La Minoranza Consiliare vince la causa sull’ineleggibilità del Sindaco.

Di Raffaele Rosignuolo

Si è conclusa oggi, 12 marzo 2010, la causa che vedeva coinvolto il Sindaco Michele Sirimarco e la Minoranza Consiliare di San Sosti (Vincenzo De Marco, Francesco Boncompagni, Vincenzo Iannuzzi e Antonio Ferraro). La Minoranza ha sempre sostenuto l’ineleggibilità del Sindaco per le elezioni comunali 2009 e, quindi, la sua incompatibilità con la carica di Primo Cittadino. Dopo otto mesi di rinvii, finalmente, oggi, arriva il verdetto: la Sezione Civile, all’esito della Camera di Consiglio, ha pronunciato e pubblicato la sentenza che prevede la decadenza dell’Ing. Michele Sirimarco dalla funzione di Sindaco del Comune di San Sosti per incompatibilità con la funzione.  I legali del Sindaco confermano la loro tranquillità: affermano che andranno fino in fondo ricorrendo in Appello e, se occorrerà, in Cassazione e che l’iter sarà così lungo da permettere al Primo Cittadino di concludere comunque il proprio mandato.  Mentre la Minoranza festeggia questa importante vittoria, nel palazzo comunale la Maggioranza si schiera con l’Ingegnere Sirimarco e dichiara che continuerà a sostenerlo come Sindaco.

Raffaele Rosignuolo

Annunci

36 risposte a “La Minoranza Consiliare vince la causa sull’ineleggibilità del Sindaco.

  1. Fabio Novello

    Sono mesi che scrivo su questo sito, sono anni che cerco di far capire che la politica non è quella dei politici, non è quello che si dice sui palchi e che si legge sui manifesti in campagna elettorale, non è quella che riempie la bocca di chi si reca a casa dei votanti e promette, promette,promette, ma la politica ormai è anche Tribunali, sentenze, condanne, insomma pensate voi…. Siamo all’assurdo. Ma la legge è legge, è uguale per tutti (con qualche limite), e quindi una sentenza è una sentenza. O no? O anche questo è tutto un gioco? A tutti i lettori giudicare. Certo, questo che tipo di ballo è? Ho sempre detto che era tutto un ballo, che vedevo sempre e solo tanta gente ballare, ma ora la musica qual’è? Chi suona? E’ liscio o è rock? EVVIVA CHI BALLA….

    Mi piace

  2. =) quando il gioco si fa duro i duri cominiciano a giocare….forza ing.sirimarco lo sappiamo che nn c entri nnt……

    Mi piace

  3. Al di fuori di tutti i commenti e le critiche stupide buttate così tanto per dire qualcosa o toccare qualcuno, a me interessa sapere quello che accadrà! Fra la gente c’è molta confusione e non mi sembra giusto nei nostri confronti, cittadini di San Sosti, non dare delle spiegazioni. L’amministrazione comunale ha ora il dovere di spiegarci pubblicamente quello che accadrà.

    Mi piace

  4. cosa accadra???al 100% rimarra il sindaco….perche il meglio ancora deve arrivare……e io mi divertiro ahah……

    Mi piace

  5. Cosa significa: il meglio deve ancora arrivare?

    Mi piace

  6. TRE GRADI....

    Aspettiamo i tre gradi,nel frattempo chi deve stare nel posto in cui deve stare ci stara’,cosi’ a ognuno il suo!!la minoranza non sa fare opposizione nel merito dei provvedimenti e’ solo carica di cattiveria dovuta al fatto che ha perso le elezioni,vedremo comne andra’ a finbire…comunque loro signori non andranno mai al comune….

