CERCASI GIOVANI……….

Circolo di San Sosti – Partecipazione e Legalità

Come tutti sapete, San Sosti è rimasta priva del suo primo cittadino.
Il Sindaco Ing. Michele Sirimarco, già dichiarato decaduto in primo grado dalle funzioni di Sindaco dal Tribunale di Castrovillari, è rimasto impigliato nel giudizio di secondo grado presso La corte di Appello di Catanzaro, per non aver notificato alle parti interessate il ricorso di appello congiuntamente al decreto di fissazione della udienza, entro dieci giorni dalla data della comunicazione del provvedimento presidenziale, termini assolutamente perentori.
L’IdV ritiene che il Sindaco è definitivamente decaduto dalla sua carica, nonostante possa ancora avvalersi del ricorso per Cassazione, perché non può esistere alcun avvocato al mondo che possa contraddire la decadenza dei termini.
Sarebbe opportuno che il Sindaco non si avvalesse di tale facoltà, sapendo a priore che il successivo giudizio sarà certamente sfavorevole, con conseguenze negative per la collettività e danni materiali per esso medesimo. Sarebbe meglio che si dimettesse.
Alla luce di quanto sopra;

IL CIRCOLO IdV di SAN SOSTI

fa appello ai giovani Sansostesi, che vogliono bene al proprio paese e farlo uscire dall’oscurità ed involuzione in cui versa, di avvicinarsi alla politica.
Chiunque fosse interessato può inviare il proprio curriculum tramite internet al seguente indirizzo elettronico: segretariofiore@live.it oppure telefonare ai numeri 0981/61242 – 3460188395.
Se volete un bel paese e la sua crescita, è giunto il momento:”dire basta alle caste ed ai suoi privilegi, favorire la legalità, la partecipazione e la qualificazione.

SI AVVISA

che il circolo IdV si riunisce il martedì di ogni settimana, con decorrenza da oggi 25 maggio e fino al 30 giugno 2010, alle ore 18,00, per riprendere il 14 settembre c.a.

IL PRESIDENTE
Giuseppe Fiore

San Sosti, 25.05.2010

Annunci

21 risposte a “CERCASI GIOVANI……….

  1. Caro segretario Fiore,
    sono elettore e simpatizzante del centrosinistra ( malgrado tutto!) e guardo con simpatia alle battaglie condotte da Idv .
    Non posso però non constatare come la proposta dell'”invio del curriculum” appaia clonata dai riti berlusconiani.
    La prima cosa da fare, se vogliamo far avvicinare i giovani alla politica è ricreare i luoghi fisici ( le vecchie sezioni!) del confronto.
    La presentazione del”curriculum” con tutti gli annessi e connessi dovrebbe essere imposta con decisione… ai soliti noti che ritornano a coltivare l’ambizione di sostituire l’ing. Sirimarco alla guida del Comune di San Sosti.

    Con immutata stima e senza spirito polemico
    Francesco Capalbo

    Mi piace

  2. Dopo tante peripezie politiche che hanno minato irrimediabilmente la nostra già provata economia, non penso che basti solo un ricambio generazionale per attuare quei provvedimenti capaci di portare il nostro paese a vedere un po’ di luce. anche perchè in questi piccoli paese cambia il suonatore ma la suonata è sempre quella( o viceversa). Onestamente pensate che mettendo al comune una squadra di giovani, questi operano dimenticandosi chi sono e da dove vengono? In questi piccoli paesi si creano legami molto forti,che in certe occasioni fanno perdere l’obiettività ed è li che purtroppo si sbaglia, perchè non scegliendo con obiettività si rischia di scegliere il peggio, mandando il meglio ad operare da un’altra parte.
    La mia proposta sarebbe quella di candidare a sindaco una persona che non sia di san sosti(vedi Vittorio Sgarbi sindaco di salemi ) che non abbia legami con nessuno, e che soprattutto abbia idee nuove, innovative, in campo turistico, in campo economico, in campo sociale, e che soprattutto abbia una buona dose di obiettività per scegliere il meglio per tutta la collettività, e non privilegiare i soliti noti.

