Dal comizio del 4 giugno, intervento del candidato Vincenzo Sabetta, lista “Il Quadrifoglio”.

Di Vincenzo Sabetta

Cari amici,

a pochi giorni dalle elezioni amministrative, nelle quali  dovete decidere  a chi affidare le sorti future di San Sosti, vi raccomando di non farvi incantare da chi, con petulante e sospetto piagnisteo,al solo scopo di impietosirvi e avere l’occasione di carpire il vostro voto.
Ma il comportamento degli elettori non avrà certamente nessuna indecisione.
È il momento di recuperare impegno e rispetto e imparare a rappresentare la gente semplice, cosa che evidentemente si dimentica quando si sta troppo tempo nelle istituzioni.
Oggi accanto agli uomini di esperienza ci sono anche i giovani pieni di entusiasmo.
Noi vi chiediamo di essere aiutati a rinnovare il nostro paese,ad aprire nuove strade.
Fin ora è prevalso il cattivo uso delle risorse, ”gli   sperperi”.
E’ nostra intenzione non permettere più certi giri di walzer.
La nostra è una proposta di riscatto del nostro Paese e per questo vi proponiamo una politica di sviluppo e una effettiva partecipazione di tutti alla vita amministrativa.
Le nostre scelte  stanno dalla parte degli interessi generali, non da quelle degli affari.
San Sosti ha bisogno di un Sindaco, di una persona capace, che negli anni ha dimostrato di avere il coraggio delle scelte, fatte nell’interesse del proprio paese, creando  sviluppo ed occupazione. Questa persona è uno di noi, Michele Sirimarco, è stato Sindaco di questo paese e lo sarà ancora che non ha bisogno della mia presentazione  perché è conosciuto in tutto il territorio per la sua capacità imprenditoriale, per gli incarichi  che ha ricoperto e che a ancora ricopre e per la sua umanità davanti ai bisogni dei più deboli,per la disponibilità  ad affrontare i molteplici problemi che ogni giorno i cittadini di San Sosti gli sottopongono.
Non devono, pertanto, nel prossimo consiglio comunale  sedere uomini che, in questi ultimi anni, si sono distinti per inattività, giochi di potere e per clientelismo.
Noi vogliamo vincere con l’aiuto ed il contributo di tutti coloro che credono nella  rinascita del nostro comprensorio. Io, come vedete, sono sempre coerente con le mie scelte; lo dimostra il fatto  che anche in questa occasione sono al fianco del capolista Michele Sirimarco, che mi ha saputo insegnare tante cose, tra cui quella del rispetto dei più deboli e  la disponibilità ad aiutare gli altri per un futuro migliore, ma soprattutto non tradire mai la fiducia  di chi ti ha dimostrato amicizia e portato rispetto (meglio un amico che cento ducati).

Amici ,
se sarò eletto farò in modo che le promesse fatte in campagna elettorale  vengano mantenute, ma soprattutto mi impegnerò per:

  1. rinnovare le figure, i metodi e i sistemi della gestione della cosa pubblica locale;
  2. ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse finanziarie disponibili  con interventi tesi ad evitare gli sprechi;
  3. Nuova efficienza nel settore dei lavori pubblici  con interventi rapidi  e con nuovi progetti  tendendo a realizzare i lavori utilizzando figure tecniche e ditte locali.
  4. Assistenza alla persona, avvio alle attività di prevenzione, sostegno alle famiglie, soprattutto ai casi di maggiore difficoltà.
  5. La più ampia garanzia di maggiore sicurezza dei cittadini, mediante l’adozione di strumenti di prevenzione e la fine di atti di vandalismo, teppismo, emarginazione e devianze giovanili.

Tutti i dati in nostro possesso  confortati dall’atmosfera nel paese  ci dicono che avremo una vasta vittoria,  perciò siamo sicuri di vincere e sin da oggi ci impegniamo a confrontarci con tutte le componenti della società, civile e religiosa, nella speranza di trovare interlocutori attenti e capaci non lupi che gridano “attenti al lupo” di tradurre le buone intenzioni in fatti concreti.
Dobbiamo superare  divisioni e incomprensioni del passato  per guardare al futuro tutti insieme, con fiducia  e serenità.
Il nostro sogno è quello di contribuire  a realizzare una società migliore  con un profilo di civiltà e cultura più nobile ed elevato, nella quale a tutti siano riconosciuti maggiori spazi di democrazia.
Per queste ragioni,  la mia candidatura a consigliere comunale è una sfida che ho accettato di combattere nell’interesse del nostro Paese e del nostro territorio, che potrà essere vinta a condizione che non mi lasciate solo.
Non dimenticate che voi tutti siete il nostro datore di lavoro e noi siamo i vostri lavoratori perciò assumeteci per cinque anni, fateci lavorare dandoci indicazioni e suggerimenti  tali da farci operare  per la collettività e non per il singolo cittadino.

Elettrici,elettori,
con forza e coraggio,
è giunto il momento di dire basta!
Il 6 e il 7 giugno
votate e fate votare
la lista “il quadrifoglio”
con candidato a
Sindaco Michele Sirimarco.

Vincenzo Sabetta

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...