    Mi piace

  7. RAZIONALE!!!

    QUANTO ACCADUTO OGGI CON LA SENTENZA DEL TRIBUNALE NN è ALTRO CHE LA LOGICA CONSEGUENZA DI QUANTO DOVEVA SUCCEDERE! LA LEGGE NN AMMETTE IGNORANZA! ERA PALESE L’INCOMPATIBILITà, E GRAZIE ALLA DIFESA DI UN “GRANDISSIMO” AVVOCATO, è STATA GIUSTAMENTE RILEVATA… FINANCHè CON TROPPO RITARDO… DEVO DIRE CHE MI SPIACE PER L’ING. SIRIMARCO! PERCHè SONO CONVINTO CHE è STATO TIRATO IN QUESTO PENTOLONE DAI TANTI “CANI ALL’OSSO” CHE GLI GRAVITANO ATTORNO… CERTA GENTE SAPEVA CHE L’UNICA SPERANZA DI VITTORIA ELETTORE LA SI POTEVA NUTRIRE SOLO CON L’ING… MA SI SAPEVA PURE CHE NON AVREBBE POTUTO FARE IL SINDACO… PENSA TU, L’ING. CON QUESTE ELEZIONI CI HA GUADAGNO SOLO UNA CONDANNA DA UN TRIBUNALE…(COME A DIRE CHI TE L’HA FATTA Fà). DISPIACE, PERCHè I “CANI ALL’OSSO” ORA SEMBRANO DAVVERO GIù DI MORALE… LA SENTENZA (BADI BENE AL VALORE DI QUESTO TERMINE CHI SOSTIENE CHE L’ING. FINIRà TRANQUILLAMENTE IL SUO MANDATO) RIGUARDA SOLO L’ING. è VERO… MA DOVREBBE RIGUARDARE TUTTI… NEL SENSO CHE, PER USCIRE DAVVERO A TESTA ALTA (POLITICAMENTE PARLANDO) DA QUESTA SITUAZIONE, DOVREBBERO DIMETTERSI…. PERCHè IN FONDO è SOLO QUESTIONE DI TEMPO (E NEMMENO TANTISSIMO), MA SI DOVRà VOTARE NUOVAMENTE… LA LEGGE HA DECISO… E ALL’ING. SIRIMARCO UN AVVOCATO A LUI VERAMENTE VICINO CON IL CUORE, DOVREBBE SCONGLIARE ANCHE L’APPELLO…VISTE LE SCARSISSIME POSSIBILITà DI VITTORIA….. UNA SOLA COSA COMUNQUE, PER CONCLUDERE, è CHIARA AGLI OCCHI DI TUTTI: QUESTO PAESE è DAVVERO ALLA DERIVA…. AI PROSSIMI CAPITANI (CHE NON CREDO SARANNO GLI ATTUALI) IL COMPITO DI RISOLLEVARE LA CIURMA……

    Mi piace

  8. Carmela Martucci

    Tra musica, suonatori, balli, gente che si diverte, gente che fa politica seria, meno seria, del tutto non politica…….. la politica del fare, del non fare. Tra gente che conosce la legge, tra gente che la applica e quella che la interpreta, io preferisco e gradisco la gente che si impegna nel realizzare progetti per la comunità e per l’amore dei suoi concittadini, scelgo chi crede nei sogni e chi si adopera per realizzarli.
    Poiché la differenza tra gli animali e gli uomini è data proprio dalla capacità che ha l’uomo di realizzare i propri sogni.
    Non si era mai verificato nella storia politica del nostro paese un tale livore e un tale rancore verso un legittimo vincitore della competizione elettorale comunale, da giustificare una denuncia post elezione. Per chi ancora non lo sapesse il contendere, il problema, la tematica della questione è la ineleggibilità del Sindaco Ing. Michele Sirimarco.
    Non voglio entrare in questioni complesse di situazioni pregresse e dimenticate ……
    Da cittadina mi chiedo e vi chiedo, che razza di sistema è quello in cui ci troviamo a vivere quotidianamente, che garantisce per decenni l’omertà, il silenzio, l’occultamento, il tacito assenso all’evasione dei tributi ad un ente.
    Come catalogare chi, che per decenni ha governato e quindi a conoscenza di tali situazioni debitorie, decide improvvisamente, dopo una sconfitta elettorale, di denunciare la ineleggibilità di un cittadino che democraticamente e legittimamente ha vinto la competizione elettorale?
    Mi viene da pensare che per anni siano state occultate situazioni debitorie simili, per clientelismo, per serbatoio di voti, per facili influenze su alcuni cittadini, impediti, inclini o compiacenti a non pagare i tributi. Non voglio al momento entrare nell’analisi approfondita della questione che sicuramente sarà affrontata in modo adeguato dagli organi competenti, ma mi preme ed è doveroso fare emergere come questa leggerezza di decenni di governo locale abbia causato danni alla collettività e che anche oggi è causa di un grave sconvolgimento del tessuto sociale, del vivere della collettività, del progresso della comunità.
    Questo scorretto comportamento post elettorale blocca ulteriormente ogni residuo spiraglio di cambiamento, di progettualità, di possibilità di crescita economica e sociale. E’ per tutti i cittadini una perdita di prezioso tempo ……
    Queste cose potevano essere risolte in tempi non sospetti, con le opportune misure. Evidentemente non si è voluto intervenire, in quanto nella situazione dell’attuale primo cittadino ricadono troppi amici degli amici con il bene placido e l’assenso delle amministrazioni di turno…. !!! Questo improvviso senso della giustizia, della denuncia di ipotetici misfatti non è altro che il voler colpire sistematicamente e chirurgicamente l’unica persona che a tutt’oggi può vantare di aver fatto bene alla comunità di San Sosti, ovvero Michele Sirimarco. Ha dato tanto ai suoi cittadini ed al suo paese, al di là dell’appartenenza politica e del voto degli stessi, non ha mai voltato le spalle a chi aveva bisogno. Il male non è rappresentato da Michele Sirimarco, il male di San Sosti è il pessimismo, l’abbandono, la generale rassegnazione in cui a volte cadiamo inconsapevoli delle grandi opportunità e della grande forza che abbiamo. Siamo un popolo di grande valore non lasciamo che sentimenti negativi possano disgregarci e logorarci.
    La storia non è fatta di intenzioni, di supposizioni e demonizzazioni, ma di fatti.
    Molti invece godono vivere di pettegolezzo, di pregiudizio, di contingenza di critiche distruttive.
    Allora di che ci si sta scandalizzando? Di cosa si sta parlando? Di chi ?
    Non ci sono vincitori e vinti , non ci sono onesti e disonesti, non ci sono detentori della legalità e delinquenti, non ci sono portatori di verità e disgraziati menzogneri, non ci sono politici veri e politici falsi. Ci sono cittadini che costruiscono la realtà in cui vivono.
    C’è una comunità che aspetta risposte, ci sono persone che con operosità e a volte in silenzio danno un fattivo contributo a migliorare un tessuto sociale lacerato da lotte insignificanti, da posizioni becere, da sete di potere ingiustificata, da incomprensibili atteggiamenti passivi dei governanti. C’è San Sosti che sogna, che spera, che vuole realizzare una possibile rinascita e che non può permettersi altre perdite di tempo in questioni di pura ambizione personale, che nulla ha della sana passione politica del fare.

