Il dio impazzito del fuoco

di Francesco Capalbo

L’esempio della “monnezza” sansostese sembra avvalorare l’idea che nei nostri abbandonati paesi non esistano vie di mezzo: o l’immobilismo o le illusioni.
E’ risaputo infatti come la maggioranza consiliare che amministra la malasorte del Comune di San Sosti non sia riuscita a gestire, per palese ed interessata incompetenza, il problema della raccolta e dello smaltimento dei pochi chilogrammi di rifiuti prodotti in paese.
Incapaci di porre rimedio a tale disservizio, i sopraddetti consiglieri si sono comportati come una sestiglia di illusionisti. Hanno tirato fuori dai loro vuoti cilindri un esilarante protocollo d’intesa per la realizzazione di un impianto continua a leggere su Mille storie mille memorie

Annunci

2 risposte a “Il dio impazzito del fuoco

  1. Condivido pienamente il contenuto dell’articolo di Capalbo perché affronta con il tipico e efficace stile graffiante e dissacratorio la problematica del “dissociatore molecolare” spogliandolo da false aspettative e da idiote convinzioni che, ahimè, stanno sempre in agguato nei ragionamenti delle menti incapaci.
    E’ necessario curare le piccole cose… sono quelle, difatti, che danno quotidiano decoro al paese!
    Francesco Marasco

    Mi piace

  2. no comment

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...