Archivi tag: Pietro Bruno

“Ricordi d’Autunno”

Di Pietro Bruno

PREMESSA
Carissimo Raffaele,  ti invio questo mio racconto che spero tu voglia pubblicare sul sito, esprimendo il mio forte  rammarico e dispiacere che ho avuto nell’apprendere la notizia che giorni fa alcuni posti da me citati nello scritto sono stati distrutti dalle fiamme.
Questa degli incendi è purtroppo una piaga che puntualmente si apre ad ogni estate e che anno dopo anno ci porta via parte del nostro patrimonio boschivo.
Dolosi? Colposi? Non si sa. Una cosa è certa, dopo tantissimi anni, ancora non è stata data una risposta adeguata alla prevenzione di tale grave fenomeno.
Spero non sia questa estate simile all’estate di qualche anno fa dove il fuoco ha praticamente distrutto metà dei boschi nella provincia di Cosenza.
Ognuno faccia la propria parte, e tu con il sito, facendo conoscere tali efferatezze, fai una meritevole opera di sensibilizzazione di cui ti siamo tutti riconoscenti.
Detto questo, aggiungo che se immediatamente pubblicato, il mio scritto seguirà alla maestosità letteraria di Fratello Giovanni, che adoro e che saluto. Spero non sfiguri eccessivamente di fronte all’immenso talento a cui mi inchino con rispetto.

I miei ricordi adolescenziali si sincronizzano e si intrecciano, quasi a fondersi, con  le quattro stagioni dell’anno.
E’ come se avessi, mentalmente, incardinato tutti i ricordi, in modo imprescindibile ed inseparabile, nel contesto delle stagioni e del trascorrere di esse e il rievocarli  mi porta a rivivere la bellezza e le peculiarità che ognuna di esse assume o meglio, assumeva, visto che ora non esistono più, specialmente nel bellissimo contesto naturale  dove sorge il nostro paese.
Non ho nessuna Continua a leggere

Annunci

Molti disagiati avranno casa: il Funzionario del Ministero delle Infrastrutture e dei T., Bruno, ci spiega come.

Di Pietro Bruno

Avere una casa di proprietà rappresenta per tutti un sogno; per alcuni è facilmente realizzabile per altri è molto difficile che si realizzi, nonostante i sacrifici di una vita. Tantissimi nostri concittadini sono stati costretti ad emigrare in terre lontane per poi avere quella disponibilità economica da finalizzare alla  costruzione di una piccola casa. Come Funzionario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e come collaboratore del Sottosegretario delegato alle Politiche abitative sono orgoglioso di informarvi che ieri è stato varato ed avviato dal Governo il “PIANO CASA”. Cercando di essere breve, vi riferisco di cosa si tratta e come funzionerà.

In cinque anni è possibile edificare 50mila nuovi alloggi 

Il piano casa per l’edilizia residenziale predisposto dal Continua a leggere

L’amicizia e l’ospitalità del sansostese.

Di Pietro Bruno

Grazie a tutti gli amici. Auguro nuovamente Buon Anno a tutti con la speranza di ritrovarci nuovamente ed al più presto a trascorrere questi momenti di serenità, di aggregazione e di ospitalità, che hanno sempre contraddistinto tutti i Sansostesi.
Il bello del nostro Paese è quello che ad un certo punto si mettono da parte risentimenti, rancori, divisioni e si ritorna ad essere amici, magari attorno ad un Continua a leggere