    CARMELA MARTUCCI

    Mi piace

  9. Carissimi Sansostesi avversi all’ing.Michele Sirimarco,dovete capire che le elezioni si vingono attraverso i consensi dei cittadini durante la campagna elettorale.Chi oggi sta ballando e bevendo su questa prima falsa sentenza e’ quella gente che vuole far tornare San Sosti ai tempi del medeoevo.La minoranza non avra’ mai le capacita’ e la cultura di un uomo intelligente come l’ing.Michele Sirimarco, uomo capace di fare proposte e dare risposte alla gente comune evitando attegiamenti infantili e sfoghi da ignoranti tra le vie del paese, come chi ha lottato per occupare la cupola ed e’ stato sconfitto nettamente durante lo scrutinio.Continuate il ballo ma state certi che siete stati e sarete sempre dei perdenti anche se si tornasse alle elezioni……. FORZA MICHELE SIRIMARCO….

    Mi piace

  10. Sostenitore Ing. SIRIMARCO

    La minoranza fa solamente ridere i polli….poverini,gli brucia che al comune ora ci siamo NOI (e sottolineo NOI ),,..sentite me,lasciate stare la politica,che nn sapete proprio dove sta di casa…..
    Caro Ing. e soprattutto Caro SINDACO,fatti valere,,,presenta il ricorso e fagli chiudere quella bocca……sempre FORZA MICHELE,!!!!

    Mi piace

  11. ARRAMPICATORI SOCIALI

    Ma guarda te chi si permette di fare del moralismo!!!gente che ha permesso e accompagnato per decenni il degrado di San Sosti,gente che non ha mai permesso a nessuno di ficcare il naso nei loro affari politici,gente che e’ stata la vera disgrazia di San Sosti,adesso fanno i moralisti!!!Brava Carmela quando dice che per anni sono state accuratamente occultate tante situazioni debitorie nel nostro comune!!!ma all’improvviso dopo aver perso il giocattolo,il biberon,la linfa vitale che per alcune persone rappresenta lostare nelle stanze del comune,ecco che all’improvviso ci si veste da moralisti,all’improvviso la rabbia e la mancanza di biberon fanno scattare l’ira funesta e tutto l’occultato si fa uscire fuori!!la verita’ e’ che siete stati e siete la disgrazia di San Sosti,vedrete comunque e lo dico anche a chi sguaiatamente afferma che ci sono pochissime possibilta’ di vittoria,che l’ing.sapra’ dimostrare la sua perfetta buona fede,e la sconfitta per gli occultatori sara’ ancora piu’ cocente.

    Mi piace

  12. Sottoscrivo in pieno il discorso di Carmela Martucci degno di un applauso, virtuale, sentito con il cuore.

    Mi piace

  13. Il gruppo dei veggenti

    chi ballava ieri oggi non balla più…certo … si sono resi conto che non hanno vinto un bel niente… hanno ancora in mano un pugno di “Mosche” e solo quelle non il controllo di San Sosti… Forse il grandissimo avvocato non aveva detto loro che non ci sarebbe stato il commissariamento nè che non si sarebbe riandati subito alle elezioni!!!POveretti!!!Ride bene chi ride ultimo e non certo riderà chi fino al 12 marzo non sapevamo neanche che avesse i denti… ah ah ah!

