Archivi del mese: giugno 2011

Per i lettori un vademecum sul referendum del 12 e 13 giugno

QUESITO 1 (Servizi pubblici locali)
Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica – Abrogazione

Fac-simile scheda

Volete voi che sia abrogato l’art. 23 bis (Servizi pubblici locali di rilevanza economica) del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112 “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria”, convertito, con modificazioni, in legge 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dall’art. 30, comma 26, della legge 23 luglio 2009, n. 99, recante “Disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia” e dall’art. 15 del decreto legge 25 settembre 2009, n. 135, recante “Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee”, convertito, con modificazioni, in legge 20 novembre 2009, n. 166, nel testo risultante a seguito della sentenza n. 325 del 2010 della Corte costituzionale ?

QUESITO 2 (Tariffa servizio idrico)
Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito
Abrogazione parziale di norma

Fac-simile scheda

Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell’art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in materia ambientale”, limitatamente alla seguente parte: “dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito” ?

QUESITO 3 (energia elettrica nucleare)
Abrogazione delle nuove norme che consentono la produzione nel territorio di energia elettrica nucleare

Fac-simile scheda

Volete voi che siano abrogati i commi 1 e 8 dell’articolo 5 del decreto-legge 31 marzo 2011 n. 34 convertito con modificazioni dalla legge 26 maggio 2011 n. 75?

QUESITO 4 (legittimo impedimento)
Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte costituzionale

Fac-simile scheda

Volete voi che siano abrogati l’art. 1, commi 1, 2, 3, 5, 6 nonché l’art. 2 della legge 7 aprile 2010, n. 51, recante “Disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza” ?

Si vota Domenica 12 giugno, dalle ore 8:00 alle ore 22:00, e lunedì 13 giugno, dalle ore 7:00 alle ore 15:00.

Incompatibilità del sindaco, sarà il Tar ad entrare nel merito dell’annosa questione

Articolo San Sosti 08-06-2011 - GoladelRosa.eu

Cliccare sull’immagine per ingrandire

Manifesto: “I bravi soldatini”.

Il 31 maggio 2011, in seno al Consiglio Comunale di San Sosti,  quel che resta dell’attuale maggioranza ha compiuto il più vergognoso dei suoi atti, approvando un bilancio comunale che si regge (stando a una contabilità comunque fasulla!) sull’aumento della tassa per la spazzatura che è addirittura del 45%! È un provvedimento di una vergogna inaudita, utilizzato per aggirare il parere negativo del revisore dei conti e che serve esclusivamente a puntellare le poltrone sdrucciolevoli di questi amministratori, determinati ad arrivare alle prossime elezioni comunali gestendo saldamente il “potere” e, quindi, la forza clientelare che ne deriva (ovviamente dal loro punto di vista!).
Infatti, quest’aumento spropositato è del tutto gratuito e ingiustificato poiché è dovuto semplicemente e soltanto ai “capricci” personali degli assessori De Simone e Sabetta, i geniali inventori dell’appalto della raccolta dei rifiuti, costato al Comune (e quindi alle famiglie sansostesi) ben 60.000 euro in più.
Ma come se tutto questo non bastasse, gli stessi amministratori, mentre infilavano le mani nelle tasche dei cittadini si sono permessi il lusso di resuscitare l’indennità di carica per il sindaco e gli assessori. Un’indennità che per il sindaco è di 500 euro mensili e che certamente è un giusto compenso per uno che non si è mai visto né in paese né in Comune! Cosa volete: la legge lo consente, e peggio per i fessi che devono sottostare e tacere!
Ebbene, una manovra così scandalosa, un oltraggio così volgare alla dignità e all’intelligenza dell’intera cittadinanza è stato commesso nell’assoluta indifferenza dei sette (I Magnifici Sette!) componenti della maggioranza: nessuno ha aperto continua a leggere su www.vincenzoliva.it

Bando per assegnazione alloggi di edilizia residenziale pubblica

COMUNE DI SAN SOSTI
(Prov. di COSENZA)
(Tel. 0981/60151/2 Fax 61631)
E-mail: comunedisansosti@tiscali.it

Prot. n° 1015

AVVISO PUBBLICO

SI AVVISA LA CITTADANZA CHE IN DATA 23.05.2011 PROT. N°1014 E’ STATO PUBBLICATO IL BANDO DI CONCORSO INTEGRATIVO PER L’AGGIORNAMENTO DELLA GRADUATORIA DEGLI ASPIRANTI ALL’ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI NEL COMUNE DI SAN SOSTI. LEGGE 25.11.1996, N° 32 E SS.MM.II.

IL BANDO COMPLETO ED IL MODELLO DI DOMANDA POSSONO ESSERE RITIRATI C/O L’UFFICIO TECNICO COMUNALE DURANTE LE ORE DI UFFICIO.

          IL SINDACO                                    IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
(Ing. Michele Sirimarco)                                    (Mario De Simone)

Il califfo satiro e…gli odori della sinistra

di Francesco Capalbo

E’ bastato che il califfo satiro affermasse che quelli di sinistra si lavano poco perché come un segugio, mi ritrovassi incuriosito ad annusare gli odori che emanano le persone, in modo da indovinarne le simpatie politiche.
Ho scoperto ad esempio come il mio vicino di casa, un malandato vecchietto che appesta l’ascensore, sia probabilmente un indomito leninista: usa l’aglio invece dei farmaci per tenere a bada la sua esuberante pressione.
Ho riconosciuto dal puzzo di fumo, la quasi certa simpatia di Aldo per il bolscevismo. Alleva la sua rabbia con nascoste tirate di Marlboro: teme, a più di sessant’anni, che la sua onorata carriera da bidello possa aver termine non per infarto, ma per un malefico decreto di Mariastella Gelmini.
Ho identificato dall’effluvio di mortadella, un covo di continua a leggere su Mille storie, mille memorie.

Un cantiere senza fine

Segnalazione di Giovanni Vitale a “il Quotidiano della Calabria” che scrive:

San Sosti. Una delle vie del centro ancora in panne da 8 mesi.
Da otto mesi gli abitanti di una delle principali vie di questo centro storico è un cantiere senza fine. Divieto del transito abituale, divieto di sosta per le auto dei residenti, ma anche disagi per le persone anziane che vi abitano: tutto ciò sta provocando un lavoro, di cui committente è il Comune, e che faceva prevedere tempi meno biblici.
Si doveva provvedere alla sostituzione di una parte della rete idrica comunale, e alla posa della rete del gas metano. I tempi infiniti hanno provocato quel tipo di disagio e di protesta da parte dei residenti, che chiedono alle autorità locali di sollecitare la definizione dei lavori con la pavimentazione di via Diaz, appena 700 metri di strada.  (a.v.)