    Mi piace

  3. francesco quercia

    il Sindaco di altra zona potrebbe essere un’idea,ma la squadra che deve comporre l’amministarzione deve essere scelta tra persone in loco, in quanto conoscono il territorio,le risorse, le carenze e non devono essere necessariamente tutte laureate. Per proseguire senza guardare a privilegi nell’amministrare, invece, va bene chi non ha legami familiari o quant’altro in paese e, per questo, un Sindaco estraneo è una buona idea; purchè sostenuto da un ottimo Segretario comunale e da una struttura amministrativa degna del comune, anche se piccolo, ma con un indice turistco da far decollare grazie al suo Santuario ed alle sue bellezze naturali. Quasi quasi ci faccio un pensierino!!!

    Mi piace

  4. INDISCRETO!!!!!

    nel frattempo, sarebbe giusto e saggio passare da un bel periodo di commissariamento,sarebbe anche di salute pubblica in tutti i sensi,dagli LPU ai dipendenti comunali effettivi,dai conti in rosso alle incompatibilita’ che,a questo punto dovrebbero essere veramente tante!!!!!!!!!!!!!!!sarebbe di pacificazione pubblica,dopo un ventennio di veleni,acuitisi nell’ultimo anno!!farebbe inoltre stare un po’ o,farebbe da calmiere ai soliti,pseudi pretendenti amministratori,falliti piu’ volte politicamente parlando,nella loro esistenza!!!!COMMISSARIAMENTO SALUTARE questo e’ quello che ci vuole.

    Mi piace

  5. non sono d’accordo sul sindaco di fuori. Io penso che il sindaco deve essere una persona del posto che conosce bene il territorio e tutte le sue risorse e tutte le sue pecche. Deve essere competente per risollevare il paese dalle pessima situazione in cui versa . Non deve essere per forza giovane , l’importante è che ha le idee chiare su quello che vuole fare, mostra competenza,motivazione e amore per il paese.
    I giovani non devono essere presi e buttati per forza in politica. Prima devono creare un movimento per farsi conoscere da tutti. Devono essere autonomi e camminare da soli e non avere legami all’esterno con nessun politico della” vecchia” generazione

    Mi piace

  6. La legge sull’ordinamento locale prevede che il consiglio possa essere sciolto di autorità dal prefetto soltanto in due casi: la mancata approvazione del bilancio e il sospetto di infiltrazione mafiosa.
    Invece nel caso di autoscioglimento del consiglio comunale e la nomina di un commissario non implicano affatto l’aiuto finanziario del governo, che invece viene dato in caso di dissesto finanziario dell’ente in ope legis ( in forza di legge) con un costo che deve essere pagato dai cittadini.
    Per essere più chiari, la prima ipotesi non offre alcuna garanzia che la gestione finanziaria possa essere effettivamente risanata, ma semplicemente può corrispondere ad un interesse politico per accorciare i tempi della consiliatura, ed arrivare a nuove elezioni prima della scadenza naturale; ma questo non esclude che la nuova amministrazione possa trovarsi più inguaiata di quella precedente.
    la seconda ipotesi -la dichiarazione di dissesto finanziario -implica un costo sociale notevole, ma prevede anche che il sindaco, la giunta, e il consiglio comunale restino in carica.
    La commissione si occupa della gestione pregressa, e a farsi carico del debito è lo stato.(non ho notizie se nella finanziaria 2010 ci siano dei cambiamenti in proposito).
    L’amministrazione in carica si occupa della gestione corrente, che dev’essere però risanata attraverso l’adozione di una serie di misure OBBLIGATORIE, che ricadono sulle spalle dei cittadini.
    Dopo ciò non saprei se chiamarlo COMMISSARIAMENTO SALUTARE.