    Mi piace

  14. GLI ERRORI SI PAGANO....

    E parlo dell’errore fato nel 1994 ,l’anno che ingiustamente per sette voti di scarto e’ stato fatto fuori politicamente l’Ing.Michele Sirimarco!!lo dice uno che ha contribuito a quella eliminazione politica ma che nel corso degli anni si e’ dovuto ricredere,considerato il pessimo amministrare delle giunte susseguitesi!!dopo 15 anni abbiamo ridato il maltolto all’Ing.Sirimarco e questo fatto assolutamente libero e democratico e sopratutto legale,ha fatto scatenare chi era abituato a oziare nelle stanze del comune.Ora mi permetto di suggerire al nostro sindaco di non mollare,questa gente non aspetta altro che questo momento!!e da persona che ha votato sempre a sinistra spero si posssa dare una lezione anche a livello regionale con la vittoria di Scopelliti !!

    Mi piace

  15. ANONIMOAILAVORIFORZATI@

    NON INTERVENGO IN QUESTO SCAMBIO DI BATTUTE TRA I SOSTENITORI DELL’UNO E QUELLI DELLA MINORANZA. VORREI SOLO FARE UNA RIFLESSIONE RIVOLTA A TUTTI QUEI SANSOSTESI CHE NON SI OCCUPANO DI POLITICA EPPURE HANNO CAPACITA’ CULTURALI PER FARLO, A QUEI SANSOSTESI CHE LAVORANO NON CURANDOSI DI QUELLO CHE AVVIENE NEL PALAZZO DEL GOVERNO. LA RIFLESSIONE E’ QUESTA: QUALE PRESTIGIO, QUALI GRANDI INTERESSE CI SONO DIETRO UNA CARICA POLITICA SEBBENE SIA PER UN COMUNE DI POCHI ABITANTI?? ALTRIMENTI COME SI SPIEGA CHE LA MINORANZA RICORRE, SALE SCALE DI TRIBUNALE, METTE IN MOTO AVVOCATI (PAGATI DA CHI POI!), SCRIVE CARTA BOLLATA ECC. IO CREDO, CARI SANSOSTESI, CHE PER QUESTE PERSONE CHE NOI CON IL NOSTRO VOTO MANDIAMO A RAPPRESENTARCI SIA UN GRANDE PRESTIGIO, UN COLPO DI FORTUNA PAZZESCO!! FORSE CHE, FACENDO IL SINDACO, NON SO BENE LA LEGGE, PER CINQUE ANNI NON VAI A LAVORARE AL TUO UFFCIO MA RESTI NEL TUO PAESE, BHO, FORSE, MA QUESTO ERA PIU’ ANNI FA, RICEVI REGALI! FORSE CHE HAI DEI PRIVILEGI. QUALCOSA SOTTO C’E’ ALTRIMENTI NON CI SAREBBE UN COSI’ FORTE ACCANIMENTO PER MANDARE VIA UN SINDACO E PRENDERNE LORO IL POSTO. MA FORSE NON FUNZIONA COSI’ PERCHE’ ANCHE SE IL SINDACO ATTUALE SI DIMETTESSE SI ANDRA’ A NUOVE ELEZIONI E …. VINCERANNO LORO? BHO. SE DOPO TANTI ANNI IN CUI HANNO AMMINISTRATO LA MINORANZA AVESSE FATTO QUALCOSA PER QUESTO PAESE SAREI IL/LA PRIMO/A A DIRE CHE LORO DOVREBBERO AMMINISTRARE MA VISTO CHE ANZICHE’ FAR FARE UN PASSO AVANTI AL PAESE GLI HANNO FATTO FARE CENTO PASSI INDIETRO E’ MEGLIO CHE SIEDANO NEI BANCHE IN CUI SI TROVANO.

    Mi piace

  16. un pò per uno.. ce n è per tutti

    Caro anonimoailavoriforzati sono d’accordo con la tua riflessione. Per i paesini piccoli come San Sosti bisognerebbe fare una legge che prevede un solo mandato di 5 anni per la carica di sindaco e per gli amministratori. Penso che quando si trascorrono tanti anni a ricoprire questi ruoli poi si fa fatica a ritornare dall’altra parte. Se c’è ricambio ci sono mille vantaggi anche per l’intera collettività la quale non verrebbe spaccata come oggi.

