8 Aprile 2013: Il ricordo di Giacomo Mancini

Di Michele Iannello

Sono passati ben 11 anni dalla morte di Giacomo Mancini. Nelle persone che hanno avuto modo di conoscerlo rimane vivo più che mai il ricordo del  suo temperamento, la sua vocazione “territoriale” il suo essere Calabrese  fiero ed orgoglioso. Sindaco non “dormiente”, mentre la città assopiva lui, da lassù da quel castello suo osservatorio naturale ne scrutava l’orizzonte. Ne ho sempre apprezzato la sua pragmatezza, il suo garofalo rosso per eccellenza sinonimo di passione e uguaglianza. Unico “legante” tra Città e Provincia. Un territorio difficile il nostro, da sempre alle prese con problemi di collegamenti, viabilità ma soprattutto abbandonato dalle Istituzioni. Ebbene, Giacomo Mancini non è stato solo il Sindaco di Cosenza ma bensì, il rappresentante di un vasto territorio che aveva bisogno di essere tutelato e rappresentato. Lo vorrei oggi, in un momento dove lo Stato è alle prese tra emergenza e tolleranza, per difendere il diritto delle minoranze. Ha dato tanto, una presenza organizzata del lavoro, infrastrutture e industrie una storia storia lunga più di 80 anni. Politica come servizio, che sappia rispecchiarsi con i problemi attuali del paese, quella giustizia sociale che in questa fase umilia un padre di famiglia perché non sa come mantenere i figli ed educarli. Dalla sua scomparsa si è perso il socialismo vero, il vero senso della democrazia un uomo che rappresentava al meglio la dignità di noi calabresi. Giampiero Mughini, in un suo libro scriveva: L’aria si spostava per far passare Giacomo Mancini. La sua esperienza e sapienza politica ci manca, manca a tutti noi che amiamo la politica a servizio della nostra terra.

Annunci

Una risposta a “8 Aprile 2013: Il ricordo di Giacomo Mancini

  1. Peppino De Luca

    Bravo Michele. Mancano assieme a lui tantissimi calabresi, del recente passato, che hanno lasciato l’impronta del loro ” essere al servizio del popolo.”
    Da tempo molti nostri politici sono al servizio di se stessi e delle loro compriccole. Mi viene di ricordare alcuni dei nostri eroi: Tonino Guarasci,
    Cassiani, Misasi, GULLO, e tanti altri. Un saluto, Peppino De Luca

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...