    Mi piace

  7. INDISCRETO!!!!!

    Visto come sono andate le cose,tutto cio che di buono arriva e’ senz’altro salutare!!del resto tutti gli ultimi amministratori da venti anni ai giorni nostri hanno dimostrato incapacita’ nel risolvere i problemi economici e sociali del paese,anzi hanno acuito sempre piu’ questi problemi.COMMISSARIAMENTO SALUTARE,lo sarebbe senz’altro,ad esempio gli LPU che fruiscono di un bel incremento di stipendio legato all’integrazione comunale ,potrebbe essere rivisto,che ne dici Francesca!!e tanti altri sperperi che mai nessuno ha voluto eliminare.Comunque gia il ragionare in maniera cosi’ intelligente e pacifica,anche se in anonimato e’ sicuramente un passo avanti,in questo modo non si insulta nessuno.

    Mi piace

  8. cara francesca, perchè non ti candidi tu!

    La squadra di giovani sarebbe l’unica alternativa per San Sosti.
    La squadra che intendo io, è una squadra che, anche se come dici tu ogni persona deve ricordare da dove viene, ricordando i legami di parentela che uno ha, dovrà essere una squadra retta e corretta. dove ognuno dovrà stare al suo posto. “Io sono il “CAPO” e tu esegui le mie indicazioni, altrimenti su le chiappe (scusate il termine) e posto a chi vuloe veramente lavorare. Dovrà, La squadra di giovani, dare rigore alla PA.
    Naturalmente questo dovrà esse 1 di al massimo 2 o 3 punti di impegni dei candidati verso il paese. Se non gira l’economia a San Sosti, non ci sarà mai futuro.

    Forse la tua candidatura…ancora è troppo presto….dovrai aspettare.
    Con immensa stima.

    Mi piace

  9. anonimo per sempre e fiero di esserlo

    purtroppo c’è sempre chi parla e chi sparla, chi propone e chi si propone senza avere nè arte nè parte e nemmeno le capacità di selezionare chi davvero potrebbe riportare la luce su San Sosti. Caro segretario Fiore, ma come può pensare che una lista di giovani possa risollevare le sorti del nostro comune? Per amministrare un paese ci vuole esperienza e competenza acquisite sul campo non curriculum studiorum!Perchè cerca giovani… quanto in casa ne ha già tre?Si guarda bene da consigliare ai suoi figli una strada del genere … specie una patata bollente come il comune di San Sosti! Comunque se l’appello proposto da Michele Sirimarco non fosse stato notificato con il decreto di fissazione dell’udienza controparte (i consiglieri di minoranza) non si sarebbe neanche costituita quel giorno mentre invece era presente… l’adempimento che non è stato per una non piena collaborazione eseguito da qualcuno degli avvocati che difendevano il sindaco è stato un altro, sempre previsto dalla legge, ma meno grave di quello che si pensa ma …se lo faccia spiegare da qualche giovane che conosce lei… con curriculum… !!!arrivederci

    Mi piace

  10. X X Francesca

    Ci vuole rigore si. Tanto rigore e serietà. Non bisogna piegarsi a niente e a nessuno, non scendere a compromessi…. questo è il nodo da sciogliere. Come faresti tu a educare il popolo a nuova mentalità?! La colpa, purtroppo è sempre dei “governanti” che promettono troppe fesserie agli elettori e assecondano le loro richieste. Il risultato è sotto gli occhi di tutti.. un paese in calo. Per questo ci vuole un movimento nuovo che ha la forza per rompere questi equlibri consolidati da anni e far capire alle persone che bisogna governare per il bene di tutti e non di pochi.

    Mi piace

  11. INDISCRETO!!!!!

    Per il fiero anonimo:e’ stata proprio l’esperienza acquisita sul campo che ha prodotto lo sfasciume nostrano!!!esperienza poi su cosa?sulla gestione allegra delle finanze? o sulla non gestione degli LPU?cosa significa esperienza acquisita sul campo!!l’esperienza puo’ essere anche trementamente negativa e portatrice di ulteriori problemi per la gente!!semmai protrei accettare esperienza intesa come impegno nel proprio lavoro,serieta’ e abnegazione negli studi,impegno costante nel sociale!!non venite a dirmi ora che chi ha passato inutilmente anni nelle stanze comunali abbia acquisito esperienza positiva e da mettere a disposizione dei cittadini,sara’ magari il contrarioESPERIENZA NEGATIVA!!ECCOME!!!