Apriamo una nuova pagina

Questa volta mi rivolgo  agli amici che rappresentano, in seno al Consiglio comunale di San Sosti, la componente di minoranza ma, indirettamente, anche a tutti gli altri amici che a San Sosti si occupano di politica locale. Nel vostro ultimo intervento sulle pagine di questo sito intitolato “la maggioranza è a pezzi….”, rilevo, non solo un esercizio di quelle che sono le vostre funzioni, alle quali siete stati delegati dal Popolo, ma intuisco, tra le righe, anche un grido di dolore, quali Sansostesi, per i pessimi risultati raggiunti da chi ci ha amministrato, per i dieci anni passati, che hanno visto disattendere tante promesse e perdere tante opportunità, in termini di sviluppo, di occupazione, di rilancio del Comune. Non starò, questa volta, a parlarvi dei tanti programmi ministeriali, regionali, e di altre attività, che chi amministra e si mette al timone, dovrebbe conoscere ed inseguire come il leone insegue la gazzella; non starò questa volta ad elencare tutte le potenzialità, che San Sosti ha, in quanto le conoscete benissimo (più di me); non starò, questa volta, a dire quello che si poteva fare e non è stato fatto;  non starò nemmeno più a ripetere che per amministrare bene un Comune bisogna conoscere bene la macchina burocratica, avere intraprendenza politico- amministrativa, fare gioco di squadra e connettere il Comune ad un Sistema Integrato del Territorio e superare così i confini ristretti dell’ambito comunale stesso, favorendo, così, uno sviluppo armonico di una intera zona, territorialmente, culturalmente omogenea: non starò, questa volta, a dirvi, che ormai, lo Stato, interviene su Macrozone, promuovendo interventi Integrati di Area Vasta, (territorio, mobilità, sviluppo urbano, occupazione, industria ecc.), allontanandosi sempre di più da quella che era l’attività dei Finanziamenti a Pioggia che si è dimostrata inadeguata ed inutile; questa volta, carissimi Vincenzo, Enedino e Fabio, non è da tecnico che parlo, ma da sansostese come voi, che con rammarico, prende atto che, “siamo di fronte ad un fallimento di un progetto politico”. Un fallimento che ha comportato dieci anni di ritardi (direi anche quindici), dieci anni di treni persi, dieci anni in cui non si è fatto gioco di squadra ma, si è operato, in termini inadeguati e con metodi ormai vecchi. Non è questo o quel finanziamento che non si è stati capaci di ottenere; non è questo o quel servizio che non si è stati capaci di fornire o di istituire o di intensificare. Il fallimento è stato su tutta la linea. Anche dal punto di vista economico-finanziario. E’ stato detto chiaro o no? Si è ricorsi ad adottare l’utilizzo dell’Eolico (sottoscrivendo una Convenzione, mi sembra; non ho letto le carte nè mi interessa leggerle perché so che fine ha fatto l’Eolico in tutto il meridione; ma non è questo il problema!), non perché ci si creda veramente, ma per problemi di Bilancio. E’ questa  la cosa più triste! Si è dovuto inserire nel Bilancio quell’elemosina di 104.000,00 Euro, per non dichiarare fallimento. Ma gli altri Comuni, come fanno? Fanno la colletta? Tempo fa  è stato venduto un bellissimo bosco nella località di Casiglia, che per riformarsi ci vorranno decenni, perché? Per motivi di Bilancio. Ci dicessero che domani, per salvare il Bilancio, sarà necessario mettere in vendita le nostre case, perché lo faremo volentieri. Così salviamo il Bilancio. Proprio l’altro ieri, ho posto questo problema a degli esperti di Finanza delle Autonomie Locali, che ho conosciuto per motivi di lavoro. Mi è stato detto che i metodi ci sono per risollevare queste carenze finanziarie dei piccoli Comuni, sempre che non si tratti di grossi vuoti; sinceramente, e con tutto il rispetto, credo più a loro che a qualche bravo nostro amministratore. Ma non voglio discostarmi da quello che era lo spirito iniziale del mio discorso. Il mio messaggio è questo: si è perso un decennio, ormai è inutile “Piangere sul latte versato”. Apriamo una nuova pagina, indipendentemente dai giochi di potere, dalle ambizioni personali e quant’altro. Cerchiamo di trovare una intesa più larga possibile, sensibilizzando i Cittadini e spiegando loro, che a nostro parere, avrebbero meritato di più di quello che hanno ricevuto in termini di efficienza amministrativa e di scelte politiche. Si parli anche con le Frazioni. Si faccia in modo che l’informazione circoli e che si abbia coscienza delle difficoltà del momento storico che stiamo vivendo. Ristabiliamo il contatto tra noi cittadini. Chi ha idee, consigli e possibilità li metta al servizio della collettività, senza divisioni di sorta. Resta inteso, a mio modestissimo parere, che non è più riproponibile una formula simile o minimamente affine, o derivata da quella che ha tenuto il timone fino ad ora; da ormai quindici anni. Resto a disposizione per qualsiasi forma di collaborazione, basta che vada nella direzione di una opportunità di sviluppo per il nostro Comune. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi.

Pietro Bruno

L’oro Blu

Di Pietro Bruno

Continua a leggere