    Mi piace

  17. FORZATO...PER FORZA....

    Mi trovo talmente d’accordo con L’ANONIMOAILAVORIFORZATI che mi viene voglia di dargli una mano se luI permette,per capire assieme come mai tanto accanimento!!!!bene riflettiamo un po’,se negli ultimi quindici anni San Sosti e’ sprofondato nella poverta’,disoccupazione,spopolamento,se la societa’ sansostese si e’ divisa sempre piu’,se il comune versa in una situazione economica ereditata a dir poco pessima,come mai questi attuali oppositori non prendono atto della loro fallita azione politica-amministrativa e lasciano lavorare gli attuali amministratori eletti democraticamente dai cittadini?domanda difficile.Se un cittadino e’ rimasto cosi’ a lungo nelle cosiddette stanze dei bottoni,perche’ una volta perse le elezioni non si mette l’anima in pace?domanda altrettanto difficile.Se l’ambiente in cui l’oppositore vive e’ deteriorato proprio per il suo modo di fare politica,come mai non si ferma a riflettere almeno un po’?domanda sempre piu’ difficile.Come mai questo oppositore non si accorge che il compito di una minoranza e’ quello di opporsi nel merito dei provvedimenti che una maggioranza adotta e non mandando ispettori sanitari o facendo uscire ad orologeria debiti pregressi e occultati?domanda sempre piu’ difficile.Io una risposta(mezza)c’e’ l’avrei,probabilmente la sconfitta elettorale,a chi e’ stato abbituato sempre a vincere e’ molto cocente,l’animo non si rassegna e spesso si agisce per rabbia!!io non trovo nessun’altra spiegazione.

    Mi piace

  18. Io sinceramente non sono d’accordo con nessuno di tutti questi squallidi commenti. non trovo giusto tutto questo, ma sinceramente sono a favore della legge a patto che la legge la rispettino tutti. “Se in macchina bisogna allacciare le cinture per evitare incidenti”, anche il primo cittadino la deve allacciare. Naturalmente pagando le tasse.
    non trovo giusto il Vicesindaco Oliva che ora riveste il ruolo da sindaco, mi chiedo, ora si fa rispettare? anche quando era un comune mortale doveva alzare il pugno. Dimettetevi che fate bella figura. E i lavoratori socialmente inutili? che fine farete fare loro? Se il Vice Sindaco Oliva ha gli attributi che mantenesse fede a tutte la parole che hafatto, perchè se non erro quando era in opposizione mizzica quante parole che aveva. Jammu e non ci prendete in giro

    Mi piace

  19. Fabio Novello

    Quanti ballerini, quanta musica, ma che stile di ballo è? Non capisco…proprio no….

    Mi piace

  20. Il Ballo della Mattonella

    La musica è bella di quelle che fanno accapponare la pelle ma, si sta fermi, fermi, fermi…..ed anche se per qualcuno potrà essere una buona occasione per tastare certi argomenti,
    si sta FERMI……….. è il BALLO DELLA MATTONELLA.
    Povero Paese, poveri cittadini, dieci anni al chiaroscuro e poi 9 mesi di obblìo; altro che Tamburelli, gruppi e associazioni varie, qui ci vorrebbe del sano e buon ROCK per smuovere tutto il veleno e l’odio che si stà manifestando.
    Addio San Sosti PAESE DEI FIORI.