    Mi piace

  12. Infatti è vero. Oltretutto sono state esperienze poco brillanti che non possono essere prese d’esempio per il futuro.
    Gli amministratori del futuro non devono transigere nel far rispettare le regole . il resto lo fanno gli uffici, se questi funzionano bene la macchina amministrativa procede.

    Mi piace

  13. Vi ringrazio per la stima e la fiducia che mi avete dimostrato da queste pagine.
    La mia esperienza politica a s. sosti si è conclusa 2 anni fa, quando ho riposto piena fiducia nel comitato popolare di alternativa democratica (è più lungo il nome che la loro presenza in campagna elettorale);comitato nato con ottimi propositi, ottimi elementi preparati e ottime possibilità di risolvere alcuni problemi, ma naufragò sotto i colpi degli accordi elettorali.
    Accordi che onestamente non vedo a cosa siano serviti visto che dopo un anno ci troviamo di nuovo punto e a capo.A meno che non ci siano stati accordi a livello personale.. e questo non posso saperlo, eventualmente, se un ex membro del comitato vorrà informarci farà cosa gradita.
    Io sono rimasta delusa e amareggiata da questo comportamento irresponsabile e, permettetemi, menefreghista. Avevo creduto nella loro buona fede che poi si è rivelata falsa.
    Poi c’è il nostro attuale vice sindaco dalle tante battaglie fatte quando faceva parte della minoranza consiliare, poi una volta raggiunto l’obiettivo ha perso la memoria con tutti i suoi buoni principi.
    Ecco perchè la mia proposta di un sindaco di fuori, e dico di più, non Calabrese, e se mi permettete una provocazione, neanche meridionale, che con idee nuove, modi diversi di amministrare, principi che sono improntati più alla meritocrazia che alla raccomandazione, che operi nel sociale quel cambiamento che guarda a tutti con gli stessi occhi e sappia dare a tutti lo stesso valore.
    Io non penso assolutamente che quello che dico sia giusto al cento per cento, ma se fossi in voi giovani incomincerei a pensarci, perchè finchè il sindaco e la giunta saranno del pase non ci saranno grossi cambiamenti, perchè ci sarà sempre qualcuno a cui dobbiamo qualcosa.
    Con stima a tutti voi.

    Mi piace

  14. X "X X Francesca"

    Se mai si inizia mai si verrà a conoscenza della verità. Basta avere un po di coraggio e candidarsi.
    1 sola lista per san sosti, e a casa tutti, ma proprio tutti i veterani.
    Questo sarà il cambiamento. A casa De Marco, A casa Oliva, A casa Sirimarco. ormai quel che hanno fatto hanno fatto, ora non dovrebbero più pensarci a candidarsi, ma dare spazio ai giovani.

    Mi piace

  15. INDISCRETO!!!!!

    A casa anche De simone,Bruno,Ricca ecc…. ma non che non siano persone per bene,anzi,ma per il semplice fatto che hanno gia dato nella buona o nella cattiva sorte,i fatti e la realta’ dimostrano che le loro esperienze amministrative sono state negative PUNTO!

    Mi piace

  16. Viva la verità

    PER INDISCRETO:
    Parlare degli Lpu è diventato ormai lo sport preferito: ma tant’è. Non mi interessa difendere nessuno ma precisare, specialmente quando si vuole colpire qualcuno elo si fa non sapendo di cosa si stà parlando. A te caro Indiscreto e direi anche Incompetente e maleInformato comunico una notizia segreta: l’incremento di stipendio dovuta all’integrazione comunale come tu la chiami, ma dovremo più correttamente chiamarla integrazione regionale, degli Lpu ma anche degli LSU non grava,ripeto non grava neanche di un centesimo sulle casse comunali.
    Aggiungo che il lavoro, a costo zero per il comune di San Sosti di tali lavoratori garantisce quei servizi essenziali che altrimenti non sarebbero espletati a scapito della comunità. Pensiamo ai bimbi sansostesi che vengono ccompagnati a scuola a costo zero:(personale LPU o LSU), persoanle esterno a costo zero quali ruspista e l’immondizia del paese raccolta e trasporta a costo zero dallo stesso personale LSU-LPU in orari nei quali tu probabilmente ancora dormi.
    Tutto questo a costo zero.
    Non mi và di scrivere altro, ma solo di dire che con tutti i problemi che questo paese ha, non vi pare che sia arrivato il momento di fare le persone serie e di prlare finalmente, sinceramente ed unicamente dei problemi veri di San Sosti. Viva la verità, quella vera.

