Il comune di San Sosti è stato commissariato

Questa mattina, il Prefetto di Cosenza, S.E. Antonio Reppucci, ha nominato il Commissario Prefettizio del Comune di San Sosti nella figura del dott. Carlo Ponte. Il provvedimento si è reso necessario per assicurare la provvisoria amministrazione al Comune atteso che – precisa la prefettura in una nota – con sentenza emessa dal Tribunale di Castrovillari in data 13 marzo 2010, il Sindaco di San Sosti è stato dichiarato decaduto dalle proprie funzioni e si è dovuto prendere atto dell’impossibilità di ritenere in carica uno dei vicesindaco. Il Prefetto ha conferito all’Organo Straordinario i poteri spettanti al Sindaco ed alla Giunta Comunale.

Annunci

11 risposte a “Il comune di San Sosti è stato commissariato

  1. che delusione

    Mi piace

  2. anonimo per sempre e fiero di esserlo

    quest’ultimo episodio prova una volta per tutte che sirimarco non aveva alcuna intenzione di continuare ad esercitare la sua carica di sindaco.In appello tutto è andato in fumo per un errore organizzato a tavolino e il ricorso in cassazione non è stato presentato perchè si aspettava la notifica della sentenza di appello a detta di sirimarco non ancora arrivata! e’FACILE SCARICARE LA COLPA SUL DE MARCO O SUGLI AVVOCATI … POVERA VITTIMA!L’unica cosa che non è arrivato al sirimarco e che penso non arriverà mai è il buon senso e soprattutto il rispetto nei confronti di un paese che l’ha votato e che proprio nel momento del bisogno è stato lasciato solo… per partire verso “facili” divertimenti!Che vergogna!!!

    Mi piace

  3. Un sincero Augurio di buon lavoro al Dott. Carlo Ponti, a San Sosti abbiamo bisogno di ordine sotto molti aspetti per avviarci a una nuova fase amministrativa più serena.
    Vincenzo Raimondi

    Mi piace

  4. LA SVOLTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Non tutti i mali vengono per nuocere,se la vecchia nomenclatura politica sansostese e’ finita rovinosamente,se dopo trent’anni di poilitica scellerata,l’esito e’ stato quello che tutti ormai sappiamo,significa veramente che e’ giunta l’ora di costruire una nuova classe dirigente per il futuro di San Sosti.L’avvento del commissario prefettizio,al di la’ dei problemi dell’ex sindaco,e’ la certificazione che tutta la vecchia classe politica si e’ autodistrutta sotto il peso delle guerre tra vetusti protagonisti,gente ostinata che si e’ imbarbarita naufragando nella miserie del rancore,della cattiveria,del clientelismo sfrenato,nel dividere la societa’ sansostese.Classe politica che da un trentennio non ha saputo costruire un futuru degno per San Sosti,gente che ha guardato impassibilmente lo spopolamento del paese,gente che non ha saputo gestire il personale del comune,che non ha dato i servizi adeguati ai cittadini,almeno a quelli che hanno sempre pagato letasse.E’ LORA DEI GIOVANI,vogliamo la svolta via tutti coloro che hanno portato il paese al commissariamento.Il dott.Ponti avra’ molto da fare,visto il caos che regna all’interno della casa comunale,speriamo solo che servira’ a qualcosa.VERGOGNA,VECCHI POLITICI!!!!

    Mi piace

  5. Spero che non siano le cantine i luoghi di incontro politico, che i voti non si chiedano con il porta a porta promettendo mari e monti, che i cittadini votino leggendo un programma redatto da persone degne di governare il nostro paese…spero che i cittadini cambino in meglio!!!
    I giovani…non sono la panacea…

    Mi piace

  6. LA SVOLTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Non sono la panacea ma visto chi ci ha portato a tutto questo sono l’unica speranza!non c’e’ altro,non abbiamo altro.Continuare a sperare voltando la testa all’indietro,significa non volere il cambiamento ma significa perseverare come se nulla fosse successo!!!questa e’ la verita’.

    Mi piace

  7. Santino Marasco

    Caro Luigi..
    Sono molto dispiaciuto, per la tua “disfatta politica”. Sei stato un amministratore che tutte le persone vorrebbero avere. Non temere, tu ne sei uscito con testa alta e tale puoi tenerla ogni volta che ti trovi per strada. Io so che da questa tua esperienza hai ricavato un qualcosa in più da potere mettere nel tuo bagaglio culturale e personale, ma io penso, che questa volta, al nostro paese, di cultura ne abbia più data. Io auguro che di queste esperienze tu ne faccia ancora tante, ma ti stimo, ti ho stimato, e non continuerò a stimarti di più, per il Luigi di “Ohi San Sosti”, il Luigi delle varie commedie, di Luigi delle serenate, del tamburrello, di Luigi di “Gannamaria” che del Luigi assessore.
    Un abbraccio fraterno …………………………………
    e per sempre….Santino.

    Mi piace

  8. Non giovani ma UOMINI e PROGRAMMI…

    Mi piace

  9. LA SVOLTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Giovani e programmi,uniti a uomini nuovi per un paese che ha dilapidato quasi tutte le risorse umane,ambientali,culturali e chi piu’ ne ha piu’ ne metta,per colpa dei soliti vecchi,vetusti,passati e ultrapassati cosiddetti volponi della politica.Non abbiamo bisogno di volponi ma di gente seria e onesta che vuole bene al paese e alla sua gente,senza volponerie varie e sopratutto privi di sentimenti rancorosi che hanno portato al commissariamento!!!!!dopo trent’ anni e’ giusto e naturale che si cambi e profondamnte!!

    Mi piace

  10. Cari Sansostesi, mettiamoci davanti ad uno specchio e guardiamoci in faccia..
    IL POTERE LOGORA CHI NON CE L’HA (G. Andreotti) , e chi ce l’ha non può farne a meno.
    Ora crediamo che i nostri giovani possono prendere in pugno la situazione e dare una svolta decisiva alla triste situazione Sansostese?
    I debiti del comune si cancelleranno in questi mesi? Tutti i lavoratori (socialmente utili)che sono nel comune cosa faranno a chi prometteranno il loro voto…… i dipendenti comunali e le ditte con chi stringeranno alleanza? CHI si presenterà e avrà il coraggio di far lavorare meglio queste persone? Di fare appalti pubblici e non privati? Di far lavorare persone che hanno bisogno di lavorare non per mantenere la macchina ma la famiglia? Mi faccio queste domande visto che in questi mesi non ho letto ,e in questi anni, sentito altro: “ Tizio fa quello che gli pare perchè ha dato il voto a Sempronio “ oppure “ il sindaco, o chi per lui, fa lavorare a Tizio e non a Caio perché il voto gli è stato dato da Tizio”.
    Chi ha fatto cosa, senza il nostro permesso. Noi li abbiamo votati noi li abbiamo eletti e RIELETTI siamo stati noi a supportarli e a CHIEDERE. La colpa è nostra, loro ne hanno solo approfittato….

    Mi piace

  11. LA SVOLTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    l’importante e’ mom rivotarli,semplice,cosi’ non potranno piu’ approfittarne!!ormai quello che e’ stato e’ stato,ma perseverare significherebbe una sola cosa:che i sansostesi meritano tali personaggi, che i sansostesi non capiscono qual’e’e il bene ed il male,che i sansostesi non sono in grado di autodeterminarsi e che hanno bisogno di questi ,vetusti,passati e strapassati personaggicchi della recente storia fallimentare.RINNOVAMENTE,FACCE NUOVE,NUOVE IDEE,questo occorre,questo sara’.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...