Roma Capitale, l’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma promuovono la mostra sul lavoro di un illustre Sansostese.

Fonte: forchecaudine.com

ROMA – “Lavorare in bianco e nero. Mario Carbone: il lavoro negli anni Cinquanta e Sessanta” è il titolo di una straordinaria mostra multimediale su argomenti che spaziano dall’occupazione delle terre da parte dei contadini alle interviste degli operai nelle fabbriche e altro ancora.
Quaranta fotografie in bianco e nero e quattro docufilm in rassegna alla Casa della Memoria e della Storia di Roma dal 30 ottobre al 4 dicembre 2010.
L’iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione in collaborazione con Zètema Progetto Cultura e curata da Annalisa Di Domenico.
Il mondo del lavoro negli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento è il tema centrale proposto dal fotografo e regista Mario Carbone nelle inquadrature di “Lavorare in bianco e nero”. Immagini che arrivano da un’Italia apparentemente lontana e dimenticata, ma che attraverso queste fotografie e filmati torna prepotente alla memoria collegandosi alla realtà contemporanea e fornendo spunti di riflessione molteplici su un diverso approccio al lavoro e alla vita, anche considerando i problemi attuali di crisi economica e precarietà lavorativa.
I docufilm in programma sono: La fabbrica parla (regia di Mario Carbone, 1967); Sedici anni dopo Melissa (regia di Mario Carbone, 1965); L’isola più lontana (regia di Mario Carbone, 1965); Dove la terra è nera (regia di Mario Carbone, 1965).
In mostra dunque la realtà sociale ed economica di un recente passato, un mondo in cui “si lavorava per mangiare”, ogni azione quotidiana era rivolta alla famiglia e alla collettività e non avanzava molto tempo per attività diverse da quelle lavorative. Documenti utili con cui confrontare le condizioni dei lavoratori di ieri con quelle di oggi, riflettere sul lavoro minorile, o “vedere” un mondo del lavoro privo di regole e tutele.
Mario Carbone, nato a San Sosti (Cosenza) nel 1924, apprende giovanissimo il mestiere di fotografo svolgendo un lungo apprendistato in diversi laboratori professionali. Il successivo trasferimento a Milano segna la nascita del suo interesse per la cronaca e la documentazione che si fa ancora più convincente nel 1955 con l’arrivo a Roma e l’avvio di un’intensa, quanto impegnativa, attività documentaristica in campo cinematografico.Nel 1960 è in Lucania in compagnia di Carlo Levi per visitare i luoghi del romanzo autobiografico Cristo si è fermato ad Eboli. Le immagini realizzate durante questo viaggio confermano la sua propensione per una fotografia di indagine sociale.

DOVE E QUANDO
Casa della Memoria e della Storia
Via San Francesco di Sales, 5
dal 30 ottobre al 4 dicembre 2010. Lunedì 1° novembre chiusura festiva
Orario: dalle 9.00 alle 19.00
Chiusura: Domenica
Ingresso libero

Info
Telefono: 06 6876543 – contact center 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00)
Sito: http://www.comune.roma.it/cultura
Promotore: Roma Capitale Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – in collaborazione con Zètema Progetto Cultura

Annunci

Una risposta a “Roma Capitale, l’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma promuovono la mostra sul lavoro di un illustre Sansostese.

  1. Qualche notizia in più su Mario Carbone, relativa al nostro paesello, non guasterebbe. Grazie a chi si impegnerà a trovarle. Peppino

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...