    Mi piace

  21. Angelo Martucci

    Ballando, ballando si pestano i piedi a chi guarda!
    Ricordo quasi con nostalgia, le belle parole pronunciate durante le campagna elettorale!
    “GIUSTIZIA!” Urlava qualcuno.
    “Se mi farò una solo innimicizia io avrò perso!” Gridava qualcun altro. “Promuovere il nostro territorio!”
    E ancora, “LAVORO! LAVORO! LAVORO!” Gridavano tutti in coro.
    Lo sapete come mantengono quello che hanno promesso? Riproponendo le “proscriptio sillanae” di 2000 anni fa, sapete cosa sono? una lista di condannati a morte di tutti gli oppositori al regime tirannico di Silla che egli fece affiggere nella piazza principale di Roma. Il primo pensiero della giornata del povero cittadino romano era quello di leggere la proscriptio della giornata…se c’era il suo nome…era fregato!
    Mentre, tutto sommato, l’Ing. Sirimarco i posti di lavoro li ha dati, quando è stato possibile, il nuovo sindaco LI TOGLIE e sappiamo tutti il perchè…
    Chi scrive ha letto il suo nome nella “proscriptio” ed è tristemente consapevole, che dopo 15 anni di grandi sacrifici e di volontariato, presto si troverà in mezzo ad una strada assieme ad altri 3 giovani sansostesi. Già, altri 3 GIOVANI SANSOSTESI (Giovanni Martucci, laureato in Storia con indirizzo archeologico, che tra l’altro si è fato una sua famiglia, Francesco Artuso, validissimo studioso di informatica, Antonio Cozzitorto, giovane capace, preparato, grande lavoratore persona garbata come pochi, senza offendere nessuno) non persone forestiere che con San Sosti nn hanno nulla a che fare!
    Lo sapete quale è la grave colpa? L’aver votato la lista di De Marco e ancora, aver scritto su Facebook “viva la libertà” (che tra l’altro non è vero) e infine, il delitto più grave commesso dal sottoscritto, aver bevuto un bicchiere di vino con gli amici dell’altra lista. Ciò è grave ed inammissibile, a morte, si deve condannare Angelo Martucci per la sua sfrontatezza!!!!
    Ecco con chi abbiamo a che fare.
    Altro che lavoro! Altro che Giustizia!
    Mi è stata notificata una comunicazione giorno 15 marzo dove si portava a mia conoscenza che dovevo consegnare le chiavi del Museo il 16 marzo. Ora io dico: E’ possibile sgomberare i locali dal materiale di mia proprietà in una sola giornata? E’ possibile restituire gli oggetti della mostra (sono qualche centinaia) ai leggittimi proprietari gentilmente prestati finchè venissero esposti in mostra? Tutto questo nell’arco di una sola giornata? Ai lettori il libero giudizio.
    Ho chiesto, pertanto una proroga finchè abbia il tempo materiale di fare quanto detto sopra. Lo sapete che mi è stato risposto? O così, o così…quato è il senso della nuova comunicazione notificatami il giorno seguente al 15 marzo.
    Miei cari concittadini, c’è proprio di andare fieri di questi nuovi amministratori!!! Altro che chiacchiere.
    Vorrei sapere come si sentirebbero loro se un giorno gli capitasse ciò che è capitato al sottoscritto!
    Con grande stima di voi tutti, Angelo Martucci.

    Mi piace

  22. FORZATO...PER FORZA....

    Rispondo al comento in chiaro scuro del mitico amico/a,la legge caro mitico/a,la devono rispettare tutti i cittadini di questo stato,su questo non c’e’ nessun dubbio,al tempo stesso chi e’ preposto per far rispettare le leggi lo deve fare con maggior puntualita’,purtroppo chi adesso fa’ i ricorsi e le denunce per anni ha occultato accuratamente tante tasse evase.Per tornare al tuo esempio sulle cinture di sicurezza e’ come se tu e altri amici viaggiassi in macchina con me senza cinture ed io me ne sto zitto non proferisco parola,ma come veniamo fermati ad un posto di controllo ai carabinieri dico GUARDATE BENE CHE I MIEI PASSEGGERI NON INDOSSANO LE CINTURE FATE LA CONTRAVVENZIONE,vedi caro amico mitico sai che io sono responsabile della mia auto e di chi entra al suo interno?bene da persona onesta appena entrati in macchina dico a tutti indossate la cintura altrimenti scendete e ve la fate a piedi!!!!il moralismo dettato da una sconfitta elettorale poi,dimostra addirittura a mio avviso puerilita’,appunto come il bimbo cui viene tolto il biberon.su altri temi come gli LPU sono d’accordo con te ci vuole serieta’ su questo argomento perche’ c’e’ tanta gente effettivamente bisognosa a San Sosti e che farebbero ponti d’oro per avere un lavoro!!

    Mi piace

  23. Fabio Novello

    Forza su, forza, che piano piano esce il tipo di musica da ballare, esce fuori la danza, non del ventre però…. vedete, ora escono gli scheletri, ma non dagli armadi ma da ogni luogo. Forza, al prossimo…..

    Mi piace

  24. Bravi amministratori abbiamo!!!!!!!!!!!!!Illustri personaggi banderuola, che dovrebbero lavarsi la bocca con candeggina prima di parlare con i cittadini; ma quali cittadini!!!!!!!!! Ormai San Sosti è uno squallore……….in alcune ore del giorno si vedono circolare solo cani randaggi .
    Questo è diventato ormai il nostro paese!!!!!!!!!

    Mi piace

  25. Lo spadaccino aveva ragione

    Rileggetevi l’articolo dello Spadaccino, scritto il 4 maggio del 2009, e vi renderete conto di come il Sindaco dichiarato decaduto sia stato “utilizzato” da tutti ed in modo particolare da chi oggi ricopre la carica di suo sostituto.

    “Noi presupponiamo comunque d’intuire che l’accanito capogruppo abbia fatto questa scelta perchè convinto della sussurrata ineleggibilità del capo cricca.
    Se così fosse, in un colpo solo si ritroverebbe a capeggiare (o prima o dopo l’elezioni) un esercito di giannizzeri per la cui costituzione non ha mosso un solo dito o profuso il minimo sforzo”.

