Archivi tag: Cesare De Rosis Spezzano Albanese

Dopo Monti? L’inevitabile diluvio.

Di Cesare De Rosis

La situazione italiana è drammatica e la politica non dà risposte. Lo scenario stesso non è dei migliori. Emerge un Movimento 5 Stelle, agile e destabilizzante. Se il recente esito del voto siciliano si proiettasse su scala nazionale, ne verrebbe fuori un quadro politico indecifrabile. D’altro canto il voto di protesta per la lista di Beppe Grillo, come ebbi già a scrivere di recente già in altra sede, è perfettamente comprensibile. Anche se gli indignati non riescono a fornire un progetto preciso della nuova economia, della nuova società o dell’uomo nuovo, che dovrebbero sostituire i modelli dell’ancien régime. Tutte le terapie proposte sembrano parziali e nessuna ispira una fiducia assoluta. A questa anomalia se ne aggiunge un’altra: la democrazia “viziata” vigente in Italia. Con il governo Monti la democrazia non è sospesa, ma la situazione è comunque anomala. Casini,”ottimo” politicante figlio perfetto della prima Repubblica, ha di recente rilasciato alcune dichiarazioni che lasciano di sasso. “Noi lavoriamo perche’ alle prossime elezioni politiche Mario Monti sia richiamato in servizio permanente effettivo e sia investito dalla gente della possibilita’ di continuare a lavorare”. Lo dice il leader dell’ Continua a leggere

UN MONTEPULCIANO CON PIO IX

Di Cesare De Rosis

E’ in corso di stampa un volume sull’Unità d’Italia sotto la microstoria del nostro territorio e il suo hinterland dal titolo: “Spezzano Albanese per l’Unità d’Italia”.  A questo volumetto, che va a colmare – grazie al contributo di Francesco Marchianò – un vuoto della nostra storia locale, ho dato un modestissimo contributo curandone gli aspetti introduttivi a mò di prefazione senza sviluppare, per ragioni di spazio in primis, alcune note che mi stavano a cuore. Essendo, poi, un lavoro d’equipe sarebbe stato di poco gusto caratterizzare l’elaborato con idee non da tutti condivise. Ad aiutare questa mia breve riflessione viene incontro un una lettera pubblicata sul quotidiano “Avvenire” il 19 settembre 2010 a firma di Simone Baroncia.

Ricorrono i 140 anni della “presa di Roma”. E’ vero che la Continua a leggere