amministra. Solo promesse al vento campate di aria. se non fossi legato al mio paese perchè io sono uno dei pochi che crede nei giovani e in san sosti, alcune volte mi vergogno di avere degli amministratori così fallimentari come quelli che ci sono oggi.

    Mi piace

  25. SIAMO MORTI!!!

    Sono d’accordo,non si puo’ continuare cosi’,amministrare cosi’ significa non amministrare,significa tirare a campare!!i vecchi amministratori nella loro lunga permanenza hanno distrutto tutto cio’ che c’era da distruggere,gli attuali non si rendono conto di cosa serve veramente a San Sosti e tirano a camare,a questo punto,anche se ho votato loro,consiglio,meglio dimettersi,saranno altrimenti anni persi!!date spazio a chi vuole veramente fare qualche cosa per il nostro paese!!via vecchi e falliti amministratori risalenti agli anni settanta,avanti i giovani i loro proggetti e le loro aspettative,non puo’ amministrare chi sta con la testa da tutt’altra parte!!

    Mi piace

  26. Il gruppo dei veggenti

    hai ragione.

    Mi piace

  27. Le polemiche sterile della quale anche il sottoscritto è complice, non portano da nessuna parte. Quando invece una buona e incisiva azione amministrativa e di volontà popolare, non chiacchire da piazza, potrebbero veramente risollevare il nostro paesello.
    Complimenti per il tuo intervento (caro cugino)
    Vincenzo Raimondi

    Mi piace

  28. Voglio “ringraziare” chi con il nick “per osvaldo” mi fa i complimenti per quanto da me scritto…. Peccato pero’ che il mio non era un attacco o un rimprovero agli attuali amministratori, ma voleva essere un richiamo all’attenzione per le cose piu’ importanti e piu’ urgenti per il ns paese rivolto pero’ in modo piu’ diretto agli abitanti! Non si possono sprecare cosi tante parole e tante energie per un motivo cosi futile e rimanere tutti in silenzio per cose ben piu’ importanti! Non si possono attribbuire le colpe all’attuale amministrazione, perche’ non e’ da 8 mesi che il ns paese va male…. ! E’ un lungo periodo che si trascina da troppo troppo tempo! Per cui piu’ che una critica il mio intervento voleva essere un consiglio…. Rimbocchiamoci le mani e’ iniziamo a fare qualcosa per il ns paese… Per primi noi cittadini!  

    Mi piace

  29. Il gruppo dei veggenti

    caro raimondi hai visto le cause non si vincono per l’intitolazione delle piazze… ma perchè si hanno i santi in paradiso… o dello stesso colore… rosso!

    Mi piace

  30. e voi caro gruppo dei veggenti avete il colore giallo,cioè quello dei ruffiani

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...