    Per leggerlo
    https://sansosti.wordpress.com/2009/05/04/il-triste-tramonto-di-un-fustigatore-di-costumi/#more-1274

    Mi piace

  26. Il Ballo della Mattonella

    Mi sembra che le tasse NON PAGATE siano solo quelle NOTIFICATE, quindi ADDEBBITATEGLI e contabilizzate.
    Poi, effettivamente, da QUINDICI ANNI, non pagava, e TANTI, anche chi adesso fa la MORALISTA erano a conoscenza dei FATTI.
    Poi, come diceva un illustre Poeta Italiano:
    …LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA…
    Oppure, possiamo anche CRIMINALIZZARE chi ha riconosciuto ed evidenziato i debiti del primo cittadino, adesso sotto a chi tocca……..

    Mi piace

  27. Vorrei dire ad Angelo Martucci che quello che gli succede, sono metodi da regime “democratico” e allora propongo di fare una protesta “democratica”tu insieme a chi a san sosti non si sente più rappresentato ne tantomeno difeso nel suo essere cittadino LIBERO,anzi subire metodi a dir poco nazisti “democratici” di togliere tutti insieme la residenza da san sosti io sarò la prima, cosi questi amministratori ,amministreranno se stessi,e non avranno più persone qualificate e intelligenti con cui interagire. E’ ora che chi subisce incominci ad alzare la voce e farsi sentire anche altrove perchè un’iniziative del genere ti assicuro che avrebbe un’eco incredibile, ci vuole solo un po di coraggio, quello che in tanti anni è mancato ai sansostesi.
    Con stima e solidarietà a tutti voi.

    Mi piace

  28. Cittu francesca! Ma quale protesta. cittu

    Mi piace

  29. FORZATO...PER FORZA....

    Protesta verso chi!!!!
    Francesca informati prima di sproloquiare….

    Mi piace

  30. LO SPADACCINO AVEVA TORTO

    Torto marcio,e vedrete come andra’ a finire questa storia!!!!!!altro che debiti!!

    Mi piace

  31. ANONIMOAILAVORIFORZATI@

    HO LETTO TUTTI QUESTI COMMENTI CON GRANDE ATTENZIONE E MI SONO FATTO UN’IDEA MOLTO CHIARA CON CUI SPERO DI CHIARIRE LE MENTI DEI SANSOSTESI CHE FREQUENTANO QUESTE PAGINE. LA VICENDA DEL MUSEO MULTIMEDIALE CHE VIENE SMANTELLATO E’ UN ENNESIMO ESEMPIO DI MALGOVERNO DELLA COSA PUBBLICA! PERCHE’ DICO QUESTO: SE I PRECEDENTI AMMINISTRATORI VOLEVANO CREARE UN MUSEO E IN QUESTO ASSUMERE I TRE GIOVANI STUDIOSI SANSOSTESI DOVEVANO CREARE UN QUALCOSA DI STABILE E DURATURO. IO, DALLE MIE CONOSCENZE NON CREDO CHE CHI E’ ASSUNTO AL MUSEO DEGLI UFFIZI DI FIRENZE SE CAMBIA AMMINISTRAZIONE PERDE IL POSTO!! QUINDI I TRE GIOVANI SONO VITTIMA DEL MALGOVERNO CHE IN QUESTI ANNI SI E’ AVUTO NELLA NOSTRA CITTADINA. TUTTI GLI AMMINISTRATORI HANNO DATO LAVORO NON STABILE MA INCERTO, E QUESTA INCERTEZZA L’HA DIMOSTRATA IN MILLE ALTRE COSE: NON SOLO IL LAVORO A SAN SOSTI E’ PRECARIO, MA ANCHE L’AMBIENTE, LA CURA DEL DECORO PUBBLICO. QUESTO E’ UN ELEMENTO SU CUI GIOVANI COSI’ PREPARATI CULTURALEMTE DOVREBBERO RIFLETTERE. ALLORA RIPETO LA DOMANDA A CUI NON RIESCO A RISPONDERE: PERCHE’ AMMINISTRATORI CHE HANNO FALLITO IN TUTTI I SENSI SONO COSI’ ACCANITI A RITORNARE SULLO SCRANNO DEL COMANDO? PERCHE’ NON SI FANNO AVANTI VOLTI NUOVI ED INTEGERRIMI. LA RISPOSTA CHE TROVO E’ QUELLA CHE DISSE UNA VOLTA UN NOTO DEMOCRISTIANO DI NOME ANDREOTTI “IL POTERE LOGORA CHI NON CE LA”!! L’ALTRA RISPOSTA E’ CHE A SAN SOSTI NON C’E’ CAMBIAMENTO PERCHE’ NON CI SONO PERSONE INTEGERRIME!! E QUINDI DA UN PO’ DI ANNI A QUESTA PARTE CI TROVIAMO DI FRONTE ALLE STESSE PERSONE CHE QUANDO SONO DI MINORANZA DICONO UNA COSA (HANNO UN ATTEGGIAMENTO PIETOSO VERSO CHI NON HA LAVORO ED E’ BISOGNOSO) QUANDO SONO DI MAGGIORANZA ASSUMONO UN ATTEGGIAMENTO SPAVALDO. QUESTE PERSONE CHE PREDICANO BENE E RAZZOLANO MALE SONO IL VERA TUMORE DELLA NOSTRA SOCIETA’.

