LA SCOPERTA DI UN INTENDITORE DI OPERE D’ARTI

Di Luigi Sirimarco

Voglio innanzitutto sottolineare che quanto sto per esporre, altro non è che la descrizione di una situazione, che onestamente offende la dignità di alcune persone,che per sfortunati motivi economici, si trovano coinvolti e messi in piazza, da persone che più fortunate, non si fanno scrupolo alcuno nel criticare gratuitamente il mio operato durante questa mia prima esperienza politica, (perché in coscienza ho lavorato con impegno, onestà, serietà, trasparenza, abnegazione e senso del dovere istituzionale e rispetto verso tutti i cittadini di San Sosti che mi conoscono da quando sono nato e cresciuto proprio dinanzi il Municipio) e soprattutto è rivolta solo ed esclusivamente ai quattro consiglieri di minoranza, gli unici, a non aver capito che questi miei valori sono autentici e non  nati per fare politica. Forse un così grave e falso abbaglio discriminatorio ed ingiustificato dei fatti,  comprensibile solo per i tre consiglieri, è dovuto esclusivamente al potere di plagio del loro capo di minoranza, che giornalmente staziona, sicuramente per abitudine, all’interno e/o nelle pertinenze del Palazzo Municipale.
La mia Amministrazione e la cittadinanza, cari tre consiglieri di minoranza, non può certamente sapere quello che vi riporta il vostro capo, posso solo testimoniare che ha più volte visionato la documentazione nella sede del Comune, senza mai aver obiettato sulle scelte e sui modi, o altresì lamentato evidenti disuguaglianze tra le famiglie individuate.
Sarebbe stato molto più elegante e dignitoso per la delicatezza del contenuto trattato nel vostro manifesto, documentarsi prima, seguendo il buon esempio di San Tommaso, invece di affidarsi ad un artista improvvisato e convinto intenditore di quadri d’autore…
Ma tutti e  tre contagiati dal vostro capo, non vi siete risparmiati nelle insinuazioni calunniose, e poco importa se si offende  l’amico o il compare…tanto il fine giustifica i mezzi!
Qui di seguito, voglio precisare che in merito ai sussidi sono state intraprese queste procedure:

  • Delibera di giunta n. 10 Approvazione Progetto “Area Famiglia” atto di indirizzo datata  28.01.2010
  • Determina n. 20 del 13.04.2010 Attivazione Progetto Area Famiglia e  approvazione avviso pubblico
  • Bando pubblico affisso in formato foglio A3 in tutto il paese e contrade, riportante regolare protocollo, requisiti richiesti e quant’altro di informazione alla popolazione ( per le affissioni in paese se ne è occupato Pasquale Fasano, altro che non è stato pubblicizzato!!! – i fogli A3, sono i fogli GRANDI);
  • A domande presentate, le valutazioni per i sussidi sono stati attentamente vagliati dall’Assistente Sociale che ha provveduto a relazionare in merito singolarmente su tutti i beneficiari al solo fine di determinare effettivamente i più bisognosi.
  • Tutte le domande e le circostanze rilevate al punto precedente, sono state vagliate congiuntamente all’Ufficio Servizi Sociali dall’intera Giunta Comunale che ha senza alcuna benché minima circostanza, approvato quello approntato con coerenza, trasparenza e professionalità da parte dell’Ufficio Comunale dei Servizi Sociali.

Mi spiace cari CENZINO, FRANCO, ENZO, ANTONIO, eludere le vostre aspettative: non pratico la falsa politica porta a porta e tantomeno non ho diviso i sussidi tra le persone a me vicine e che non hanno bisogno.
Da tempo vengo accusato di non aver esperienza politica da parte della minoranza consiliare. Ebbene avete ragione! Perché se la politica è  quella dei compromessi, degli interessi personali, dello sfruttare l’Ente comunale con tutte le attrezzature e strumentazioni annesse e connesse solo per il tornaconto dei voti a scapito dei contribuenti, allora non mi appartiene. Ma se la politica è stare in mezzo alla gente, con i problemi della gente, sempre e comunque, vuol dire che io faccio politica da quando sono nato!
Ho rinunciato all’indennità di Assessore, non ho mai fatto un buono carburante a carico del Comune (chiedesi all’Ufficio Tributi) nonostante i viaggi fatti per conto dell’Ente, raramente ho utilizzato il telefono del Comune, non ho mai promesso e concesso terreni comunali a nessuno, non ho mai utilizzato il mezzo meccanico del Comune per realizzare strade, stradine, fondazioni di muri e quant’altro in terreni privati, non mi sono mai vantato di essere amico dei politici che contano…
Tra i miei amici “altolocati” spiccano i nomi delle persone più umili e modeste della nostra comunità… E NE SONO FIERO!

Cari tre Consiglieri di minoranza chiedete ai vostri concittadini se sono presente e come opero, sentite la loro voce e non la voce di chi mi vede solo come un avversario politico; perché non si può colpire chi lavora e sottolineo lavora per il bene comune.

Per concludere, il mio operato è sotto gli occhi di tutti…agosto sansostese compreso…e non capisco come il mio amico consigliere Antonio possa condividere e sottoscrivere un manifesto denigratorio quanto lui stesso ha visto con i suoi occhi, nella sola serata che l’ha visto coinvolto, i sacrifici fatti e i favori personali chiesti per la buona riuscita dell’ intera manifestazione.

“LA POLITICA E’ CONFRONTO…NON SCONTRO!!!!”

Ora mi scuserete ma non vorrei levare del tempo prezioso alla prossima festa in programma…alla quale vi invito fin d’ora ad essere presenti e attivi!

IL QUADRO DA INCORNICIARE, quindi,  SI COMMENTA DA SOLO!

San Sosti, lì 21 settembre 2010

Assessore Luigi Sirimarco

*L’AUTORE DEL PRESENTE SCRITTO ACCETTA SOLO COMMENTI FIRMATI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...