    Mi piace

  17. INDISCRETO!!!!!

    Caro difensore della falsa verita’!!non ha importanza se l’aggravio sia per le sase comunali o regionali,fatto sta’ che e’ un aggravio per le tasse dei cittadini che pagano le tasse.in merito all’orario in cui mi alzo dal letto,probabilmente tu VERITATIS non hai nemmeno l’idea di quello che faccio e a che ora mi sveglio,mi alzo e vado a lavorare,ma seriamente!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

  18. INDISCRETO!!!!!

    Mi scuso con VERITATIS per gli errori di battitura,ma tante’!!probabilmente per amor di verita’ i cittadini vorrebero sapere se il vero fine della presenza degli LPU siano servizi collaterali e non previsti dal progetto di assunzione,o se non siano in grado di svolgere le proprie mansioni previste.La gente vorrebbe saperlo,anche attraverso le sue notiziole segrete,perche’ se fosse cosi’ si potrebbe benissimo pensare di sostituirli con lavoratori seri.Vedi la verita’ sta’ sempre da qualche altra parte e le informazioni segrete generalmente le da’ chi sa’ qualcosa o chi e’ dentro la faccenda in questione,per cui non affannarti a difendere l’indifendibile,perche’ la gente ormai ha capito fin troppo bene dove sta’ la verita’!!non le sembra poco serio tutto cio che succede,mentre l’Italia intera e’ stretta nella morsa di una crisi di cui non si conoscono bene ancora i confini e le conseguenze!non le sembra poco serio continuare a difendre cio’ che e’ indifendible quanto si vive in un paesino afflitto da una disoccupazione giovanile catastrofica!!non le sembra poco serio pensare che i cittadini la bevano ancora questa storia????Viva la verita’ certo,ma quella vera!!!!!!

    Mi piace

  19. Fabio Novello

    Caro segretario, come già ho avuto modo di dirvi di persona, mi fa piacere sapere che avete idee di rinnovamento, idee per un futuro diverso e soprattutto idee che mirano al coinvolgimento totale di noi giovani, se giovane posso definirmi anch’io, nel mondo della politica…. Certo non posso condividere invece l’idea del curriculum, perchè pur non avendo laure, pur non essendo bravi nell’uso della grammatica italiana, le idee, i valori, la moralità, la serietà, e soprattutto il rispetto degli altri sono caratteritiche che io noto in ogni giovane sansostese. Anche il mio diploma, la mia laurea, la mia funzione di rappresentante delle Forze dell’Ordine, vanno al di là della persona, del Fabio NOVELLO, del sansostese. Ogni giovane sicuramente potrà portare il proprio contributo al nostro paese, che ha bisogno di idee nuove, di pensieri diversi, ma soprattutto ha bisogno di persone che non abbiano interessi, che non siano condizionati dalle promesse. I “maripioni” sono si empi di esperienza, ma di che tipo? In giro forse, ci sono tante persone cghe pur non avendo fatto politica, hanno esperienza o no? Caro segretario è chiaro che chi ha governato fino ad ora ha promesso, e non sempre il legale, ma anche il diverso… Poi ancora, quando guardo parlo ed ascolto persone come l’amico Luigi Sirimarco, mi rendo conto che i suoi pensieri, il suo modo di fare rispecchiano la voglia di chi, davvero, fa tutto con il cuore, con amore, per la famiglia, per il suo paese e per chi ha bisogno. Ed allora dico: siccome tutti abbiamo queste idee, tutti vorremmo il bene di chi soffre, tutti vorremmo far tornare San Sosti il paese che una volta tutti invidiavano, allora rimbocchiamoci le mani, uniamo i cervelli (laureati e contadini), diamo ad ognuno la possibilità di dare il suo contributo alla politica, intesa come NUOVA POLITICA, come POLITICA DIVERSA, come POLITICA DEI GIOVANI, e soprattutto come POLITICA PULITA, POLITICA DEL DISINTERESSE e POLITICA per San Sosti. Cerchiamo di preparare davvero una strada nuova, all’insegna dell’amicizia, del rispetto, della fratellanza, della mancanza di interessi, e se contano le persone facciamole contare, indipendentemente dal simbolo che vogliono rappresentare. Per San Sosti serve l’Italia dei Valori? Serve il PD? Serve il PDl? Servono altri simboli. NO… servono le persone che vi fanno parte, servono i sansostesi, e magari, dai potenti politici che chiedono di portare il loro simbolo in una competizione elettorale comunale, facciamolo, ma poi non facciamoci abbandonare, e se serve sputtaniamo a tutti anche le loro false promesse di aiuti economici ai nostri piccoli centri. Solo così potremo migliorare. Io sono a completa disposizione segretario, per confronti, dibattitti e soprattutto per preparare, insieme a chi ne ha davvero voglia, la formula giusta per dare nuova luce al nostro paese. W SAN SOSTI W I SANSOSTESI