    Mi piace

  32. Angelo Martucci

    La informo io Francesca: Ho letteralmente dovuto mendicare che mi venisse fatto il contratto a giugno 2009, dopo una serie di umiliazioni mi è stato fatto, e di questo, tutto sommato ne do atto. Comunque mi fu detto che giunto dicembre 2009 dovevo sloggiare. Addirittura, gà allora ho dovuto litigare con uno dell’amministrazione che nn era nemmenno assessore, il quale non voleva assolutamente che mi venisse fatto il contratto, che porta la firma di Oliva.
    Puntualmente, il 22 dicembre 2009 mi fu notificata una missiva dell’amministrazione comunale dove mi si chiedeva la restituzione delle chiavi. Visto che era stata allestita la mostra dei mestieri della civiltà contadina la cosa rimase così, dopo aver parlato con chi scriveva la suddetta missiva.
    Il 15 marzo mi viene notificata una nuova missiva dove si chiedeva la constatazione dello stato dell’immobile e delle attrezzature e la restituzione delle chiavi, questo perchè? A detto di qualcuno avrei scritto su Facebook una frase del tipo “è l’alba di un nuovo inizio”. Anche se fosse? Dov’è il grave reato?
    Come si difende chi non sa che altro dire? che nei confronti del sottoscritto c’è un’inchiesta della Magistratura in merito alla vicenda dei reperti non restituiti in tempo. Il principio della Iuris Prudentia è “innocente fino a prova del contrario…Quindi tale ficenda non ha nessun fondamento.
    Questo c’è da sapere e null’altro, cara Francesca, quindi cittu ci deve stare chi si firma “silenzio”

    Mi piace

  33. Sostenitore Ing. SIRIMARCO

    GRANDEEEEEEEEEEEE
    ING…….ritorna ai pieni poteri da SINDACO…..i migliori vincono sempre,,,e la vostra e’ la seconda vittoria,e x le rondinelle la seconda bruciante sconfitta,,,delle tante tra l’altro

    Mi piace

  34. Caro Angelo,le frasi che hai scritto su Facebook ,secondo me , erano molto pesanti.
    Tu sei libero di pensare quello che vuoi ,ma se scrivi certe cose ,secondo il mio parere , potresti mettere in discussione la tua professionalità e quindi perdere la stima di chi deve porre in te fiducia e darti lavoro.

    Mi piace

  35. Angelo Martucci

    “è l’alba di un nuovo inizio”
    Queste sono le cose pesanti che ho scritto su FB?
    Ma fatemi il piacere. E poi l’ho già detto e lo ribadisco: è solo una SCUSA! Le carte che conservo lo confermeranno.

    Mi piace

  36. Caro “silenzio” il tuo “cittu” non offende solo me cittadina libera di esprimere la propia opinione, giusta o sbagliata che sia, se ne puo discutere, ma offende la libertà di parola e tutti quelli che credono in questa. Invece all’anonimo vorrei dire che una persona nell’esprimere la propia opinione puo anche perdere la stima di chi è dell’idea contraria alla propia, ma non sta scritto da nessuna parte che deve perdere il posto di lavoro.immaginate un po se chi sparla del propio datore di lavoro venisse licenziato si arriverebbe ad una vera e propia dittatura. La cosa più assurda poi che i sansostesi nel giudicare gli avvenimenti usano due pesi e due misure, mi spiego meglio l’ingegniere, nella vicenda che lo vede protagonista a detta di quandi scrivono su questo giornale, è innocente fino a quando non si arriverà ad una condanna o una assoluzione definitiva o meno,mentre Angelo sempre per la vicenda che vede lui protagonista è già stato codannato da voi tutti, come se ognuno di voi avesse la verità assoluta in tasca. io invece penso che ognuno è innocente fino a prova contraria,e che questa prova deve venire fuori da un processo fatto in tribunale non fatto allu timpuni.
    Rinnovo la mia solidarietà ad Angelo e ai ragazzi e sono sempre dell’idea che chi subisce a prescindere dal colore politico deve far valere le propie ragioni e far sentire la propia voce in tutti i modi leciti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...