    Mi piace

  20. Viva la verità

    Per Indiscreto.
    Come volevasi dimostrare: Ho chiarito chi è il vero datore di lavoro degli LPU/LSU ovvero la regione calabria e ti ho smentito sul fatto che il comune di san sosti paghi i lavoratori. Per il resto volevo spostare la discussione sui problemi reali di questo paese: problemi di cui nessuno vuole realmente parlare, forse perchè ognuno ha qualche scheletro nell’armadio,altrimenti non me lo spiego.
    Del resto come si fà a parlare di problemi da niente come qualche milione di euro di deficit del Comune o della chiusura della banca carime o dei negozi che chiudono o dei sansostesi che vanno ad abitare a Cosenza o altrove quasi per disperazione o… e potrei continuare; ma forse così parlerei veramente dei problemi di San Sosti e questo non lo si vuole.
    Tutto sommato è più facile parlare degli LSU/LPU.
    Così non si offende nessun altro e le cose possono continuare come in passato.
    Del resto in un piccolo paese come il nostro le cose si sanno eccome per cui il giochetto di parlare sempre e soltanto degli LSU si è capito e si è talmente cronicizzato che questi lavoratori neanche più si difendono. Quindi caro Indiscreto abbi un moto di orgoglio e prova a descrivere veramente i problemi di questo paese. Se Sei serio, ma questo vale anche per molti altri soggetti che scrivono su questo blog, continua la lista partendo dal punto che più ti piace ovvero:
    1) LSU/LPU ….. continua
    2)……………….
    3)……………….
    4)……………….
    5)……………….
    etc.
    Cordialmente e senza offesa.
    Viva la verita.Quella vera.

    Mi piace

  21. INDISCRETO!!!!!

    Certo!!i problemi di San Sosti caro difensore della verita’ sono tanti,facciamo un elenco?anche se sarebbe infinito,possiamo sempre parlare d’altro,ma con questo non mettiamo comunque nel dimenticatoio cio’ che I SOLITI LPU rappresentano,almeno come riferimento e da prendere come esempio per la loro scarsa propensione a svolgere il proprio lavoro,PULIZIA DELLE STRADE,come dsa progetto,mentre decine e decine di ragazzi non hanno la possibilita’ nemmeno di lavorare un solo giorno,magari essendo molto piu’ volenterosi e bisognosi!!1poi una domanda:prendiamo la chiusura della banca,come mai nessuno ha mosso un dito o detto o fatto qualcosa,quando si vociferava tale chiusura?la verita’ vera e’ che siamo abituati a parlare solo quando il problema e’ diventato irrisolvibile non prima,la verita’ che al contrario di quello che tu dici,si vorrebbe mettre da parte e non parlare piu’ di questi famosi LPU,perche’ per molti e’ diventato imbarazzante continuare a difenderli,quindi si vuole parlare d’altro!!ma sai mettiti nei panni di chi un lavoro non l’ha mai avuto!!SENZA OFFESA

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...